rubrica a cura di Fabrizio Capra
“Fuck Simile”, il nuovo singolo di Arianna Ferrari e Esa Aka El Presidente. Stefano Ferrari presenta il nuovo singolo “Cesto di Limoni”. Dal 2 aprile “Metri e marciapiedi”, il primo album di Jacopo Sanna. Nils Frahm pubblica a sorpresa “Graz” l’album registrato nel 2009 e mai uscito.

ARIANNA FERRARI e ESA AKA EL PRESIDENTE
Dal 26 marzo è su Youtube il video di “Fuck Simile” (2021 Version)” il nuovo singolo di Arianna Ferrari e Esa Aka El Presidente, che hanno scritto il testo su musica e arrangiamento di Matteo Bianchi per #mbproduzioni. “Fuck simile (2021 Version)” è un brano pop rock, dai suoni freschi e contemporanei con un testo dove molti si possono rispecchiare. Il brano è già in radio e disponibile in digitale. “Anche questo pezzo nasce da una simbiosi di composizione tra me – dice Arianna Ferrari – e Matteo Bianchi compositore e produttore, ed è nato pensando all’idealizzazione che spesso le persone fanno rispetto a chi le accompagna. Credo che prima o poi, nel corso della vita, qualsiasi persona possa ritrovarsi in una situazione simile, spesso infatti, vogliamo ad ogni costo pensare che la persona che ci sta vicino, sia come la vorremmo anche quando non è così.” “Questo brano – spiega Matteo Bianchi – parte con un “passo” lento all’inizio che rappresenta il buio ed il silenzio della notte per poi arrivare ad un ritornello ritmico e divertente in stile ‘dance’. Durante i primi social live di Arianna ho pensato di affiancare ad un brano così fresco e ritmico nell’inciso la straordinaria voce e verve di uno dei maggiori capi del rap in Italia: ESA Aka El Presidente. Ci siamo divertiti a tal punto da decidere di proporre una nuova versione del brano.” “Arianna è una cantante con tanta carica quanto dolcezza. Il suo rock è leggero e allo stesso tempo è bella musica – racconta Esa Aka El Presidente – intatti quando mi ha chiesto di collaborare per ‘Fuck Simile’ mi è piaciuta molto l’idea di dedicare un simpatico ‘Addio alle storie sentimentali pacco’.  Bisogna volersi bene e se non si trova questo equilibrio meglio salutare, prima di tutto bisogna stare bene. Solo Amore è il motto. One Love.Video. Il video, per la regia di Wlady Avanzo, è stato girato nelle campagne della periferia milanese, Si è deciso di lavorare sulle immagini, la fotografia, sulle location, esterni e interni, sui costumi di scena e il trucco, sul bene e il male, sul falso e il vero, intorno al testo di una canzone in cui la cantautrice si rivolge al suo “Fuck simile di un’emozione” guardandolo dritto negli occhi. A impreziosire il tutto, la presenza, come nel brano, del grande rapper Esa Aka El Presidente che col suo flow e la sua energia fa ancora scuola sia alle passate che alle nuove generazioni. I musicisti di questo brano: alle batterie Fabrizio Greco, al basso Antonio Giarletta, alle chitarre Vincenzo Rucci, Laura Besana, Giuseppe Irrera e Matteo Bianchi che ha suonato anche Pianoforte e programmazioni Synth. Registrato e arrangiato al MB Studio. Registrazioni voci e compo di Esa Aka El Presidente realizzate al Bunker Home Studio da Paolo Agosta. Mixato da Francesco Coletti e masterizzato da Alberto Cutolo presso Massive Art Studios.

STEFANO FERRARI
Stefano Ferrari
presenta il nuovo singolo “Cesto di Limoni”, in radio e su tutte le piattaforme streaming. Scritto da Ferrari, arrangiato dall’inseparabile amico Alessandro Porro e prodotto da Doremind, il brano ha un ritmo trascinante e un mood scanzonato e provocatoriamente leggero, quasi a fare da contrappeso all’importante tema trattato. “Cesto di Limoni” arriva a coronamento del progetto Naturalmente Musica, vincitore del bando “Operazione Comunità” di  #oltreiperimetri, che ha visto Ferrari e Porro, alias I Walkadelici, impegnarsi in una serie di attività con una forte connotazione green fra cui i podcast che trattano temi come la musica e l’ambiente attraverso notizie e interviste di ospiti del mondo delle radio, della musica e della carta stampata. Nel brano è possibile anche sentire la partecipazione del coro About500 diretto dal M° Vita Parlapiano, anch’esso coinvolto in Operazione Comunità di #oltreiperimetri così come Naturalmente Musica. Il ritmo coinvolgente della canzone ha ispirato il corpo di ballo della Dance Academy di Valentina Ponzoni: le ballerine partecipano infatti al video del brano con la loro coreografia realizzata, immerse nel verde, nei luoghi spesso attraversati dai Walkadelici durante le puntate del progetto Naturalmente Musica. Stefano Ferrari racconta: “Ho voluto esprimere con ironia alcune questioni preoccupanti sull’ambiente che spesso ci poniamo, specialmente quando diamo uno sguardo all’impatto dell’uomo sulla natura. Il modo in cui le proiettiamo subito sui noi stessi e sulla nostra paura di morire ci riduce a pensare alla nostra alimentazione, alle vitamine e rimanere seduti al sole a “succhiarci la vita” piuttosto che passare all’azione e fare qualcosa di concreto per l’ambiente. Purtroppo spesso si tende a ragionare, illudendosi, che ci sia sempre qualcun altro che agirà in merito per conto nostro.

JACOPO SANNA
Arriva nei digital store il 2 aprile “Metri e marciapiedi”, il primo album di  Jacopo Sanna. Con i piedi nel pop italiano e le braccia tese all’elettropop nordeuropeo, il disco è composto da 10 brani che snocciolano gli ultimi anni di due occhi romani e romantici tra i marciapiedi di Copenhagen, Lussemburgo ed Amsterdam. Il disco è anticipato dal singolo Passo avanti, nei digital store dal 19 marzo. Un arrivo, una chitarra suonata per strada, un pensiero che diventa passato e uno sguardo puntato ad orizzonti nuovi: Passo avanti  raccoglie tutti i buoni propositi che caratterizzano i nuovi capitoli e che oscillano tra quello che è stato e quello che sarà. “Metri e marciapiedi è un percorso; sono appunti presi su post it e quaderni, parole sussurrate al telefono o sotto le coperte; sono suoni ascoltati in aeroporti, per strada, al mare, in un club; sono passi iniziati con la fame di nuove esperienze e la voglia di lasciarsi abbracciare da questo sconosciuto cielo del nord; sono promesse a se stessi e nuovi inizi costruiti con le mani ancora impregnate di tutto quello che c’è stato prima. È andare via imparando ogni passo a memoria per trovare un ritorno prossimo”.

NILS FRAHM
In occasione di Piano Day 2021, oggi, 29 marzo, Nils Frahm pubblica a sorpresa ‘Graz’, il primo album di studio con l’etichetta Erased Tapes,  registrato nel 2009 e mai pubblicato! Nils Frahm ha silenziosamente cambiato il panorama musicale, reincarnando la secolare figura di un pianista-compositore per una nuova generazione di appassionati di musica. Man mano che la popolarità di Nils cresceva, cresceva anche il profilo della cultura pop del suo strumento. Nel 2015 ha dato vita, insieme ad un team di amici, a Piano Day con l’obiettivo di celebrare una delle più grandi invenzioni dell’umanità, omaggiando lo strumento con degli album in piano solo che venivano pubblicati nello stesso giorno. Tra questi, ‘Graz’ che, composto ancora nel 2009, vede la luce in occasione di Piano Day 2021, il 29 marzo, un’inedita fotografia di un giovane Nils Frahm. Registrato a Mumuth, presso l’Università di Music and Performing Arts a Graz, in Austria, il disco è parte del progetto ‘Conversations for Piano and Room’ prodotto da Thomas Geiger, che si è aggiudicato un award nella categoria Classical Surround Recording in occasione del centoventisettesimo AES Convention a New York. Anche se all’epoca si decise di tenere sotto chiave le registrazioni del pianoforte a coda delle sessioni di Graz e concentrarsi invece sulle esplorazioni pianistiche che sarebbero diventate il suo acclamato album di studio ‘Felt’ pubblicato nel 2011, un paio di brani sono stati eseguiti dal vivo da Nils Frahmdurante il tour di ‘Spaces’ (2013). Nel corso della sua mutevole carriera Nils ha sperimentato e cambiato fisicamente il suo pianoforte (sostituendo le corde con altre appositamente ammorbidite, che ritroviamo in ‘Felt’), suonato con un corpo modificato (‘Screws’ è stato registrato con nove dita ed un pollice rotto) e su una scala (‘Solo’, registrato sul Klavinss M370 alto 3,7 metri). Con ‘Graz’ Nils sperimenta una nuova frontiera: il tempo passato e la sua discografia. ‘Graz’ rappresenta il particolare momento agli inizi della silenziosa rivoluzione di Frahm, dove la sua essenza è già evidente nell’armonico linguaggio della classica e nell’immediatezza del jazz. Registrato nel 2009, ‘Graz’ è inoltre il primo disco di Nils Frahm con etichetta Erased Tapes.