Riceviamo e pubblichiamo
Al Teatro Alfieri, ad Asti, domani, 23 gennaio 2020 (ore 9,00-13,00) mattinata di sensibilizzazione sulla tematica del contrasto alla violenza di genere dedicata agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado dal titolo “Il nostro nome… donne”.

Giovedì 23 gennaio 2020 (ore 9-13) nella prestigiosa cornice del Teatro Alfieri, ad Asti, verrà portata in scena la performance teatrale “Il nostro nome… donne” evento IL NOSTRO NOME DONNEpromosso dall’Assessorato alle Pari Opportunità della Città di Asti e dalla Commissione Comunale Pari Opportunità, dedicato alle scuole secondarie di secondo grado della città.
Le protagoniste dello spettacolo saranno alcune componenti della Commissione Pari Opportunità che, dirette dal regista Alessio Bertoli, saliranno sul palco per mettersi in gioco in prima persona portando un messaggio di impegno e di cittadinanza attiva alle studentesse e agli studenti presenti.
Lo spettacolo era inserito in un calendario più ampio di iniziative dedicate al contrasto alla violenza di genere messe in campo dalla Città di Asti, in collaborazione con l’associazionismo del territorio, in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale locandina IL NOSTRO NOME DONNEper l’eliminazione della violenza contro le donne ed era stato rimandato a causa della chiusura delle scuole per maltempo.
Il programma della mattinata prevede, dopo la visione dello spettacolo teatrale, un dibattito con gli studenti sulle tematiche in oggetto con specialisti del settore.
Il Sindaco Maurizio Rasero e l’Assessore alle Pari Opportunità Elisa Pietragalla, appoggiano l’iniziativa sottolineando l’importanza di diffondere sempre più la tematica del contrasto alla violenza di genere al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e spingere ad agire per il cambiamento.
La Presidente della Commissione Pari Opportunità  Nadia Miletto sottolinea come educare al rispetto della persona e contrastare gli stereotipi di genere, aiuti nel percorso di costruzione di una società più inclusiva e attenta all’altro, più rispettosa e tutelante.