Mercoledì Rai: Jack Nicholson e “Train to Busan”

Riceviamo e pubblichiamo
Jack Nicholson è il primo di quattro appuntamenti dedicati a star del grande schermo. “Train to Busan: una serata in compagnia degli zombie.

Stars of the silver screen: Jack Nicholson
Quattro appuntamenti dedicati a star del grande schermo che hanno reso celebre il cinema hollywoodiano. Quattro attori – Jack Nicholson, Anthony Hopkins, Vincent Price, Gene Wilder -, hanno avuto un grande impatto sul mondo dello spettacolo. È la serie “Stars of the Silver Screen”, in onda da mercoledì 23 giugno alle 19.20 su Rai5. In ogni episodio giornalisti, critici e storici del cinema analizzano gli elementi che hanno reso famosi in tutto il mondo questi interpreti della settima arte. Protagonista del primo appuntamento è Jack Nicholson: folle e diabolicamente attraente, il ghigno maledetto e lo sguardo mefistofelico lo hanno reso una leggenda. Nella sua carriera cinquantennale è passato da piccoli ruoli in pellicole indipendenti a interprete di serie A.

Il cult “Train to Busan”: una serata in compagnia degli zombie 
Mercoledì 23 giugno su Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) una prima e una seconda serata alle suggestioni del cinema asiatico con il Ciclo Missione Oriente. Stavolta saranno gli zombi a fare da trait d’union alla programmazione. A partire dalle 21.20 sarà proposto il cult “Train to Busan”, lo zombie movie proveniente dalla Corea del Sud e diretto da Yeon Sang-ho che ha conquistato pubblico e critica di tutto il mondo. Presentato alla 10ª edizione della Festa del Cinema di Roma,  Train to Busan è diventato in breve tempo un classico contemporaneo del genere. Un virus di origine ignota che trasforma le persone in zombi si diffonde rapidamente in Corea del Sud, costringendo il governo a mettere in atto una legge marziale. Seok-wu è un uomo d’affari che deve accompagnare la piccola figlia Su-an a Busan dalla madre, da cui è divorziato. I due decidono di affrontare il viaggio in treno, ma quando sul veicolo sale una ragazza che presenta delle strane ferite sul corpo, la situazione precipita immediatamente nel caos e sul treno si diffonde il morbo letale che trasforma in morti viventi. A seguire, in prima visione assoluta, sarà trasmesso il film d’animazione “Seoul Station”, diretto sempre da Yeon Sang-ho, una sorta di prequel di Train to Busan incentrato sul paziente zero del virus che trasforma gli esseri umani in famelici morti viventi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: