Riceviamo e pubblichiamo
Domani, venerdì 12 febbraio, tra i programmi Rai: un thriller d’azione in prima visione, “Fuga nella giungla” mentre per “Passato e Presente” la storia di Reza Pahlavi, lo Scià di Persia e della moglie Soraya.

In prima visione  “Fuga nella giungla”: un thriller d’azione con Zoe Bell
Venerdì 12 febbraio
 alle 21.20 Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) propone il film in prima visione “Fuga nella giungla”, avvincente thriller d’azione diretto da Josh C. Waller e interpretato dalla musa di Quentin Tarantino Zoë Bell, celebre controfigura di Uma Thurman in Kill Bill e poi attrice protagonista in A prova di morte. La reporter Avery Taggart si trova a Bogotà, in Colombia, per un servizio quando scoppia un violento conflitto. Seguendo una squadra di mercenari, la reporter cercherà di documentare i fatti e, allo stesso tempo, dovrà fare di tutto per uscire viva dagli scontri.

A “Passato e Presente” la storia di Reza Pahlavi e Soraya: una favola triste
Diventato Scià dell’Iran a poco più di vent’anni, Mohammad Reza Pahlavi ha già un primo matrimonio alle spalle quando, il 12 febbraio 1951, sposa la diciannovenne Soraya Esfandiari Bakhtiari, bella e blasonata, appartenente ad una delle più importanti famiglie dell’aristocrazia del paese. Avvolte in un’atmosfera da Mille e una notte, le nozze dello Scià di Persia sono uno degli eventi più amati dalla stampa dell’epoca. Seguiranno anni intensi, sia per la coppia, che per la storia dell’Iran, fino all’epilogo che ha appassionato i rotocalchi di tutto il mondo. Nella primavera 1958 lo Scià, addolorato, è costretto ad annunciare la fine della sua unione con la bella e sfortunata Soraya, che non è riuscita a dargli l’erede maschio che assicuri continuità alla casata. Una favola triste che Paolo Mieli racconta insieme al professor Franco Cardini a “Passato e Presente”, in onda venerdì 12 febbraio alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia