Riceviamo e pubblichiamo
Dal 4 al 29 maggio LeoGalleries di Monza ospita la mostra “Futurismo e Parole”.                         

Torna il Futurismo con i suoi protagonisti più illustri e la portata contemporanea della sua arte, protagonista alla LeoGalleries di Monza con la mostra “Futurismo e Parole”, in programma dal 4 maggio.
Al centro dell’allestimento ci sono le tele di Fortunato Depero con una delle opere dedicate al Caffè IrreraR. M. Baldessari “Natura morta con Lacerba e Picasso” e Giulio D’Anna con l’iconico “Il merlo” e ancora “Comunicazione, pubblicità e progresso”.

A impreziosire la mostra vengono proposte alcune tavole parolibere estetiche firmate da Filippo Tommaso Marinetti, tratte dal libro “Le mots et liberté futuristes”, due tavole parolibere di Depero eseguite a New York nel 1930 e la china su carta di Mino Delle SiteFutur Alvino”.
Filo rosso dell’antologica, che propone tele e carte dagli anni Venti ai primi anni Trenta, è la parola, non nella semplice accezione comunicativa, ma autentico e innovativo elemento artistico.
«In tutte le opere proposte in questa mostra la parola si fa immagine, non più solo da leggere ma da vedere. È la novità dei futuristi – racconta Maurizio Scudiero, massimo esperto italiano di Futurismo – Tecnicamente si tratta di opere, specie quelle di Depero, che anticipano il Lettrismo, poi codificato da Isidore Isou nei primi anni ’40, la cui idea fondante era quella di rinunciare alle parole in quanto tali e sostituirle con onomatopee».
Per Depero la parola diventa elemento pubblicitario, l’arte capace di abbracciare ogni istante della vita, tanto che per l’artista “la strada sarebbe diventata la sola galleria per i futuristi”.

Roberto Marcello Baldessari
“Natura morta con Lacerba e Picasso”

Per Baldessari, la parola inserita a collage nel dipinto, conferma come lui avesse, tra i primi in Italia, “guardato” a Picasso ed ai suoi papier collée.
Per D’Anna, invece, le parole sono evocative di messaggi e idee quasi aeree.
In mostra  le parolibere di Marinetti, capaci di raccontare storie e situazioni anche attraverso le onomatopee, così come le tavole parolibere di Depero realizzate a New York nel 1930, che descrivono le montagne russe e il “tunnel dell’amore” nel luna park di Coney Island.
Quest’ultima opera in particolare raffigurata con la sinuosa e maliziosa forma di un serpente, come quello che tentò Eva.
Una mostra che segna la riapertura al pubblico della LeoGalleries con un allestimento di altissimo livello. «È quasi impossibile trovare le tavole parolibere di Depero – conferma Scudierosono una rarità da non perdere, così come le tele di Depero e D’Anna».
Per presentare la mostra, nel rispetto delle norme anti Covid-19, è prevista la  realizzazione di un video, che sarà diffuso  dal 14 Maggio  attraverso i social  della Galleria (YouTube, Instagram, Facebook), nel quale Maurizio Scudiero  racconterà dal vivo le opere esposte.
Un ringraziamento particolare all’Archivio Depero, all’Archivio Futuristi Siciliani e alla  Fondazione Berardelli di Brescia.

Titolo della mostra: “Futurismo e Parole
Spazio espositivo: LeoGalleries, via De Gradi 10, Monza – T +39 0395960835
Periodo: dal 4 maggio al 29 maggio
Orari di apertura: mar-ven: 15.00/19.00; sab 10:00/13:00 – 15.00/19.00