Oggi la rubrica “Racconti e Poesie” ospita due poesie in dialetto alessandrino di Luciano Olivieri, recentemente scomparso e ricordato dal nostro redattore Jacopo Scafaro.
Poesie di Luciano Olivieri
Introduzione di Jacopo Scafaro

Il periodo che stiamo vivendo mette a dura prova il nostro bisogno di comunità. Molte 43610017_10212552513593828_1360168129203798016_odelle persone care se ne sono andate, in silenzio.
Il tempo che passa lascia il segno. È un segno fatto di emozioni, conoscenze, esperienze, decisioni. Incontri attorno a cui crescono le città, le loro radici.
Ci sono persone abituate a dare tanto agli altri e queste persone, anche quando se ne vanno, si preoccupano di dare il minore fastidio possibile.
Luciano Olivieri era uno di questi.
Poeta dialettale alessandrino è stato uno dei cantori più bravi e celebri della tradizione mandrogna; i suoi modi cortesi, la sua gentilezza, la fine delicatezza: questo era Luciano.
Lo voglio ricordare con due delle sue più belle poesie.

ANDÉ PARÒLI di Cianèn Olivieri
Andè, paròli lisandrèini,
vulé, ansüma dla Sità!
14292504_134710650319575_8174081858791464418_nAns’i paìz, fina al casèini
…ch’i sapu chic’jeru i Lisandrèn!
Cula gent ch’la stava chì;
ch’is ‘na visu pròpi bén
ad cul mond ch’a l’è finì.
Car maznà da j’ògg sclènd,
ch’i sarrèi i padròn del mond,
smentièv nenta dla vostra gent…
per ricurdèj, ‘l basta ün secònd!

ANDATE PAROLE di Luciano Olivieri
Andate, parole alessandrine
volate, sopra la Città!
Sui paesi, fino alle cascine
… che sappiano di noi la verità!
Che sappiano chi erano gli Alessandrini,
quella gente che viveva qui;
che se ne ricordino proprio bene
di quel mondo che non c’è più.
Cari bambini, dagli occhi limpidi,
che sarete i padroni del mondo,
non dimenticatevi dei vostri avi…
per ricordarli, basta un secondo!

ÌST AMÙR
‘St amùr
csì viulént,
csì fràgil,
csì tëner,
csì disperà,
Stairway-to-Heaven-significato‘st amùr
bèl cmé ‘na giurnà
gràm cmé u témp
quàndi che u témp l’è gràm,
‘st amùr csì sincér,
‘st amùr csì bèl,
csì cuntént
csì alègher e strafutént,
pén ad pöura cmé ‘na mašnà au scür
e tànt sicür ad lü cmé
in òmi tranquìl ant el cör dla nöc,
‘st amùr ch’el fàva póura a j’àter,
ch’ui fàva parlè,
ch’ui fàva avnì šmòrt,
‘st amùr spià,
perché nujàter al spiàvu,
perseguità,ferì,
calpistà,negà,masà,šmentià,
‘st amùr tüt antré,
ancùra csì vìv e tüt iluminà:
l’è u tó,
l’è ‘l mé.

Per chi, come te, ha saputo dare tanto, saranno certamente aperte le porte di tutti i Paradisi. Un grande abbraccio ad Isa.