Riceviamo e pubblichiamo
Domani, martedì 2 febbraio, la Rai propone per la trasmissione "La Banda dei FuoriClasse" una lezione dedicata al Sommo Poeta. La serie “Museo Italia”, invece, ci racconta di come la nostra nazione sia un Paese "immerso" nell'arte.

Dante Alighieri a “La Banda dei FuoriClasse”: una lezione dedicata al sommo poeta
La vita di Dante Alighieri sarà al centro della puntata de “La Banda dei Fuoriclasse”, in onda martedì 2 febbraio, alle 15, su Rai Gulp e RaiPlay. Il programma, condotto da Mario Acampa, va in onda in diretta per aiutare nel doposcuola gli studenti della scuola primaria e secondaria inferiore in un anno scolastico molto complicato. La maestra Oriana Darù terrà una lezione su Dante Alighieri a 700 anni dalla morte del sommo poeta. Il divulgatore del giorno è Leonardo Frigo con i suoi violini illustrati a mano in cui racconterà i canti dell’inferno della Divina Commedia. Inoltre sarà ospite la scrittrice e filosofa, Ilaria Gaspari, che porterà i ragazzi nel mondo della filosofia alla scoperta della figura di Socrate. Continua il corso della settimana dedicato alla paleontologia con i divulgatori del Muse per “diventare un esperto di dinosauri” e torna la rubrica “Strade Famose” del prof. Enrico Galiano. Il programma è prodotto da Rai Ragazzi in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e va in onda ogni giorno in diretta dal Centro Rai di Torino. I ragazzi possono scrivere alla redazione attraverso Instagram (@rai_gulp), Facebook (https://www.facebook.com/RaiGulp/) e Twitter (@RaiGulp).

“Museo Italia”: un Paese “immerso” nell’arte
La specificità dell’Italia non è nella percentuale o nella quantità di opere del patrimonio artistico universale presenti sul territorio. Quello che la rende unica e invidiata nel mondo è che qui, come dice lo storico dell’arte Antonio Paolucci, “il museo esce dai suoi confini, si moltiplica, occupa ogni angolo della città, sta all’ombra di ogni campanile”. Il Belpaese insomma è un “museo diffuso”. Lo spiega il nuovo appuntamento con la serie “Museo Italia”, in onda martedì 2 febbraio alle 20.30 su Rai5. Nella puntata, il professor Paolucci è ad Empoli per visitare un museo che, come migliaia di altri in Italia, rappresenta i valori civili, religiosi e patriottici di una comunità: il Museo della Collegiata di Sant’Andrea, che ospita opere di importanti artisti toscani del Quattro e Cinquecento commissionate nel tempo dalla comunità locale: dal fonte battesimale di Bernardo Rossellino al Compianto di Masolino, dai rilievi di Mino da Fiesole alla Annunciazione di Francesco Botticini. Artisti che hanno contribuito a delineare l’identità della città, sopravvissuta al tempo e alla guerra, come testimoniano anche le opere conservate nella chiesa di S. Stefano degli Agostiniani. Da qui poi il professor Paolucci ci conduce al ‘museo santuario’, ovvero al Duomo di Orvieto, il cui profilo si staglia in cima alla rocca dell’ultima città sulla via che conduceva a Roma dal nord e dal centro Europa. Il complesso è una straordinaria raccolta di capolavori: dalla facciata con i bassorilievi che illustrano le storie del Vecchio e Nuovo testamento fino al Giudizio Universale, all’interno con le Cappelle del Corporale e di San Brizio affrescate e decorate da artisti come Beato Angelico e Luca Signorelli.