Cosimo Mazzini presenta il thriller psicologico “Il filo teso”

Riceviamo e pubblichiamo
Tra fotografie sfocate e disegni infantili - che sembrano anticipare con la loro banale quanto disturbante normalità il dramma consumato in una tragica notte di sessant’anni prima - e la discesa in un vortice di paranoia che lega a doppio filo il destino di Paolo con quello di un uomo perso nel tempo, Cosimo Mazzini presenta una storia perturbante e maledetta, che narra di menzogne, ossessioni e segreti che sarebbero dovuti rimanere celati.

È uscito per bookabook il thriller psicologico di Cosimo Mazzini, “Il filo teso”.
«Il tempo non guarisce le ferite. Non ha forbici per tagliare i fili che legano ai propri fantasmi».
Il filo teso” di Cosimo Mazzini è un romanzo psicologico che fa immergere il lettore in un clima di tensione e di angoscia da cui non può più uscire; attraverso un linguaggio crudo e tagliente l’autore ci conduce nella travagliata vita interiore dei suoi personaggi, e lo fa con intelligenza costruendo in principio un’atmosfera rilassata e famigliare, per poi stravolgerla progressivamente.
Si sente infatti il bisogno di stare in allerta, anche quando la trama procede senza scossoni, perché quella che Mazzini racconta è una vicenda sospesa, attraversata da una profonda vena di inquietudine, in cui si ha la sensazione che la tragedia sia sempre dietro l’angolo.
In quest’opera misteriosa e a tratti opprimente si narra la storia di Paolo Geri, un quarantenne che si trasferisce con la moglie Sara e i figli Niccolò ed Ester nella loro nuova casa in montagna; all’inizio il cambio di tenore di vita rispetto alla città li destabilizza ma sono una bella famiglia e si fanno forza a vicenda. La casa è abbastanza isolata: come compagnia hanno solo una coppia di vicini, gli anziani coniugi Giorgio e Caterina con il loro temibile cane Pandemonio, con i quali fanno subito amicizia. Giorgio è però molto strano, dal temperamento brusco e scostante; Paolo capisce di trovarsi di fronte a un uomo che ha sofferto molto in passato, esattamente come lui.
Col passare del tempo Paolo scopre inoltre dei particolari macabri sulla casa: è infatti accaduto un terribile omicidio ben sessant’anni prima, che causa nella sua mente già provata un cortocircuito da cui fa fatica a riprendersi. Il carattere ombroso e pessimista di Paolo subisce un peggioramento che viene intercettato non solo da Sara ma anche e soprattutto da Niccolò, un ragazzino estremamente sensibile, che riesce ad avvertire le vibrazioni di un passato mai dimenticato, che ancora permangono nella casa.§
Tra fotografie sfocate e disegni infantili – che sembrano anticipare con la loro banale quanto disturbante normalità il dramma consumato in una tragica notte di sessant’anni prima – e la discesa in un vortice di paranoia che lega a doppio filo il destino di Paolo con quello di un uomo perso nel tempo, Cosimo Mazzini presenta una storia perturbante e maledetta, che narra di menzogne, ossessioni e segreti che sarebbero dovuti rimanere celati.

SINOSSI
Quando Paolo, Sara e i loro due figli, Niccolò ed Ester, si trasferiscono nel paesino di Setriano, non ci sono altre occupazioni che conoscere gli unici vicini di casa, Giorgio e Caterina, gli anziani abitanti della colonica confinante, o curiosare nella vecchia rimessa. Il loro appartamento sorge all’interno di un’antica villa il cui passato riemerge lentamente dalle foto e dai disegni che Paolo trova in una cassapanca tarlata. Per quanto Giorgio gli suggerisca in modo deciso di lasciar perdere, Paolo ne è sempre più affascinato. Nell’immaginazione dell’uomo prendono forma i vecchi tenutari della villa e il loro figlio Pietro, che secondo Giorgio somiglia moltissimo a Niccolò. Rapidamente Paolo comprende che sessant’anni prima in quella villa si è consumata una tragedia che ha delle similitudini sconvolgenti con quanto accaduto nel suo passato e presente: un unico filo teso che unisce destini antichi e nuovi.
Cosimo Mazzini è nato a Firenze nel 1975. Il suo primo approccio con la scrittura avviene in adolescenza, con un racconto giallo che rimane nel cassetto. Nel 2015 pubblica il suo primo romanzo: “Il diario delle opere buone”, edito da Edizioni Creativa, che conquista una menzione speciale della giuria alla terza edizione del concorso “Premio Nazionale Letteratura Italiana” indetto da Laura Capone Editore. Nel 2021 pubblica per Bookabook il suo secondo romanzo, “Il filo teso”.

Cosimo Mazzini
Il filo teso
Casa Editrice: Bookabook
Genere: Thriller psicologico
Pagine: 391
Prezzo: 18,00 €
Link di vendita online
https://bookabook.it/libri/il-filo-teso/
https://www.amazon.it/filo-teso-Cosimo-Mazzini/dp/883323262X

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: