Riceviamo e presentiamo
La serie “Museo Italia” ci porta a Firenze, capitale mondiale dell’arte. "Art Night" e l'arte dei fumetti ci porta a scoprire il mondo di Crepax e la sua creatura Valentina.

“Museo Italia”: Firenze, città dei musei
Capitale mondiale dell’arte, Firenze ospita un elevato numero di musei e gallerie che testimoniano la straordinaria ricchezza artistica di questa città unica al mondo. Lo storico dell’arte Antonio Paolucci racconta questi musei e le principali opere che ospitano in due appuntamenti con la serie “Museo Italia“. Si comincia venerdì 29 gennaio alle 20.15 su Rai5 con una puntata dedicata al Museo del Bargello e alla Galleria dell’Accademia, e si prosegue lunedì 1 febbraio con una puntata interamente dedicata agli Uffizi. Il Museo del Bargello, scrigno di meraviglie della scultura rinascimentale, con opere di Donatello e Michelangelo, era sede del Podestà in epoca comunale finché sotto i Medici diventa Palazzo del Bargello, cioè il luogo dove si amministra la giustizia criminale. Per secoli resta sede del tribunale e anche luogo di pena, fino a quando  la Toscana repubblicana nell’8oo lo trasforma in museo. Il palazzo viene quindi restaurato e destinato a ospitare i capolavori della scultura rinascimentale: dagli Uffizi vengono trasferite qui sia la grande scultura che le collezioni di arte applicata dei Medici. Il fascino del nuovo museo attira altre importanti donazioni, come la raccolta di arti minori del collezionista francese Louis Carrand (avori, maioliche, gioielli e tessuti). Tratto tipico di questo museo è dunque la convivenza di arti minori e scultura. Nella Sala detta di Donatello si può capire a colpo d’occhio cosa è stato il Rinascimento fiorentino. Accanto alle opere di Donatello si trovano, infatti, opere di Verrocchio, di Luca della Robbia, le formelle presentate da Ghiberti e Brunelleschi al Concorso per le porte del Battistero. Ma nel Bargello i capolavori sono disseminati ovunque: dalla Costanza Bonarelli di Bernini al busto di Battista Sforza, alla Dama col Mazzotino del Verrocchio. Al pianterreno, sul cortile, si apre la Sala di Michelangelo: una sorta di Pantheon dell’arte fiorentina del pieno ‘500, un’antologia della cultura e delle ideologie dell’epoca rinascimentale. Accanto al tondo Fitti, al Bacco, al Febo/David, al Bruto si possono ammirare i lavori di Cellini, di Giambologna, di Baccio Bandinelli. Museo antitesi del Bargello è la Galleria dell’Accademia, creato e imperniato intorno a una singola opera, il David di Michelangelo, attrazione fatale per migliaia di visitatori da tutto il mondo.

“Art Night” e l’arte dei fumetti. Cercando Valentina. Il mondo di Guido Crepax
Un elegante e sofisticato sogno “proibito” per gli uomini e un simbolo di indipendenza, fascino e seduzione per le donne: tutto questo ancora oggi è Valentina, un caschetto nero inconfondibile, uscita dalla matita di Guido Crepax: un personaggio, più che un semplice fumetto, al quale “Art Night” dedica la puntata in onda venerdì 29 gennaio alle 21.15 su Rai5 con il documentario in prima assoluta “Cercando Valentina. Il mondo di Guido Crepax” di Giancarlo Soldi, vincitore del Nastro d’argento 2020 nella categoria Docufiction, prodotto da Stefania Casini per Bizef Produzione con Rai e in collaborazione con Rsi – Radiotelevisione svizzera. Fine anni sessanta: Parigi, Londra, Milano vivono un fermento creativo, pulsano allo stesso ritmo, stelle della stessa costellazione culturale, che si ribella, si rinnova. Guido Crepax intercetta tutte le novità di una Milano in fermento, della rivoluzione che è anche estetica e li traspone nel suo fumetto, dove arte, musica, design, cinema e moda si contaminano, rompendo e innovando gli schemi della narrazione. Valentina è il suo alter ego: la fotografa sognatrice diventa un’icona amata da più generazioni. “Cercando Valentina” è un viaggio alla ricerca di Valentina e del suo creatore, dove il passato si confonde col presente e la narrazione è sincopata e a volte rarefatta come nelle tavole di Crepax. Il mondo del fumetto prende vita e Philip Rembrandt, che nelle storie di Valentina è l’amante, esce dal disegno per diventare la presenza reale che ci conduce alla ricerca di tutti coloro che l’hanno amata, capita, collezionata.
A seguire, un ritratto di Vittorio Giardino, uno dei maestri del fumetto d’autore contemporaneo, italiano ed europeo, con il documentario di Lorenzo Ciofi “Le circostanze. I romanzi disegnati di Vittorio Giardino”, una produzione Ladoc scritta da Lorenzo Cioffi e Vittorio Giardino. Grazie a un accesso esclusivo al lavoro di Giardino, il documentario porta per la prima volta sullo schermo le tavole originali dei suoi fumetti, i cui testi sono stati adattati dall’autore appositamente per il film. L’arte di Vittorio Giardino viene ripercorsa attraverso la sua trentennale produzione immersa nella storia del Novecento, a partire da un qui e ora: il lavoro dell’artista sulle tavole che comporranno la sua opera conclusiva. Art Night è un programma di Silvia De Felice e di Massimo Favia e Marta Santella. Regia di Andrea Montemaggiori.