di Fabrizio Capra
La Foto della Settimana di oggi è uno scatto molto significativo di Arrigo Boria specialmente in vista della prossima Giornata Mondiale della Terra (22 aprile). 
foto di Arrigo Boria

Quando mi sono messo alla ricerca della foto da pubblicare oggi la mia intenzione era quella di trovare uno scatto che mi permettesse di scrivere della Giornata Mondiale della Terra che si celebrerà il prossimo 22 aprile.
ciò in cui speravo era trovare una foto che fosse particolarmente significativa e che mi portasse a riflettere.
Appena ho visto lo scatto di Arrigo Boria ci ho trovato immediatamente ciò che cercavo.
Gelsi uniti si vince”.
Una bellissima descrizione che accompagna lo scatto e che ci porta a riflettere sul futuro della terra, fondamentalmente quanto vuole portare alla ribalta la Giornata Mondiale della Terra, una giornata che deve essere moltiplicata per 365.
Arrigo Boria ha colto il messaggio che il filare di gelsi ci pare inconsapevolmente trasmettere.
I gelsi sono, da tempo, in modo indissolubile legati alla terra e alle tradizioni ed è proprio quel loro intrecciare i rami, come il darsi la mano, a rendere lo scatto particolarmente significativo e la bravura di Arrigo è stata quella di comprendere e immortalare.
I gelsi, attraverso questo scatto, ci trasferiscono il loro messaggio: se non ci uniamo e si lavora insieme (a tutti i livelli) il futuro della Terra sarà praticamente incerto.
Ricorrono le parole di Capo Seattle, indiano d’America: “La Terra su cui viviamo non l’abbiamo ereditata dai nostri padri, l’abbiamo presa in prestito dai nostri figli”.
Ecco perché dobbiamo difenderla e proteggerla.
E questa foto di Arrigo Boria ne è l’insegnamento: riflettiamo.
Ed è per tutto ciò che voglio ringraziare Arrigo Boria.