Riceviamo e pubblichiamo
Domani, lunedì 13 luglio, Rai3 (con replica su Rai Storia) ci racconta a “Passato e Presente” di Cavour. Per “Cronache dall’antichità” su Rai Storia c’è Giulio Cesare.

Passato e Presente: un ritratto di Cavour 
Politico di genio, giornalista, statista, Camillo Benso conte di Cavour è un uomo dallo spirito curioso e appassionato. Prima di diventare l’uomo politico lungimirante che invia le truppe piemontesi in Crimea per sedere al tavolo dei vincitori e tessere così il complesso disegno diplomatico che porterà all’unità d’Italia, Cavour è un brillante uomo d’affari, che gestisce con profitto le tenute di famiglia, sperimentando metodi di gestione e strumenti di lavoro sempre all’avanguardia. Un personaggio raccontato dal professor Lucio Villari e Paolo Mieli a “Passato e Presente”, in onda lunedì 13 luglio alle 13.15 su Rai3 e alle 20,30 su Rai Storia. Liberale curioso, Cavour viaggia alla ricerca di nuove idee e delle ultime novità in campo economico e tecnologico. Lontano dall’essere soltanto il freddo stratega che i manuali di storia hanno dipinto, la sua vita è attraversata anche da grandi amori: donne alle quali ha lasciato lettere cariche di passione.

Cronache dall’antichità. Dal mito alla storia: il destino di Giulio Cesare 
Mese di gennaio del 49 a.C.: il dado è tratto. Passando il Rubicone Giulio Cesare assalta il mondo con una sola legione, e mette in moto la catena di eventi che porterà alla fine della Repubblica di Roma e alla nascita dell’Impero. Cinque anni dopo, nel marzo del 44 a.C., quando la situazione sembra ormai pacificata, il “dittatore a vita” viene ucciso in senato da un gruppo di congiurati guidati da Bruto e Cassio. Sulle rive del Rubicone, nella casa di Giulio Cesare, nella Curia, nel Foro Romano e nel luogo del delitto, Cristoforo Gorno racconta il destino di un uomo il cui nome è diventato sinonimo di potere in “Cronache dall’antichità”, in onda lunedì 13 luglio alle 22.10 su Rai Storia