di Roberta Pelizer
La titolare del brand RP, Roberta Pelizer, ci racconta l’intervista fatta ieri a Daniele Barsanti durante la trasmissione “Roby Sing & Song” su Radio Vertigo One.

Giovedì pomeriggio durante il mio programma in diretta su www.radiovertigo1.comRoby Sing & Song” ho avuto il piacere di intervistare Daniele Barsanti della “Red&Blue Music Relations” di Clarissa D’Avena.

Toscano di origini e precisamente della Versilia il Dany (perché anche con lui abbiamo instaurato subito un feedback positivo) ha le idee chiare per quanto riguarda il suo percorso discografico: voce squillante, battute sempre pronte e tanta energia positiva sono stati il cocktail della nostra chiacchierata.
Come di rito dopo l’intervista abbiamo ascoltato un suo brano che è uscito da poco e che porta il titolo de Le commesse.

D’obbligo è stato chiedergli come e quando ha avuto l’ispirazione per scrivere il testo di questa canzone che tra l’altro è piacevolissima da ascoltare e Daniele mi ha detto che, in pratica, l’ha scritta di getto dopo il periodo del Lockdown, entrando proprio in un negozio dove ha visto questa commessa annoiata e anche un po’ arrabbiata perché passa la sua vita a piegare la vita degli altri ed in effetti questa osservazione non fa una piega.
Sorridendo mi ha confidato che è una sorta di “ Vaffa…” che tutti noi abbiamo in mezzo ai denti e che non possiamo dire, quindi ci ha pensato lui con questa canzone a darci un aiutino.

Daniele è un ragazzo molto positivo che vede sempre il bicchiere mezzo pieno e mai mezzo vuoto e questo è un lato del carattere che apprezzo molto di una persona.
Tornando al pezzo e quindi anche all’album del quale fa parte “Le commesse”, Daniele ha già tutto pronto, il video che è online e vede appunto questa commessa un po’ annoiata che passa la sua giornata a sistemare il negozio ad un certo punto balla e si libera della sua quotidianità.

Gli altri brani sono in fase di lavorazione ma come ogni artista che si rispetta anche Daniele è scaramantico e quindi non si è sbilanciato più di tanto.
Naturalmente gli ho personalmente riservato l’invito in radio e spero di poterlo conoscere al più presto, assieme a lui tutti questi grandi artisti italiani che sono un patrimonio della nostra bella Italia.