di Fabrizio Capra
Oggi per la rubrica La Foto della Settimana la scelta è caduta su uno scatto molto significativo di Alfonso Loszio effettuato da una barca lungo la costa del Gargano.
foto di Alfonso Loszio

Quando ho visto questo scatto di Alfonso Loszio mi è venuta in mente la locuzione latina tratta dalle Odi del poeta latino Orazio: “Carpe diem” dapprima  nella sua erronea traduzione “Cogli l’attimo”, poi pensandoci bene in quella che è la vera traduzione: in realtà Carpe diem è traducibile in “afferra il giorno”, in sostanza, se l’Ode la si legge fino in fondo, è un invito a godere ogni giorno dei beni offerti dalla vita.
E in questo scatto di Alfonso Loszio ci ho trovato entrambe le traduzioni, quella corretta e quella che ci siamo adattati (sempre in modo erroneo) a nostro piacimento.
Ci ho trovato l’afferra il giorno, ovvero il godersi quello che la vita ci riserva, un qualcosa fatto anche di natura, di storia, di cultura.
Un qualcosa che ci ritroviamo “sotto gli occhi” tutti i giorni che, purtroppo, non tutti riescono a cogliere perché non ci facciamo “toccare” i sentimenti.
Ci ho trovato anche il cogli l’attimo perché uno scatto come quello di Alfonso non si realizza pensandoci sopra, studiandolo, provando o riprovando.
Bisogna cogliere l’attimo e riuscire ad immortalare velocemente ciò che si è percepito perché può anche ritornare ma non sarà mai come quando nel giro di pochi secondi ci ha “bussato” nella testa e ha fatto si che in pochissimo tempo si riuscisse a fissare ciò che poco dopo non era più la stessa visione.
Questa è anche un po’ la metafora della vita: più che cogliere l’attimo dobbiamo diventare sempre più portati ad afferrare il giorno, a viverlo nella sua interezza, lasciando aperta la porta del nostro cuore e della nostra mente ai sentimenti.
Grazie Alfonso Loszio per questo scatto!