Buon Anno da RPFashion & GlamourNews

A cura di Roberta Pelizer e Jacopo Scafaro 

Tutta la redazione di RPFashion & GlamourNews augura un buon Anno nuovo ai nostri lettori, con la speranza che il 2023 sia veramente un anno migliore.

Non so se anche voi provate la stessa sensazione, ma a me il Capodanno fa sempre un po’ impressione, perché è allo stesso tempo la fine e l’inizio di un ciclo. È difficile lasciarsi qualcosa alle spalle: è un’azione che prevede un salto nel buio, un tuffo a occhi chiusi verso nuove esperienze, che potranno rivelarsi positive o negative. È un’occasione per ricominciare da zero o per continuare quel che abbiamo iniziato e vale la pena portare avanti. È un modo – scrive il Caporedattore Jacopo Scafaro – per stabilire nuovi obiettivi o per rivalutare quelli vecchi, cercando di capire se ci stanno portando proprio dove vogliamo arrivare. È anche una sfida con noi stessi, il momento giusto per metterci in discussione e capire cosa ci piace di noi e cosa vogliamo cambiare. A tutti auguri per un anno spettacolare”.

Roberta Pelizer, Direttore Editoriale del nostro giornale ci dice: “Eccoci qui, alla fine di questo lungo e complicato 2022, come sempre accade il 31 dicembre tiriamo sempre le somme di quello che è successo nei 365 giorni appena trascorsi, alla famiglia, il lavoro, i soldi, gli amici, alle occasioni perse e a quelle colte. Per ognuno di noi c’è qualcosa che non vorremmo più ritrovare mentre per altri la speranza è che resti tutto così com’è, siamo tanti e tutti diversi ma l’augurio che ci accomuna tutti e’ quello che sia più bello per tutti sotto tutti i punti di vista. Abbiamo lottato contro una pandemia che ci ha colpiti tutti per vari motivi, ad alcuni ha causato danni ingenti ad altri un po’ meno ma questo non ci deve abbattere, ma rafforzare. Il mio augurio è quello di poterci affacciare al 2023 con la forza e la speranza, la grinta e la giusta cattiveria per realizzare i nostri desideri e sogni.”

La vita umana è bella e va vissuta in pienezza anche quando è debole ed avvolta dal mistero della sofferenza” diceva Papa Benedetto XVI. Buona vita e buon anno e tutti.

RP FASHION & GLAMOUR NEWS: ci siamo rifatti il look!

di Roberta Pelizer 
La proprietaria e direttore editoriale di Rp Fashion & Glamour News, ci illustra il nuovo percorso editoriale che intraprenderà il nostro giornale. 

È con grande piacere che vi presentiamo il nostro nuovo sito web. Riteniamo che per il giornale sia fondamentale essere presente online con contenuti chiari ed esaustivi sul proprio operato e sugli argomenti che offre, consentendo in tal modo agli utenti di leggere notizie specifiche e sempre interessanti. Abbiamo perciò cercato di arricchirlo di informazioni utili, pur mantenendo una navigazione semplice e intuitiva, oltre che esteticamente accattivante. La necessità di rinnovarci è scaturita perché il sito e la linea editoriale presa nell’ultimo anno, non rifletteva più con le nostre esigenze e i nostri obiettivi, perciò come proprietaria ho deciso di dare una ventata d’ossigeno fresca a tutta la struttura del giornale.

C’è un nuovo direttore responsabile, il Dott. Roberto Marzano, che ha sposato in pieno la linea mia e di tutta la Redazione di RPFashionGlamourNews. Roberto oltre ad avere un bagaglio culturale importante, ha un’esperienza ultra trentennale nel mondo del giornalismo e porterà oltre ad un rinnovato entusiasmo, alcune nuove rubriche. Avremo anche nuovi ingressi nella redazione, dove i redattori già presenti, avranno più libertà creativa; anzi colgo l’occasione per dire a chiunque voglia raccontare esperienze personali o emozioni, di contattarci. Jacopo è stato promosso a Vice Coordinatore di Redazione ed appena la situazione epidemiologica lo permetterà tornerà ad emozionarci con il racconto di concerti e spettacoli teatrali, oltre ai suoi consueti articoli.

Per quanto riguarda la sottoscritta, cercherò di raccontare la moda sia maschile, che femminile, ma anche le emozioni che giornalmente mi vengono raccontare o che vivo in prima persona . Vi preannuncio che intensificheremo la collaborazione con Clarissa D’Avena e la Red&blue music relations, ma di questo vi racconterò più avanti.

È stato un lavoro lungo, ma abbiamo voluto prenderci tutto il tempo necessario per riflettere, progettare, fare e rivedere ogni singolo dettaglio. Ora siamo contenti del risultato, ma l’ultima parola va a voi che ci leggete.

A presto.

Fabrizio Capra: l’ultima foto della settimana

di Fabrizio Capra
Oggi la foto della settimana è stata scattata con lo smartphone da Fabrizio Capra una scelta dettata da alcuni motivi…

Nel momento in cui mi sono trovato a cercare la Foto della Settimana n. 151 ho pensato che si trattava dell’ultima foto che sceglievo, che pubblicavo e che commentavo. Dopo 150 foto  proposte nella rubrica ricevendo solo attestati positivi dai fotografi coinvolti (sovente a loro insaputa) non me la sono sentita di chiudere andando alla ricerca di uno scatto che mi poteva coinvolgere, ne avrei dovuti pubblicare almeno una decina rischiando di ripetere parole di cui, forse, ho troppo abusato in queste centocinquanta settimane.
Mi è venuto, allora, in mente che nell’agosto 2016 in una mia visita a San Fruttuoso per motivi giornalistici, mentre prendevo un caffè nel bar vicino all’abbazia mi è comparsa davanti agli occhi questa immagine.
Istintivamente ho posato  la tazzina, ho tirato fuori lo smartphone e ho scattato.
Carpe diem” si dovrebbe dire in questi casi, cogli l’attimo.
Oggi questa foto ha un significato particolare, ecco perché ho voluto proporre questo mio scatto.
Quando una “nave” arriva nel porto è un momento di gioia, poi però se ne va via nuovamente e allora riecheggiano nella mia mente le parole di una canzone di Luigi Tenco, “Un giorno dopo l’altro”:
La nave ha già lasciato il porto
E dalla riva sembra un punto lontano
Qualcuno anche questa sera
Torna deluso a casa piano

Maurizio Rossi: il gondoliere ambientalista

di Fabrizio Capra
La Foto della Settimana di oggi è di Maurizio Rossi, uno scatto che ci deve far riflettere senza troppo giri di parole.
foto Maurizio Rossi

Quando ho visto questo scatto di Maurizio Rossi intitolato “Il gondoliere ambientalista” ho pensato che, dopo tante foto pubblicate con l’obiettivo di sensibilizzare in merito alla difesa dell’ambiente, questa ne racchiude l’essenza.
Questo scatto ci insegna che per difendere qualsiasi “cosa” che riguarda l’ambiente in cui viviamo bisogna che, poco o tanto, ognuno faccia la sua parte.
Non aggiungo altro proprio perché questo scatto è veramente significativo.
Riflettiamoci!
Grazie Maurizio Rossi per questo scatto.

Toni Fidanza: da una sua foto l’appello a non abbandonarli

di Fabrizio Capra
La Foto della Settimana è di Toni Fidanza che ci porta a ragionare sui nostri amici a quattro zampe.
foto Toni Fidanza

La piccola Kusmi  e la natura” è lo scatto di Toni Fidanza che ho scelto per  la rubrica “La Foto della Settimana”.
Una foto molto bella che oggi, giorno in cui entriamo ufficialmente in estate, assume ancora maggior valore perché proprio in questa stagione si registra il maggior numero di abbandoni.
Un cane, una volta entrato nelle nostre case, diventa componente della famiglia e abbandonarlo per puro egoismo è un qualcosa che non si dovrebbe mai fare.
Pertanto oggi non la faccio troppo lunga.
Non servono tante parole, serve solo un’azione…
… NON ABBANDONATELI.
Grazie Toni Fidanza per questo scatto
.

Andrea Meloni : “Mamma Papà e figliolanza”

di Fabrizio Capra
La Foto della Settimana è di Andrea Meloni, uno scatto bello e “tenero” che al tempo stesso ci può dire molte cose.
foto Andrea Meloni

Lo scatto che ho scelto come “Foto della Settimana” è di Andrea Meloni, pubblicata in gruppo di un noto social con la descrizione “Mamma Papà e figliolanza”.
Uno scatto che mi è subito piaciuto e non ho avuto dubbi nella scelta: una foto molto bella, carica di tenerezza e in grado di trasmetterci tante sensazioni e tante riflessioni.
Sulle sensazioni non voglio parlarne, ognuno è libero di esprimere le sue guardando la foto ma una riflessione, invece, devo esternarla.
Osservando questa foto mi viene spontaneo pensare al valore della famiglia e l’importanza che la stessa riveste nei confronti dei figli.
Nel mondo animale, specie nei primi mesi di vita quando si forma l’autosufficienza, la presenza, soprattutto materna, dei genitori è importante.
Nel mondo animale “umano” invece mi pare che questo sentimento, a volte, venga dimenticato.
Il percorso del “cucciolo d’uomo” verso la maturità è molto più lunga e sovente nel corso di questo “viaggio” i figli vengono dimenticati.
Pensiamoci e riflettiamoci sopra.
Grazie Andrea Meloni per questo scatto
.

Michele Sanapo: creatività ed essenzialità in uno scatto

di Fabrizio Capra
La Foto della Settimana di oggi è di Michele Sanapo ed è stata scelta perché rappresenta, alla nostra visione, due importanti caratteristiche: la creatività e l’essenzialità entrambe necessarie.
foto Michele Sanapo

Sommerso da foto di animali di varie specie dove la pazienza e la costanza sono tra le condizioni per uno scatto ben fatto. Incalzato da immagini di panorami splendidi dove l’occhio umano ha importanza per immortalare la giusta inquadratura. Gioioso nel vedere scatti con belle ragazze ma dove troppo spesso non ci scorgo nulla di nuovo e spesso neanche di artistico.
Ecco che mi trovavo al punto di gettare la spugna nella ricerca de “La Foto della Settimana”, quando mi è apparso questo scatto di Michele Sanapo, come descritto da lui “Lightpainting – apple”, che mi ha colpito perché nell’immagine che avevo davanti agli occhi ci ho trovato creatività ed essenzialità.
Pochi elementi ben disposti e fotografati nel modo giusto per evidenziare la creatività del fotografo: in questo scatto non ci troviamo di fronte a una mela ma alla mela, indiscussa protagonista.
La creatività è una caratteristica importante per andare avanti nella vita godendone i risultati ma, purtroppo, non sempre c’è.
La seconda caratteristica è l’essenzialità: non sempre riempiendo uno scatto di tante “cose” si ottiene il risultato migliore.
Questo anche nella vita di tutti i giorni e, soprattutto, nel parlare essere essenziali è un primo passo verso la coerenza.
Pertanto grazie Michele Sanapo per questo splendido scatto molto significativo.

Davide Bortuzzo: riflettiamo ancora sul valore della natura

di Fabrizio Capra
La Foto della Settimana di oggi è opera di Davide Bortuzzo, uno scatto che ci spinge a una ulteriore riflessione sul natura e sulla necessità di difenderla. 
Foto Davide Bortuzzo

Come capita ogni notte che ci porta dalla domenica al lunedì sono alla ricerca della foto da pubblicare quale “Foto della Settimana”.
È sempre più difficile, dopo 145 settimane, scegliere foto capaci di trasmettere qualcosa tra la miriadi di scatti, qualche volta anche belli, privi di significato.
Poi la folgorazione procuratami da questo scatto di Davide Bortuzzo.
Davide è un fotografo professionista che si occupa di viaggi, matrimoni, eventi.
Il suo scatto mi ha spinto a una riflessione che è già stata oggetto di questa rubrica ma che oggi torna più che mai necessaria visto che si riprenderà, con le dovute cautele e il corretto rispetto delle norme, a viaggiare.
Il rispetto dalla natura, dell’ambiente.
Per secoli la natura, testimone inconsapevole della storia che stava vivendo, è rimasta (quasi) intatta: poi nel nome del progresso (o ancora meglio del “falso progresso”) l’abbiamo violentata inconsapevoli (o peggio ancora consapevoli ma pronti a chiudere un occhio e forse tutte e due) di danni che si stavano arrecando.
Ecco che oggi più che mai dobbiamo stare attenti a difendere la natura per il suo importantissimo valore.
E un appello ai politici, a tutti i livelli, basta con gli scempi, basta con lo scippare la natura per creare nuovi mostri di cemento.
Perché non vorrei trovarmi un giorno ad ammirare uno scatto splendido e significativo come questo di Davide Bortuzzo e poi nel momento in cui vado a distogliere lo sguardo dalla foto, scoprire che quello che sto osservando nel mondo reale non esiste più.
Grazie Davide Bortuzzo per questo magnifico scatto e per le altrettante magnifiche sensazioni che hai saputo trasmettere.

Michele Del Becaro: quando le onde del mare sono paragonabili alle persone

di Fabrizio Capra
Oggi “La Foto della Settimana” è di Michele Del Becaro che ha portato a un ragionamento su mare e persone.
foto Michele Del Becaro

La foto che ho scelto per questa settimana è uno splendido scatto di Michele Del Becaro, scatto realizzato a Tellaro, in provincia di La Spezia.
Una bella immagine di onde che si infrangono sugli scogli.
Questa foto spingerebbe a un ragionamento legato alla natura, alla sua forza a cosa riesce a trasmettere, a quanto dobbiamo ancora fare per difenderla.
Invece mi ha portato a un mio personale ragionamento, a una metafora che fa si di paragonare il mare alle persone.
Il primo impatto con certe persone spesso si tramuta in qualcosa di spumeggiante, magnifico proprio come l’onda di una mareggiata che si va a infrangere contro gli scogli sprigionando energia.
Poi quando tutto si ferma il mare diventa piatto e le onde la sua routine quotidiana e allora scopri quello che veramente hanno dentro le persone.
Le vuoi ricordare come l’onda ma te le ritrovi come, invece, non le avevi viste prima.
E allora l’energia sparisce e ti accorgi che non è stato come avevi immaginato.
Michele Del Becaro, grazie per questo scatto!

Marisa Farone: una foto suggestiva che è poesia, sentimenti, emozioni

di Fabrizio Capra
La Foto della Settimana di oggi, la numero 144, è uno splendido scatto di Marisa Farone che ritrae uno degli scorci più belli e romantici non solo di Genova ma di tutta Italia: Boccadasse.
foto di Marisa Farone

Non avevo assolutamente idea della foto che cercavo per farmi ispirare: in 143 settimane di foto argomenti ne ho affrontati tanti e il rischio di ripetersi è sempre presente.
Accanto a ciò mettiamoci pure che di foto fonte di ispirazione ce ne sono veramente poche, purtroppo.
Poi è comparsa lei, la foto che ha acceso in me i ricordi, tanti ricordi: Boccadasse, immortalata in uno splendido scatto di Marisa Farone.
Sono legato a Genova da tanti ricordi e tanti amici.
E tra tanti luoghi della Superba, Boccadasse è e resta un luogo fantastico fatto di emozioni e sentimenti, da sempre frequentato da chi vuole incontrare la poesia del mare o anche solo da chi vuole riempirsi gli occhi di questo suggestivo scorcio genovese.
Un posto cantato, scritto, vissuto, amato… un luogo dove in tanti abbiamo riposto ricordi.
Quindi un messaggio: facciamo tesoro dei nostri ricordi, momenti che fanno parte della nostra vita.
E nel dire grazie a Marisa Farone per questo scatto riporto un ritornello di una bellissima canzone genovese dal titolo “Boccadaze”.
Boccadaze t’ë arrestâ
Solo ti comme ‘na votta
Ghe vegniö pe fâ ribotta
Lì dall’oste in faccia a-o mâ
No cangiâ t’ë tûtta ti
Co-a teu spiägia
L’erba cocca
Con o mòuxo
Ch’o recioccâ
E ch’o sbatte sempre lì

(doverosa traduzione: Boccadasse sei rimasta / Solo te come una volta / Ce ne andremo a far baldoria / Lì dall’oste di fronte al mare / Non cambiare sei tutta te / Con la spiaggia e il muschio / Con il maroso che rumoreggia / E che sbatte sempre lì).