Riceviamo e pubblichiamo
La programmazione Rai di domani, martedì 7 luglio, prevede su Rai5 un viaggio attraverso Le terre del monsone mentre su Rai Storia, per Genius, l’invenzione della televisione.

Un viaggio attraverso “Le terre del monsone”: aspettando la pioggia
La vita di uomini e animali che abitano i territori dell’Asia meridionale dipende profondamente da uno dei più grandi fenomeni sulla terra: i venti del monsone che ogni anno attraversano questa vasta regione trasformando la siccità in diluvio. Ogni forma di vita è dominata dalla furia di questi elementi. Dalle coste settentrionali dell’Australia alle vette più alte dell’Himalaya, dai deserti soffiati dal vento dell’India settentrionale alle lussureggianti foreste equatoriali del Borneo, la serie “Le terre del monsone”, in onda martedì 7 luglio alle 14.45 su Rai5 (canale 23), in cinque episodi intraprende un viaggio attraverso le terre del monsone. Nel corso degli episodi, la serie mostra la varietà di fauna e culture nelle diverse regioni e spiega come affrontano i cambiamenti del clima.
Ricostruendo così la storia di una relazione tra uomo e natura antica migliaia di anni. Cosa riserverà loro il futuro?

A “Genius” gli inventori della televisione: Sarnoff contro Farnsworth
La nascita della televisione è al centro del nuovo appuntamento con “Genius”, in onda martedì 7 luglio alle 22.10 su Rai Storia (canale 54). Il piccolo schermo viene immaginato da un giovane contadino dell’Idaho, Philo Farnsworth, che per tutta la vita cerca di produrlo e di commercializzarlo. Ma l’idea gli viene sottratta da David Sarnoff, magnate delle telecomunicazioni, che comprende subito le potenzialità del nuovo mezzo e non si fa scrupoli a schiacciare Farnsworth, affossandolo con una causa legale. Nonostante tutto Farnsworth vince la causa, ma proprio quando Sarnoff si vede costretto a pagarlo per poter utilizzare il suo brevetto, lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale mette fine ai sogni del giovane inventore.