a cura della Redazione
La famosissima formula di Albert Einstein E = mc² è al centro della conferenza che il professor Vincenzo Barone terrà lunedì 13 gennaio 2020 da Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria.

Lunedì 13 gennaio 2020, dalle ore 17,30 alle ore 19, l’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria (piazza Fabrizio De André 76), per gli incontri “Caffè Scienza”, propone un vincenzo baroneincontro con il professor Vincenzo Barone, conferenza che prende spunto dal suo libro “E = mc². La formula più famosa”.
Tra le formule che accompagnano la rivoluzione della fisica dell’inizio del Novecento, quella che lega la massa all’energia è anche una delle più iconiche della storia del pensiero. Semplicità ed eleganza coniugate a una potenza esplicativa capace di sovvertire la conoscenza e di aprire innumerevoli orizzonti alla ricerca scientifica. Ma non solo. La speciale e stringatissima formula ricavata nel 1905 da Albert Einstein, nel luglio del 1946 campeggia sulla copertina della rivista Time, impressa sul disegno minaccioso di un fungo atomico, tramutandosi addirittura in una minaccia di distruzione planetaria.
Perché un’equazione così apparentemente elementare ha rimesso in discussione tutta la cover_Barone_28367-2-189x300fisica precedente fino a diventare una presenza costante nella cultura e nel nostro immaginario?
Semplicemente perché spiega la nostra origine: E=mc² è ciò di cui siamo fatti.
Relatore dell’incontro Vincenzo Barone, professore associato di Fisica teorica all’Università del Piemonte Orientale. Fa parte del comitato editoriale di Asimmetrie, rivista dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, e collabora con Il Sole 24 Ore.
Al termine dell’incontro sarà offerto un aperitivo grazie a Nova Coop – Presidio Soci di Alessandria

Vincenzo Barone
Insegna Fisica teorica presso l'Università del Piemonte orientale. Si è laureato in Fisica nel 1987 presso l' Università di Torino.  E' stato Teaching e Research Assistant presso il Massachusetts Institute of Technology (1987-1988); ha ottenuto il Dottorato di ricerca in profile-bigFisica, Università di Perugia (1992); è stato Visiting scientist presso Il Landau Institute di Mosca (1990) e il Collège de France di Parigi (1997).
Ha organizzato numerose conferenze e scuole internazionali nel campo della fisica delle alte energie e della fisica adronica, e fondato la serie di workshop “Transversity”.
È referee per alcune riviste internazionali di fisica. Ha contribuito all’istituzione del corso di laurea magistrale in Fisica dei sistemi complessi (Università di Torino e UPO). Ha tenuto vari insegnamenti presso l’UPO e presso la Scuola Superiore per l’Insegnamento Secondario. È autore di numerose pubblicazioni specialistiche, di monografie scientifiche e di un trattato di relatività ("Relatività. Princìpi e applicazioni", Bollati Boringhieri, 2004). In ambito divulgativo ha pubblicato "L’ordine del mondo. Le simmetrie in fisica da Aristotele a Higgs", (Bollati Boringhieri, 2013, finalista del premio Galileo 2014) e "Albert Einstein. Il costruttore di universi" (Laterza, 2016). Ha curato antologie di scritti di Fermi, Dirac, Einstein e Poincaré. Fa parte del comitato scientifico di “Asimmetrie”, rivista dell’INFN, e collabora con il supplemento domenicale del “Sole-24 Ore”.
Si occupa attivamente di comunicazione della scienza.