Buon Anno da RPFashion & GlamourNews

A cura di Roberta Pelizer e Jacopo Scafaro 

Tutta la redazione di RPFashion & GlamourNews augura un buon Anno nuovo ai nostri lettori, con la speranza che il 2023 sia veramente un anno migliore.

Non so se anche voi provate la stessa sensazione, ma a me il Capodanno fa sempre un po’ impressione, perché è allo stesso tempo la fine e l’inizio di un ciclo. È difficile lasciarsi qualcosa alle spalle: è un’azione che prevede un salto nel buio, un tuffo a occhi chiusi verso nuove esperienze, che potranno rivelarsi positive o negative. È un’occasione per ricominciare da zero o per continuare quel che abbiamo iniziato e vale la pena portare avanti. È un modo – scrive il Caporedattore Jacopo Scafaro – per stabilire nuovi obiettivi o per rivalutare quelli vecchi, cercando di capire se ci stanno portando proprio dove vogliamo arrivare. È anche una sfida con noi stessi, il momento giusto per metterci in discussione e capire cosa ci piace di noi e cosa vogliamo cambiare. A tutti auguri per un anno spettacolare”.

Roberta Pelizer, Direttore Editoriale del nostro giornale ci dice: “Eccoci qui, alla fine di questo lungo e complicato 2022, come sempre accade il 31 dicembre tiriamo sempre le somme di quello che è successo nei 365 giorni appena trascorsi, alla famiglia, il lavoro, i soldi, gli amici, alle occasioni perse e a quelle colte. Per ognuno di noi c’è qualcosa che non vorremmo più ritrovare mentre per altri la speranza è che resti tutto così com’è, siamo tanti e tutti diversi ma l’augurio che ci accomuna tutti e’ quello che sia più bello per tutti sotto tutti i punti di vista. Abbiamo lottato contro una pandemia che ci ha colpiti tutti per vari motivi, ad alcuni ha causato danni ingenti ad altri un po’ meno ma questo non ci deve abbattere, ma rafforzare. Il mio augurio è quello di poterci affacciare al 2023 con la forza e la speranza, la grinta e la giusta cattiveria per realizzare i nostri desideri e sogni.”

La vita umana è bella e va vissuta in pienezza anche quando è debole ed avvolta dal mistero della sofferenza” diceva Papa Benedetto XVI. Buona vita e buon anno e tutti.

RP Event riparte: sfilata di moda ad Alessandria.

di Roberta Pelizer
La RP Event riparte e lo fa in grande stile, organizzando una sfilata di moda al "100 Grigio Sport Village". 
Musica, professionalità, eleganza e divertimento, lo stile RP Event vi farà passare una serata allegra. 

Venerdì 18 marzo 2022 presso il ristorante del “100 Grigio Sport Village” la RP EVENT riparte con la nuova stagione degli eventi, il protagonista della serata sarà “Evasioni di Moda” con sede in Corso Acqui 94 ad Alessandria, che per l’occasione presenterà la collezione primavera 2022 Uomo e Donna.

In passerella sfileranno nuovi modelli dell’agenzia indossando vari cambi di abito: dallo sportivo, fino ad arrivare al casual.

La direzione artistica sarà affidata alla fotomodella e MUA della RP Shpresa Kristina Naci, responsabile backstage Jacopo Scafaro , le musiche saranno curate da Simone Camussi di Radiovertigo1, il make-up da Sol del Paraiso, le acconciature da Crazy color, fotografo ufficiale Vittorio Destro, sponsor ufficiale Tecnocasa con sede in Corso Acqui 40/B ad Alessandria.

E’ prevista la cena con menù pizza a 15 euro o menù ristorante a 25 euro, a seguire prenderà vita l’attesissima sfilata. Durante la serata assisteremo anche ad un piccolo flash di borse fatte a mano, ognuna con una bella storia da raccontare.

Vi aspettiamo numerosi.

Roberta Pelizer

GIUSY FERRERI LIVE 2021: dal 24 luglio il ritorno dal vivo con una serie di appuntamenti in tutta Italia.

A cura della redazione 
GIUSY FERRERI torna a esibirsi dal vivo con “GIUSY FERRERI LIVE 2021”!

L’artista multiplatino dalla voce unica e dalla grinta impareggiabile incontrerà il suo pubblico quest’estate con una serie di date live in giro per l’Italia. Insieme a Giusy Ferreri ci sarà una band dal vivo, composta da Andrea Polidori (batteria), Will Medini (pianoforte e synth), Fabrizio Bicio Leo (chitarre), Gabriele Cannarozzo (basso e moog) e Mattia Boschi (violoncello e chitarra). Un vero e proprio segnale di ripartenza, che sancisce l’inizio di una nuova avventura musicale in cui l’artista porterà sul palco la sua energia e i brani più amati del suo repertorio come “Non ti scordar mai di me”, “Novembre”, “Il Mare Immenso”, “Ti Porto A Cena Con Me”, “Roma-Bangkok”, “Partiti Adesso”, con una scaletta che include i suoi brani più conosciuti e quelli più introspettivi passando dalle sonorità pop al rock e alle Summer hit estive.

Queste le date ad ora confermate,prodotte e organizzate da Friends & Partners:

24 luglio Castello Sforzesco di Vigevano (PV)
27 luglio
Anfiteatro Fonte Mazzola di Peccioli (PI)
29 luglio
all’interno di Lazzaretto On Stage aBergamo
30 luglio
all’interno della Notte Rosa – Misano Adriatico (RN) (ingresso gratuito con prenotazione)
31 luglio
Corso Trento a Ladispoli (RM) (ingresso gratuito con prenotazione)
6 agosto
Piazza Vittorio Veneto diSammichele di Bari (BA)

9 agosto – Porto Turistico di Procida (NA)

16 agosto Lungomare di Strongoli (KR)
28 agosto
Foro Festival Piazza Italia di Carmagnola (TO)

È in radio e in digitale “Shimmy Shimmy” (certificato Disco d’Oro), il brano di Takagi & Ketra con la straordinaria collaborazione di Giusy Ferreri, la terza dopo “Amore e Capoeira” (2018, quintuplo Platino) e “Jambo” (2019, quadruplo Platino). Online il video: https://youtu.be/T1yXN4E0TT4.

I biglietti sono disponibili suwww.ticketone.it e su www.friendsandpartners.it.

giusyferreriofficial.itwww.facebook.com/giusyferreri
www.instagram.com/giusyferreriofficialhttps://twitter.com/giusyferreri

Angela Salamone: la musica è la mia ragione di vita e mi ha salvato dalla depressione

di Angela Salamone
Ospitiamo oggi un intervento di Angela Salamone che ci racconta come la musica e il partecipare a trasmissioni la stanno salvando dalla depressione, un tunnel che le si è aperto dopo aver perso la figlia per tumore.

Mi chiamo Angela Salamone, sono nata in Germania quarantotto anni fa e abito in WhatsApp Image 2020-02-12 at 21.00.12Piemonte a Nizza Monferrato, in provincia di Asti e mi ritengo piemontese di adozione.
Non ho mai pensato a far parte del mondo dello spettacolo…
Amo cantare e mi piace definirmi cantante: la musica è, ormai, la mia ragione di vita perché cantare mi ha salvato la vita dopo una disgrazia ha interessato la mia famiglia.
La musica è diventata la mia ragione di vita perché grazie a lei combatto la depressione che ,mi ha assalito dopo che mia figlia è morta per un tumore.
Ecco perché mi sto dedicando a un qualcosa di più leggero… per stare bene!
Non tutti hanno il coraggio di voltare pagina e cercare un diversivo per WhatsApp Image 2020-02-12 at 21.01.56ricominciare da capo… tanti prendono i farmaci che fanno peggio.
Ho cominciato con una corrida e dopo quasi otto anni mi ritrovo sovente in eventi musicali importanti come la partecipazione al Video Festival Live e al Tour Music Fest.
Sabato 8 febbraio ho cantato anche a Sanremo, in Piazza Colombo.
Ho fatto parte di un film comico, Rapina all’italiana, girato interamente ad Asti e provincia.
Inoltre mi sono proposta in casting per pubblicità e provini per programmi televisivi (Telepavia dove ho cantato e Telecity 1) dove sono stata ospite ma, anche, per Forum e per la trasmissione di Bonolis per la quale sono in attesa di una chiamata da Roma.
Ho partecipato a Guess my age e non solo, anche in altri programmi Mediaset.
Partecipare a questi eventi televisivi offre molte sensazioni, genera tante emozioni WhatsApp Image 2020-02-12 at 21.02.27perché dal nulla tutti mi riconoscono e la cosa mi fa piacere.
Le emozioni sono tante, ti senti come una vera protagonista tv: ti truccano come le star e le attenzioni sono tutte per te, ti fanno stare bene e ti senti importante anche se solo per un giorno o per quell’evento.
Mi diverto e ne ho fatto quasi un lavoro, ho un bel bagaglio di esperienze e non finisce qui perché ci sono tante altre proposte.
Il 19 e il 20 febbraio parteciperò anche a un corso di recitazione perché è mia intenzione fare sempre di più.
Concludo dicendo che vorrei essere di esempio per aiutare chi come me si trova nelle condizioni di decidere se vivere o lasciarsi andare. Sono sempre più convinta che la musica e il mondo dello spettacolo può aiutare a rinascere.

Errore
Questo video non esiste

L’inossidabile Serena Valenti e il giovane in salita Mattia Leto vincono la quarta tappa di “Emozioni con Parole & Musica”

rubrica a cura di Fabrizio Capra
Sabato 25 maggio si è svolta la quarta tappa del concorso di Lucia Boni “Emozioni con Parole & Musica”. Serena Valenti ha vinto per la categoria “Inossidabili” e Mattia Leto in quella dei “Giovani in Salita”. Appuntamento per la quinta e ultima tappa il 22 giugno a Casale Monferrato.

Mattia Leto e Serena Valenti

Mattia Leto e Serena Valenti

Emozioni, parole e musica vanno sempre di pari passo e ieri sera, 25 maggio, all’Osteria del Borgo a Borgo San Martino queste tre parole hanno ottenuto il tributo che meritano grazie agli interpreti che hanno partecipato al concorso organizzato da Lucia Boni che unisce la prima parola alle altre due.
Se devo essere sincero la prima volta che ebbi modo di sentire “Emozioni con Parole & Musica”, titolo di questo concorso (correva l’anno 2018 alla finale di un altro concorso che vedeva Lucia Boni in veste di concorrente), non colsi il vero significato di un titolo che mi sembrava un po’ arzigogolato (spero che Lucia non ne abbia a male).
L’occasione che mi è stata concessa di partecipare a “Emozioni con Parole & Musica” in qualità di giurato (e ringrazio Lucia per la fiducia) mi ha permesso di comprendere il significato più profondo perché le emozioni non possono prescindere se non dalle parole e dalla musica e da ciò che riescono a trasmettere trasversalmente senza guardare in faccia a nessuno.
Mattia Leto - Serena ValentiE tra i concorrenti in gara più di uno, a partire dei premiati, ha saputo trasmettermi vere emozioni con le loro interpretazioni al di la della prestazione canora e dal genere proposto.
Due le categorie in gare: Giovani in salita (e denominazione non può essere più veritiera perché il mondo della musica è sempre una salita) e Inossidabili (anche questo termine reale perché non bisogna mai desistere nei propri obiettivi, nel sentirli realizzabili).
Impegnativo il lavoro della giuria presieduta da Daiana Di Liberti (cantante) e composta da Giorgio Mengato (cantante e organizzatore di concorsi canori), Diego Badano (batterista), Giuseppe Ravetti (dj Radio BBSI) e Fabrizio Capra (ovvero colui che vi sta scrivendo, giornalista).
Al primo posto della categoria “giovani in salita” Matteo Leto mentre per la categoria “inossidabili” è salita sul gradino più alto del podio Serena Valenti: entrambi di diritto accedono alla finale del concorso.
Dato il numero elevato di concorrenti nella categoria “inossidabili” passano alla finale anche i classificati dal secondo al quinto posto e per la precisione Antonietta Tartara, Fina Ciaravella Bondi, Andrea Billitteri e Cristina Badoni.

Lucia Boni - Serena Valenti - Daiana Di Liberti

Lucia Boni – Serena Valenti – Daiana Di Liberti

Nella categoria “giovani in salita” al secondo posto si è piazzata Patrizia Bello mentre il terzo posto è stato ad appannaggio di Manuele Baldizzone.
Benedetto Gerardo, patron del Microfono d’Oro, con Liliana Bonafe ha assegnato cinque premi: a Fina Ciaravella Bondi il premio della Critica, a Mattia Leto il premio Microfono d’Oro,  a Serena Valenti il premio miglior interpretazione, a Davide Crepaldi il premio speciale e a Antonietta Tartara il premio San Carlo.
La serata è stata presentata da Lucia Boni mentre Vincenzo Lai ha gestito il service.
La quinta e ultima tappa di “Emozioni con Parole & Musica” è in programma sabato 22 giugno al Caffè San Carlo a Casale Monferrato in abbinamento al “Trofeo San Carlo”.

Giovani in salita
Mattia Leto My Way
Matteo Mussi Una storia importante
Patrizia Bello Recovery
Stefano Pedalino The ring of fire
Manuele Baldizzone Se bruciasse la città
Inossidabili
Cristina Badoni Brividi
Marzia Zerbinati In viaggio
Vincenzo Di Liberti Calice amaro
Enrico Baroni Tre settimane
Cinzia Scitano Gli uomini non cambiano
Mariapia Paonessa L’amore è femmina
Davide Crepaldi Vieni qui
Lorenza Moscardo Comprami
Annamaria Garuto Pensieri e parole
Antonio Rotondo O paese do sole
Paolo Quaranta La donna del mio amico
Salvatore Alaimo Luci a San Siro
Nerella Loberti L’acrobata
Serena Valenti E non finisce mica il cielo
Antonietta Tartara Stand by me
Fina Ciaravella Bondi Stia con noi
Dinamite Tutto nero
Andrea Billitteri Senza dubbio
Renzo Paganin Senza nome
Giorgio Boaretto Si è spento il sole

 

Sting: il 24 maggio esce My Songs’. Due concerti in Italia a Lucca e Padova

rubrica a cura di Fabrizio Capra

Sting MY SONGS COVER_mSting ha annunciato la pubblicazione di My Songs’, il nuovo album composto dai brani più celebrati della carriera del 17 volte vincitore di Grammy Award, ognuno ridisegnato e immaginato per il 2019. L’album verrà pubblicato il prossimo 24 maggio in diversi formati tra cui una deluxe edition con contenuti aggiuntivi.
L’album è disponibile per il preorder https://sting.lnk.to/MySongsPR.
Parlando del suo approccio all’album, Sting ha raccontato: “‘MY SONGS’ è la mia vita in canzoni. Alcune di queste ricostruite, altre ristrutturate, altre ancora dotate di una nuova cornice, tutte comunque con un focus contemporaneo”.
MY SONGS’vanta registrazioni moderne, comunque fedeli agli arrangiamenti originali, e celebra l’illustre carriera musicale di STINGcome uno degli artisti più distintivi e influenti al mondo.
Fin dalla formazione dei Police nel 1977 con Stewart Copeland e Andy Summers, Sting si è evoluto tanto da diventare uno degli artisti più iconici del mondo, vendendo più di 100 milioni di dischi e guadagnando i più prestigiosi riconoscimenti del mondo lungo la sua strada.
I fan devono aspettarsi di sentire il nuovo approccio di Sting a hit come “Englishman In New York,” “Fields Of Gold,” “Shape Of My Heart,” “Every Breath You Take,” “Roxanne,” “Message In A Bottle”e molte altre.
L’album verrà inoltre accompagnato da testi scritti da Sting l’artista inglese dove condividerà le sue storie personali legate a quei brani e racconterà di come canzoni ormai senza tempo sono state scritte.
Mai capace di stare fermo, nell’estate del 2018, dopo la pubblicazione del suo album collaborativo con SHAGGY e vincitore di un Grammy “44/876”’, l’iconico duo ha lanciato un tour mondiale che ha percorso Nord e Sud America e Europa  e si chiuderà quest’anno con una serie di intimi show in Gran Bretagna da il 19 e il 25 maggio.
Finito questo tour Sting partirà per una nuova serie di date live che accompagneranno l’uscita di MY SONGS’ questa estate; sul palco con lui un ensemble elettrico e rock allo stesso tempo. Sting: My Songs sarà un tour dinamico e divertente che si concentrerà sulle canzoni più amate scritte dall’artista durante la sua prolifica carriera come solista e frontman dei Police.
Sting farà tappa in Italia con due date il 29 luglio al Lucca Summer Festival e il 30 luglio a Padova all’Arena Live Gran Teatro GEOX .Per informazioni www.sting.com e www.livenation.com
My SONGS’ è stato prodotto e seguito artisticamente da Martin Kierszenbaum (Sting, Lady Gaga, Robyn), DaveAudé (Bruno Mars, Selena Gomez) e Jerry Fuentes (The Last Bandoleros). L’album è stato mixato da Robert Orton (Lana Del Rey, Mumford&Sons) con Tony Lake (Sting, Shaggy) in qualità di ingegnere del suono.
Questa la tracklist di My Songs’: “Brand New Day”, “Desert Rose”, “If You Love Somebody Set Them Free”, “Every Breath You Take”, “Demolition Man”, “Can’t Stand Losing You”, “Fields of Gold”, “So Lonely”, “Shape of My Heart”, “Message in a Bottle”, “Fragile”, “Walking on the Moon”, “Englishman in New York”, “If I Ever Lose My Faith in You”, “Roxanne (Live)”.
La Deluxe edition contiene: “Synchronicity II (Live)”, “Next To You (Live)”, “Spirits In The Material World (Live)”, “Fragile (Live)”, “I Can’t Stop Thinking About You (Live) – Japan Exclusive”, “Desert Rose (Extended Version) – France Exclusive”.
MY SONGS’ verrà pubblicato in versione CD, Vinile e Deluxe edition che conterrà registrazioni live di ‘Synchronicity II’, ‘Next To You’, ‘Spirits In the Material World’ e ‘Fragile’.

 

I colori della primavera: la nuova playlist firmata Rock Targato Italia

rubrica a cura di Fabrizio Capra

playlist primaveraOrmai è una vera tradizione: dopo “I colori dell’estate”, “I colori dell’autunno” e “I colori dell’inverno”, lo staff di Rock Targato Italia ha scelto di accompagnare anche la primavera con una nuova playlist. Ecco dunque “I colori della primavera”, una serie di sedici canzoni che spaziano fra rock, punk, pop, elettronica e canzone d’autore provando a mettere a fuoco una fotografia variegata e irrequieta della vitalità che continua a circolare nel sottobosco musicale del nostro Paese.
La playlist è realizzata da Divinazione Milano e dallo scrittore artista Roberto Bonfanti.
TRACKLIST
Il rumore della tregua – Mercoledì di festa
Inquietudini eleganti, malinconie crepuscolari e suggestioni poetiche di spessore.
Cieli neri sopra torino – L’ombra
Fra canzone d’autore, approccio punk e affascinante decadenza post industriale.
Massimo Volume – La ditta di acqua minerale
Un monumento del rock alternativo italiano che non perde mai intensità poetica.
Le capre a sonagli – Elettricista
Sguardo surreale e approccio irriverente e trascinante. Fra punk futurista e rock naif.
Gomma – Fantasmi
Scrittura diretta, voglia di raccontarsi e approccio punk sincero e casereccio.
Tersø – Petali
Una via alternativa, sporca, moderna e riflessiva al trip-hop.
L’equilibrio – Saluti da Rimini
Malinconie estive, intimismo profondo, atmosfere solitarie e pop d’autore.
Tre allegri ragazzi morti – AAA Cercasi
I profeti dell’eterna adolescenza e del punk-rock più fresco non si smentiscono mai.
Ultimo attuale corpo sonoro – Gigli e oleandri
Chitarre che sanguinano e quintali di rabbia e disillusione. Un pugno dritto in faccia.
Nylon – Guendaline
Un viaggio etilico notturno nei meandri di Barcellona fra folk e canzone d’autore.
Giulio Wilson – Modigliani
Delicatezza d’autore, atmosfere lievi, richiami al mondo dell’arte e sentimenti puliti.
Edda – Vanità
Un personaggio unico nel mondo della musica italiana. Sempre fuori da ogni schema.
Marian Trapassi – Blu
Grazia femminile, scrittura pulita e sincera e malinconie pop.
Krank – Le vie del mare
Le chitarre sposano l’elettronica per dipingere paesaggi desolati, amari e disincantanti.
Guido Maria Grillo – Nessuna cura
Una voce sontuosa d’altri tempi. Pop d’autore in chiave sinfonica.
Silvia Salvagnini – Rave al call center
Poesia cruda. Voce recitata. Elettronica straniante. Un progetto davvero personale

Peligro: il rapper milanese presenta il video “Affini” dall’album “Mietta sono io”

rubrica a cura di Fabrizio Capra

Peligro_Ryma Graphics, CamOn Photo Studio_b

CamOn Photo Studio

È online dallo scorso 20 marzo il video di “Affini”, brano del rapper Peligro estratto dal suo ultimo album di inediti “Mietta sono io”, disponibile in digital download e sulle principali piattaforme streaming (distribuito da Artist First). Il video è visibile al seguente link: youtu.be/Xb275KkglEo.
“Affini”, scritto da Peligro con la musica di Marco Zangirolami, è un racconto di profondo affetto di un figlio verso il padre. Nel video, Peligro ricorda il passato scorrendo le pagine di un album fotografico, in cui le foto prendono vita e raccontano i buoni sentimenti del rapper milanese.

Affini_credits Matteo Bellomi_b

Matteo Bellomi

«Se qualcuno mi chiedesse come voglio essere da grande, risponderei che voglio essere come mio padre – racconta Peligro – L’ho sempre visto come una figura mitologica, un supereroe che avrebbe potuto sollevare il mondo con un dito e farne ciò che vuole. Eppure è capitato, in un giorno come tanti, che per la prima volta vedessi su di lui la fatica del tempo e di una vita passata a lavorare… e credo di averlo visto per quello che è: un essere umano, come tutti. Realizzare questo fatto mi ha scioccato… letteralmente. Questa è la spinta che ha generato “Affini” e dentro questo brano ho cercato di immortalare questa consapevolezza e tutto l’amore che provo per mio padre».
Il disco, interamente prodotto da Marco Zangirolami, è un racconto introspettivo del rapper milanese, che si è dovuto mettere in discussione e ha dovuto superare alcuni suoi limiti per riuscire a scoprire un lato di sé finora nascosto.
Questa la tracklist dell’album: “Intro (Cronache di noi)”, “Devo andare”, “Mille vite”, “Sorrisi altrove”, “La parte migliore”, “Male e bene”, “La cosa sbagliata”, “Affini”, “Proprio come me”, “Caffeina”.

Peligro2_Ryma Graphics, CamOn Photo Studio_bPeligro, all’anagrafe Andrea Mietta, è un rapper milanese classe ’92. Appassionato di musica fin da piccolo, comincia a dedicarvisi all’età di 14 anni. Nel 2011 scrive il suo primo album,“Scontento”, il cui coordinamento artistico è affidato al produttore argentino Hernan Brando (Hotel Buena Vida). Nel 2012 pubblica “Ep-Centro”, realizzato in collaborazione con due rapper della scena milanese (Rike e Seppiah). I 6 brani contenuti nell’EP sono stati interamente scritti e registrati in una singola notte. Nel 2013 esce il suo secondo album, “Musica dannata”, diretto nuovamente da Hernan Brando. Il 2 marzo 2015, Peligro pubblica “Training Camp Pt.1”, prima parte dell’omonimo mixtape, la cui seconda parte, “Training Camp Pt.2” viene pubblicata il 14 aprile 2015. La pubblicazione della terza ed ultima parte dell’album, “Training Camp Pt.3”, avviene il 4 giugno. L’8 aprile 2016, Peligro pubblica il suo terzo disco ufficiale, “Tutto cambia”, distribuito da Artist First e nell’estate porta in giro per l’Italia il suo lavoro salendo su importanti palchi come quello del Deejay On Stage a Riccione, quello del MEI di Faenza e quello del Tour Music Fest di Roma. Il 16 dicembre 2016 esce l’EP “Assoluto” (Artist First), nuovamente prodotto da Hernan Brando. Nel 2017 ha partecipato all’Emergenza Festival, evento dedicato alla musica emergente a livello mondiale, arrivando sino alle semifinali, che si sono tenute il 4 maggio a Milano. Sempre nello stesso anno Peligro si esibisce in altri eventi importanti come quello della FluoRun di Milano, del Premio Lunezia (sezione Nuove Proposte) a Roma e Marina di Carrara, del Deejay On Stage a Riccione e su palchi storici come quello della Locanda Blues di Roma e del Bundalinda di Brugherio, oltre a portare in giro per la Lombardia il suo repertorio con il rapper Kodiak e il dj Dany Rio. Nel 2018 Peligro ha pubblicato l’album “Mietta sono io”, che ha presentato live in diverse occasioni, tra queste il MEI – Meeting Etichette Indipendenti. Inoltre, durante l’estate ha partecipato ad alcune tappe di Festival Show 2018 e al Deejay On Stage a Riccione cantando il suo singolo “La parte migliore”.

Blugrana: “Attimo”, il nuovo video della rock-band piacentina

rubrica a cura di Fabrizio Capra

È online da venerdì “Attimo” il nuovo video della rock-band Blugrana, visibile al seguente link: youtu.be/GcUhQTzDb10. Il brano sarà in radio da venerdì 22 marzo.

Blugrana_Juzaphoto

Juzaphoto

Il video, girato da Diego Monfredini, vede la band in situazioni che raccontano la quotidianità di ognuno di loro, spesso noiosa e stressante, come quella di tutti gli uomini. Ad animare ogni giorno ci sono però i sogni, che rischiarano dal buio della banalità e permettono di vedere oltre. Per i Blugrana i sogni hanno il sapore della musica, che riempie la loro vita e li fa sentire liberi… anche di suonare sul tetto di un palazzo!
«Siamo quattro menti colorate e creative, quattro cuori impazziti. Siamo dita che pizzicano, solleticano e accarezzano corde per far vibrare le emozioni, mani che impugnano bacchette per percuotere a ritmi intensi e voce che scava nell’ intimo. Sempre stretto nel nostro pugno sta il mondo della normalità, ma cerchiamo a ribaltarlo a suon di
strumenti che raccontano l’essenza della passione coltivata da anni e che ci portano lontani dalle banalità oltre la quale c’è qualcosa di grande che ci aspetta! – dichiarano i Blugrana – La strada maestra non è mai la più semplice, è il sentiero che nasconde imprevisti e asperità a condurre davanti a scenari inaspettati e sorprendenti, ad orizzonti e paesaggi inesplorati. Custodisci il sogno, proteggi ciò che ami e sarai un conquistatore.»

Blugrana_Juzaphoto_2

Juzaphoto

I BLUGRANA sono una rock band di Piacenza, all’attivo dal 2003. Marcello Mautone, cantante e chitarrista, coinvolse nel suo nuovo progetto musicale il batterista Biagio Siero: da questo binomio presero vita i futuri Blugrana. Nel 2004 la prima formazione della band incise un EP con il quale iniziò a farsi conoscere in concerto nella zona piacentina riscuotendo un buon successo grazie alla prorompente dinamica dei brani e il valore tecnico dei singoli. Dopo un paio di EP che hanno portato la band in concerto in molte location del nord Italia e ad aprire i concerti di importanti gruppi come Molteni e Verdena, nel giugno del 2009 i Blugrana hanno inciso al Massive Arts Studio di Milano il loro primo album omonimo “Blugrana”, uscito a gennaio 2011. La promozione di questo album ha portato il gruppo ad esibirsi dal vivo in apertura di Subsonica, Afterhours e Bud Spencer Blues Explosion. Nel 2015 hanno avuto inizio i lavori per il nuovo album “Così lontano”: prodotto contaminato dalle diverse esperienze musicali e personali che i membri avevano nel frattempo vissuto ed uscito l’anno seguente. Alla fine del 2016 la band ha visto l’arrivo di un nuovo chitarrista, Matteo Cavanna, e del bassista Marco Marzaroli, che hanno portato nuova verve alla band e uno stile personalissimo. Con questa nuova formazione i Blugrana hanno realizzato l’album di prossima uscita.

Franco Mussida: “Il pianeta della musica”. Un libro per ascoltatori e musicisti

rubrica a cura di Fabrizio Capra

Il libro di Franco MussidaIl pianeta della Musica – Come la Musica dialoga con le nostre emozioni” (Salani) è uscito.
Franco Mussida libroUn libro per ascoltatori e musicisti, appassionati di qualsiasi genere e forma musicale, perché sentire musica aiuta a cambiarci intimamente e, di conseguenza, a cambiare il mondo.
«Quali sono le trasformazioni che la Musica innesca nella vita interiore e affettiva di un essere umano? Qual è il suo potere educativo? Quali sono i rischi di un uso improprio di quest’arte? Rispondere a questi quesiti costringe il lettore, così come ha costretto noi durante il nostro cammino comune, a mettere in discussione assunti acclarati e ad aprirsi a nuove dimensioni di ragionamento». Il Comitato Scientifico di CO2.
IL LIBRO
«La Musica e la persona sono una sola cosa, l’una abita l’altra e viceversa. Eppure, nonostante si amino alla follia, in fondo in fondo si conoscono davvero poco. Si usano da sempre, sono come una coppia che vive insieme per abitudine ormai da millenni, ma che oggi mostra segni di crisi».
Questo libro, a suo modo rivoluzionario, è dedicato agli ascoltatori di ogni genere di Musica. Scritto da uno dei figli nobili della generazione degli anni ’70, conosciuto come artista e sperimentatore, spiega il rapporto tra Musica ed emozioni, e come mai una stessa Musica è amata da alcuni e detestata da altri. Propone un modo diverso di ascoltarla e motiva le ragioni dell’attuale crisi tra generazioni. Ma soprattutto la rilancia come “sistema operativo” per la comunicazione affettiva, un sistema tanto potente da promuovere una nuova forma di ecologia sociale: l’Ecologia dei sentimenti.
Perché la Musica non è una magia a caso: è un mezzo universale per la comunicazione degli affetti.
Franco Mussida“IL MONDO IN UNA NOTA” (3’ 52” – intro strumentale 1’25”) –  Testo e Musica di Franco Mussida.
«Nel libro si legge di timbri, ritmi, armonia, emozioni, immagini, ma il suono della mia voce e delle mie chitarre tra le pagine non c’è. Così ho pensato di chiuderlo con una lettura con variazioni cantate e una Musica di un linguaggio popolare a me caro. E’ un mio arrangiamento per due chitarre e suoni elettronici curati da Ludovico Clemente. Il testo parla del mistero rinchiuso nei suoni delle note che generano immagini. E’ il primo di una serie di brani che racconteranno in Musica il rapporto tra la persona e le sue emozioni, la necessità di stare insieme all’insegna del portare l’ecologia nel nostro mondo interiore. Credo che solo così si possa davvero fare il bene del pianeta» Franco Mussida.
Il brano si può ascoltare utilizzando il QR Code a pag. 282 (per gentile concessione di Franco Mussida e Ala Bianca Group S.r.l.).
L’AUTORE
FRANCO MUSSIDA nasce a Milano nel 1947. È musicista e compositore, membro fondatore della Premiata Forneria Marconi. Ha firmato molti dei loro più grandi successi tra cui Impressioni di settembre e diretto produzioni live come De André-PFM. È fondatore e Presidente del CPM Music Institute di Milano, un modello per la formazione musicale nel nostro paese. È ricercatore nell’ambito della Musica nel suo rapporto con il mondo emotivo. Ha ideato il Progetto CO2, attualmente in essere presso molte carceri italiane, mettendo a disposizione dei detenuti un nuovo metodo per l’ascolto emotivo consapevole della Musica. Il suo impegno più recente, oltre a quello concertistico, è quello di mostrare le forze del codice musicale attraverso installazioni e opere visive in ambito artistico contemporaneo.