Riceviamo e pubblichiamo
Esce, a cura dello storico dell'arte Luca Nannipieri, pubblicato dalla casa editrice "Gli Ori", un volume che assembla le opere e le installazioni d'arte tessile che l'artista Gloria Campriani ha realizzato nel corso dell'ultimo quindicennio.

Esce dalla casa editrice “Gli Ori“, a cura dello storico dell’arte Luca Nannipieri, un volume che assembla le opere e le installazioni d’arte tessile che l’artista Gloria Campriani ha realizzato nel corso dell’ultimo quindicennio. Il volume si intitola “Gloria Campriani. Tra me“, pp. 144, euro 30).
Gloria Campriani  nasce a Certaldo e cresce nel laboratorio artigianale tessile di famiglia. Dal 2005 svolge attività di fiber artist. Espone presso importati manifestazioni in Italia e all’estero e in alcuni casi ricopre il ruolo di organizzatrice o di direttrice artistica.

Gloria Campriani e Luca Nannipieri

Il linguaggio simbolico legato al filo è continua fonte di ricerca per Gloria che fila per dar forma al suo pensiero. Il filo, infatti, appare spesso come modello di connessione, contaminazione e legame fra gli eventi. Focalizza il comportamento umano in termini di interazione tra stati mentali e situazioni sociali immediate che porta avanti da anni attraverso l’incessante sperimentazione e ricerca nel campo della fiber art. Focalizza nel comportamento empatico la possibilità di trovare varie vie allo sviluppo in tutti i campi. Promuove l’arte tessile, con video, testimonianze e interventi per stimolare a nuove sperimentazioni ma soprattutto per alimentare il pensiero divergente, che guarda alle cose da “diversi” punti di vista e aiuta a trovare sempre nuove soluzioni. Aderisce a progetti finalizzati alla comprensione, valorizzazione e diffusione dell’arte contemporanea e a iniziative culturali che favoriscono la crescita anche all’interno delle scuole, aziende sanitarie (Asl), associazioni culturali e cooperative mettendo in relazione quattro campi: artistico, pedagogico, sociale e formativo. Partecipa a tutti quei progetti che riescono a costruire e sviluppare una forte interazione fra cultura istituzioni impresa e economia per il raggiungimento di obiettivi comuni e una crescita insieme; senza mai che l’arte, suo principale obiettivo, debba snaturarsi, assumendo atteggiamenti non di sua competenza. 
Afferma il curatore Luca Nannipieri: “Questo volume sistematizza e storicizza un percorso artistico – quello di Gloria Campriani – che finora si è snodato in una polifonia di installazioni, esibizioni, mostre, filmati, piccoli cataloghi, a partire dal 2006, e che adesso invece, con la presente monografia, vuole testimoniarsi in tutta la complessità espressiva con cui, negli anni, si è manifestato“.
Gloria Campriani  nasce a Certaldo e cresce nel laboratorio artigianale tessile di famiglia. Dal 2005 svolge attività di fiber artist. Espone presso importati manifestazioni in Italia e all’estero e in alcuni casi ricopre il ruolo di organizzatrice o di direttrice artistica. Le sue origini legate al filo le impongono una particolare attenzione alla corrente della Fiber Art, da cui prende ispirazione, nel concetto più contemporaneo del termine. Ella non prevede l’utilizzo di alcun strumento tecnico, eccetto l’uso delle mani, al fine di realizzare trame come mostra in molte sue performance. Le sue collaborazioni con critici, direttori artistici e curatori hanno dato luogo a mostre personali e collettive presso vari palazzi istituzionali, gallerie d’arte, università, e musei.