Tag: Antonio Scafaro

La speranza: un racconto breve di Antonio Scafaro

Antonio Scafaro in occasione della “Giornata della Memoria” ci propone questo racconto breve, “La speranza”, da lui scritto. LA SPERANZA ( Il giorno della memoria) Franz nacque nell’inferno e ne uscì all’età di cinque anni. Dapprima fu adottato da una famiglia russa, in seguito, per inspiegabili cavilli burocratici, fu affidato a un orfanotrofio a Singapore. Lì rimase fino all’età di…

Salame di Varzi: concentrazione di fragranze, prodotto di eccellenza artigianale

di Antonio Scafaro Antonio Scafaro ci accompagna alla scoperta del Salame di Varzi. Quando si parla di eccellenze del territorio si fa riferimento a culture e tradizioni locali.L’artigianato rappresenta la fusione di questi due aspetti e li valorizza grazie a una attività lavorativa basata sulla memoria del passato.Tutto ciò ho avuto la possibilità di riscontrarlo quando, dopo aver percorso un…

Nascosti dietro una maschera

di Antonio Scafaro Oggi ospitiamo una interessante e attuale riflessione che ci propone Antonio Scafaro. CUCÙ SETTETE: alzi la mano chi tra di voi lettori, genitori e poi nonni, non ha mai giocato, con figli e nipoti, a questo famoso e arcaico nascondino.Tutti noi, crescendo, abbiamo continuato questo gioco dell’apparire e dell’essere, da adolescenti e da adulti, con la millenaria…

Antonio Scafaro: la nostra volontà a prevalere sul destino

di Antonio Scafaro Venti righe per parlare della SPERANZA.Un’impresa ardua.Analizzando gli scritti degli antichi, dai greci, ai romani, dai grandi filosofi di fine secolo fino all’attuale Papa Francesco, si nota che la speranza assume, agli occhi degli uomini, caratteristiche diverse.I greci la custodivano nel vaso di Pandora quale panacea per l’umanità, i romani la veneravano come una dea, Spinoza giudicava…

Umbria: Il Cammino dei Borghi Silenti

di Antonio Scafaro Il racconto di una “camminata” in terra umbra seguendo un percorso inaugurato appena terminato il lockdown. Un percorso tra Terni e Orvieto, una zona poco conosciuta dal turismo però molto suggestiva. Camminare presuppone la presenza di quattro fattori: scarpe collaudate, zaino ergonomico, allenamento e buona compagnia. I primi tre erano già stati rodati, il quarto era un’incognita…

Sulla “Via del Sale”: Varzi – Portofino

di Antonio Scafaro Il racconto di una giornata percorrendo un tratto della Via del Sale, quello che porta da Varzi al monte Chiappo dove Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna si incontrano. Le vie del sale erano nell’antichità, sentieri che i commercianti percorrevano per portare, dal mare alle pianure e in montagna, il sale, questo “oro” utile per la conservazione degli…

Da “Vivere non basta” di Marcello Veneziani una riflessione sul padre

di Antonio Scafaro Il libro di Marcello Veneziani libro “Vivere non basta. Lettere a Seneca sulla felicità”, e un suo passaggio in particolare, portano a una riflessione sul padre e sul momento della sua perdita e del vuoto che lascia. “Quando muore tuo padre tu vai in prima linea, non puoi più nasconderti dietro di lui, devi guardare in faccia…

Leggere Gabriel Garcia Marquez provoca travolgenti emozioni

di Antonio Scafaro Una interessante “riflessione” che ci racconta come leggere Gabriel Garcia Marquez. GABRIEL GARCIA MARQUEZ: pronunciando questo nome si ha l’impressione di arrotolare il suono, distribuendolo dalla gola alla lingua con l’aiuto del palato, e chiudendolo infine tra le labbra da dove, con dolcezza, si dissolverà nel vento. Una sensazione, resa più piacevole, se ad esso si associano…

Credere nel domani

di Antonio Scafaro Oggi vi proponiamo una riflessione sul credere nel domani, sulla speranza, sull’incoraggiamento. #ANDRÀTUTTOBENE, #RINASCERÒ,RINASCERAI, questi sono due, dei tanti auguri, che in questi mesi rivolgiamo a noi stessi per farci coraggio. Perché lo facciamo? Forse per una semplice questione di sopravvivenza, in quanto abbiamo bisogno di credere in un miglioramento, di tornare allo stato di benessere che…

Ipocrisia: ottavo vizio capitale

di Antonio Scafaro Antonio Scafaro, che ci ha donato nei mesi scorsi racconti e pensieri, oggi ci propone una sua riflessione sull’ipocrisia. Aristotele li definì gli “abiti del male”, Kant invece“un’espressione della tipologia umana”. Stiamo parlando dei vizi capitali, sono sette: Superbia, Accidia, Lussuria, Ira, Gola, Invidia e Avarizia. Analizzando gli ultimi avvenimenti relativi al Coronavirus, mi viene da pensare…