di Gian Giacomo William Faillace
Originaria della Puglia, la giovanissima Valentina Corvino si sta affermando sulle passerelle di importanti brand nazionali. La modella più giovane al mondo è stata intervistata da Gian Giacomo William Faillace.

Quindici anni: questa è l’età di Valentina Corvino, modella di origine pugliese e che, nonostante la sua giovane età, ha già calcato le passerelle di numerosi brand internazionali; considerata la modella più giovane del mondo, è entrata a pieno titolo nello staff della Major.
Fondata nel 1981 da Guido Dolci, l’agenzia Major opera in tutto il mondo con le sue sedi a Milano, New York e Miami. Dal 2000 la Major è considerata una delle agenzie indipendenti più conosciute nel mondo nonché un’icona nel panorama del fashion system grazie ad un network di agenti internazionali che lavora e collabora con i più importanti membri del mondo della moda, pubblicità e comunicazione.

Il gruppo Major ricerca, sviluppa e promuove talenti rappresentandoli in tutto il mondo, migliorando e sviluppando la loro carriera: le svariate partnership internazionali, con prestigiosi clienti, permettono la promozione ed il supporto di modelle e modelli sotto una guida esperta. Tra i principali clienti si annoverano Giorgio Armani, Dolce e Gabbana, Gucci, Valentino, Vogue, Ralph Lauren, Prada, Dior, Marc Jacobs e tanti altri.
Chi è Valentina Corvino?
«Valentina è un’umilissima ragazza di 15 anni, anzi il 26 luglio ne compio 16. Sono nata a Manfredonia, una bellissima città, che ho comunque deciso di lasciare per rincorrere e realizzare il mio sogno, ossia, diventare modella e stabilirmi a Milano».

Come è nata e come si è sviluppata la tua carriera?
«Sin da piccola ho sempre immaginato di sfilare, arrivando addirittura di indossare i vestiti di mia madre, simulando così, la passerella in casa. Mio padre, l’estate scorsa, ha avuto la fortuna di conoscere Daniele Salvadore e Marta Losapio, titolari della DSML Managemet, da cui è nato tutto. Per mettermi alla prova mi hanno fatto partecipare alla finale del concorso denominato “World Top Model” che si tenne in Salento, di cui Fiore Tondi è il patron. In questa occasione mi sono confrontata con cinquanta finaliste provenienti da tutta Italia. Fu una splendida esperienza perché oltre a trovare all’interno dell’organizzazione una magica famiglia, mi sono classificata tra le prime sei finaliste e scelta da Guido Dolci. Da quel momento, è radicalmente cambiata la mia vita. Mi trasferisco a Milano, numerosi furono i casting a cui dovetti partecipare, molte le manifestazioni e le puntate televisive e, infine, la mia prima sfilata a Verona per “Cavalli”».

Qual è la vita di una giovane modella?
«
La vita di una giovane modella è piena di sacrifici, rinunce. Non mi pesa molto poiché servono a far raggiungere il mio obbiettivo ma mi rendo conto che ho una vita completamente diversa dalle mie coetanee. Curo molto l’alimentazione e la pelle e soprattutto devo tutelare e proteggere la mia immagine, poiché far parte della Major Model Management è una grande soddisfazione, un grande traguardo ma anche una grande responsabilità. Sono inoltre considerata la modella più giovane del mondo».
Come riesci a conciliare vita lavorativa e carriera scolastica?
«
Prima era molto complicato rispondere a questa domanda, in realtà a causa del Covid-19 svolgo le mie interrogazioni e compiti online come tutti gli studenti stanno facendo negli ultimi tre mesi, però mi spiego meglio: frequento il secondo anno dell’istituto alberghiero di Manfredonia e quando fui costretta a trasferirmi a Milano, i miei managers della DSML si sono recati presso la presidenza della mia scuola concordando, di concerto col Collegio Docenti, un progetto scuola-lavoro, il quale prevede compiti ed interrogazioni online. È inutile sottolineare quanto sia comunque dura rientrare dopo una giornata di lavoro, iniziare a studiare e prepararsi per le interrogazioni».

Progetti futuri?
«Non nascondo che a causa del Covid, si vive alla giornata, nell’attesa che si riprendano le attività come prima del lockdown. Attualmente attendo di rientrare a Milano, la Major mi attende. Ad ogni modo ho molti progetti in cantiere ma preferisco non svelarli per scaramanzia. È imminente uno shooting a Trani e poi seguiranno tante novità».