Torniamo a proporre alcune poesie di Luciano Olivieri, poeta dialettale alessandrino recentemente scomparso.

da Lisondria ant el cor (Alessandria nel cuore)
poesie di Luciano Olivieri
selezione e introduzione a cura di Jacopo Scafaro

Torno a farvi conoscere ed apprezzare per questa rubrica, la poesia in dialetto alessandrino di Luciano Olivieri.
Luciano era, anzi rimane un amico, ed è giusto che la sua persona, i suoi testi vengano fatti conoscere a più persone, alessandrini e non.
Non sto a dilungarmi più di tanto su Luciano, lascio che siano le sue parole (tratte dal libro “Lisondria ant el cor – Alessandria nel cuorea cura di Gian Luigi Ferraris) a farvi sapere chi era.

Curagi!

A la mé Géent vurréisa dì,
ma Gabon col cor an màn:
“Curagì…
niénte ancùra l’é perdì!
Bàsta auréi…
A chi ch’a sùma I vigherràn!”

Coraggio! Alla mia gente vorrei dire / ma davvero con il cuore in mano:/ Coraggio… / niente ancora è perduto / Basta volere… / e chi siamo lo vedranno!”.

A la fen dla strå

A la fén dla strà
ui sarrà cucden
ch’ut dirrà… “Vén!”
Tè t sài nénta ch’i ch’u sarrà
ma ‘na vùs at dirrà
“At voi ben!”

Alla fine della strada. Alla fine della strada / ci sarà qualcuno / che ti dirà… “Vieni!” / Tu non sai chi sarà / ma una voce ti dirà: / “Ti voglio bene!”.

El cor dla sita

La campànna lénta,
as sént da luntàn.
L’è ‘l cor dla Sità,
ch’el pàlèita
ant u srén,
per dì:
“Ai son!”.

Il cuore della città. La campana, lenta, / si sente da lontano. / E il cuore della Città,/ che palpita / nel sereno, / per dire / “Ci sono!”.

Sablìna, it brilu j’ogg!

Na faseta da pùls duràja
at regàl con tut el cor!
Quàndi che po, ’t l’avrài pruvàja,
stì ogg, it brilerràn cmé l’òr!

Isabella, ti brillano gli occhi! Una fascetta da polso dorata,/ ti regalo con tutto il mio cuore! / Quando l’avrai indossata, / questi tuoi occhi, brilleranno come l’oro!