rubrica a cura di Fabrizio Capra
Lo scorso 3 aprile è uscito il quinto capitolo che racconta il nuovo disco di Frey “Baci del vento”. Il nuovo singolo è intitolato “Boomerang”.
Sono solo ricordi preziosi 
I violini alla finestra ad asciugare un po’
sono solo ricordi preziosi
vecchie emozioni che ora nell'aria girano

Da venerdì 3 aprile, è disponibile online e sulle migliori piattaforme streaming  “Boomerang”, il quinto capitolo di “Baci del vento” (Malamente/Artist First), il nuovo boomerangdisco della giovane cantautrice Frey uscito il 21 febbraio.
“Boomerang” è il brano più intimo e intenso della cantautrice cremonese. La chitarra arpeggiata accompagna le parole sussurrate che pian piano diventano melodiche, passando dal bridge in cui si inseriscono i violini e il climax procede fino a esplodere nel ritornello dove Frey canta con tutto il suo carico emotivo pieno di lacrime e passione.
«Mi piace fermare questa canzone con l’immagine di un Boomerang un po’ come un messaggio che lancio e aspetto che mi torni indietro con una risposta. Questa canzone l’ho dedicata a mio padre, “ricordi preziosi che ora nell’aria girano e come un Boomerang arrivano a te.” da piccola passavo molto tempo nel suo laboratorio fra il profumo di vernice dei violini e la musica classica alla radio, in quell’atto di creazione affascinante del legno che dalle sue mani passando dal cuore diventava strumento e poi prendeva forma in qualcosa di magico come la musica. Anni più tardi ho fatto qualche lavoretto di liuteria. In un periodo difficile ho Frey 2_banche inciso il mio nome sulla paletta della mia chitarra, con un materiale che ricorda la madreperla, l’abalone.  Però poi scrivere canzoni ha sempre preso il sopravvento. commenta Frey Nell’illustrazione ho disegnato con pastello a cera le nostre due figure mano nella mano in cammino su sfondo blu, colore a me caro, spirituale, con tratto bianco su linee orizzontali mosse che possono far pensare al mare ma che sono le corde della mia chitarra in movimento, le nostre figure sono circoscritte da un cerchio simbolo dell’eternità ma anche della buca della mia chitarra come per mettere a fuoco un ricordo prezioso.».
La cantautrice e chitarrista esprime il proprio inland empire tra irruenza ed intimismo. Voce intensa che si esprime fra vibranti bisbiglii ed emozionanti aperture melodiche. freyMalinconica eppure piena di energia costruisce canzoni con texture chitarristiche essenziali che sembrano prendere vita in una solitudine cupa per colorarsi progressivamente di toni accesi vivi e autentici.
Il brano è stato scritto da Frey e prodotto da Stefano Giungato per Malamente Records  presso gli studi di Indiehub a Milano. Cover artwork a cura di Frey, cover design di Luca Lonardi.