Riceviamo e pubblichiamo
Quarta settimana di Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba: vi presentiamo il programma con tutti gli eventi da giovedì 24 a domenica 27 ottobre. Francesco Oberto e Andrea Ferrucci per la Ultimate Truffle Dinner; Flavio Costa, Gabriele Torretto, Luca Zecchin e Luca Zara per i “Foodies Moments”; Sestriere e la Via Lattea ospiti d’onore; “L’Italia dei Formaggi” e “A.M.A. la carne” in Piazza Risorgimento; Mercato del cibo artigiano di Confartigianato Cuneo.
Foto Giorgio Perottino Getty Images per Fiera Internazionale del Tartufo Bianco dAlba
foto Giorgio Perottino Getty Images

Il programma del lungo fine settimana della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba si apre giovedì 24 ottobre con la prima delle due Ultimate Truffle Dinner di questa edizione: con gli chef Francesco Oberto (* Michelin, “Da Francesco” Cherasco) e Andrea Ferrucci (“Marcelin” Montà). Il fortunato format di charity dinner che abbina in un evento esclusivo il Tartufo Bianco d’Alba con elementi unici e preziosi della cucina internazionale torna in Sala Beppe Fenoglio per contribuire al progetto Breathe the Truffle, la campagna di crowdfunding per salvaguardare l’ambiente naturale del Tartufo Bianco d’Alba.
Ricchissimo il calendario dell’Alba Truffle Show  il luogo dove eventi culturali ed enogastronomici esaltano il Tuber magnatum Pico e le eccellenze dell’enogastronomia italiana ed internazionale.

flavio_costa
Flavio Costa

Per i Foodies Moments del weekend sono attesi alcuni fra più straordinari chef del panorama nazionale. Sabato 26 ottobre alle 11 il protagonista è Chef Flavio Costa (*Stella Michelin) del Ristorante 21.9 di Piobesi d’Alba per un piatto al Tartufo Bianco d’Alba che si esalta con la sua cucina calda, moderna, istintiva, lineare e immediata. (sold out).

gabriele torretto
Gabriele Torretto

Alle 18 è la volta dello show cooking di Gabriele Torretto, chef del Ristorante La Valle di Trofarello. All’Alba Truffle Show realizzerà un piatto frutto della ricerca e sperimentazione tra piatti della tradizione e futurismo.
Luca ZecchinDomenica 27 ottobre alle 11 dà il via al programma di giornata lo show cooking di Luca Zecchin (*Michelin – “Guido da Costigliole” – Santo Stefano Belbo), allievo niente meno che di Lidia Alciati, uno chef che sposa le suggestioni contemporanee con i classici della tradizione piemontese.

Le montagne di Sestriere e della Via Lattea saranno l’ospite d’onore dell’Alba Truffle Show  domenica 27 alle ore 16. Nell’incontro di Sala Beppe Fenoglio sarà infatti presentato il cammino di sinergia, ideato dall’Associazione Qualitaly e dal portale web LangheRoeroMonferrato.net in cui le montagne olimpiche si presenteranno e avvieranno la collaborazione con le perle e le offerte delle nobili colline piemontesi, ricordando al tempo stesso le straordinarie proposte turistiche, enogastronomiche e sportive che si tengono a poco più di un’ora di viaggio da Alba. Obiettivo dell’incontro, accompagnato dalla presenza di grandi campioni dello sport, sarà un focus sulle grandi manifestazioni sportive internazionali che animeranno l’area a gennaio 2020.  I riflettori internazionali si accenderanno infatti a Sestriere dapprima per la Coppa del Mondo di Sci e successivamente per i Ca.Sta., i Campionati Sciistici internazionali delle Truppe Alpine. Tutto ciò farà da premessa sia alle “Qualitaly experience”, che proporranno nell’inverno del colle del Sestriere le degustazioni guidate per scoprire le evoluzioni di gusti e sapori in quota, sia alle “Giornate in Langa”, escursioni tematiche proposte per la prima volta agli ospiti dei resort delle montagne olimpiche della Via Lattea. Luca Zara, alle 18, occupa la cucina di Sala Beppe Fenoglio “ per imparare, per insegnare, per nutrirsi, per divertirsi e per divertire”Docente, formatore, tutor e coach (anche per studenti stranieri) presso il Centro Europeo di Formazione di Novara, è membro dell’Associazione Cuochi della Mole. Nei suoi show cooking trasmette sempre i principi fondamentali del “non spreco”, attraverso la presentazione di ricette tradizionali e storiche, adattate ad un concetto moderno di cucina senza snaturarne anima ed essenza. Lo chef sarà coadiuvato dagli chef dei resort di Sestriere e della Via Lattea, che insieme elaboreranno, nel solco dei dettami dell’Accademia della Tradizione Enogastronomica del Piemonte, il connubio tra le grandi eccellenze alpine e le straordinarie perle delle colline piemontesi.

Sabato 26 ottobre alle ore 15.00 all’Alba Truffle Show ospite il primo di tre appuntamenti dedicati al riso con il workshop a cura del Consorzio di Tutela della DOP Riso di Baraggia Biellese e Vercellese.

Domenica 27 ottobre alle ore 15 l'Alba Truffle Show apre le porte alla presentazione del libro dello chef Carlo Zarri "Da Sophia a Michelle": un viaggio dove ricette, personaggi e aneddoti si fondono e si trasformano in racconti e dove l’autore ripercorrendo alcuni dei suoi “incontri” più importanti ci accompagna e fa rivivere le sue esperienze più “interessanti”.
Quattro olimpiadi, Milano Expo 2015, gli incontri con e le ricette create per Sofia Loren, Giorgio Armani, Alberto Tomba o Michelle Obama, solo per citarne alcuni, vengono raccontati con dovizia di particolari e il lettore scoprirà come si organizza la cucina di Casa Italia alle Olimpiadi o, come invece, nasce il menù particolare in occasione della visita di una First Lady.
Alle 17.30 la sala workshop ospita l’appuntamento con Olio EVO Tasting Experience, uno dei più apprezzati fra i nuovi appuntamenti dell’edizione 2019 della Fiera. Con la guida di Michela Becchi del Gambero Rosso l’esperienza si intitola La forza del sole che esplora gli olii del profondo Sud, dove la potenza del sole e del microclima danno vita a prodotti molto identitari e potenti. Il che non significa, però, che non abbiano eleganza, anzi…(ingresso gratuito su prenotazione sul sito www.fieradeltartufo.org).
L’Alba Truffle Show è anche lo spazio dedicato alle Analisi Sensoriali del Tartufo: con la guida di un giudice di Analisi Sensoriale del Centro Nazionale Studi Tartufo, l’occasione per scoprire i segreti del più celebre fungo al mondo tra degustazioni olfattive, test e prove pratiche. Sabato alle 11 e alle 15 e domenica alle 11 (biglietti e prenotazioni sul sito fieradeltartufo.org).
Per gli appassionati dei vini del territorio di Langhe, Roero e Monferrato è possibile partecipare alle Wine Tasting Experience® organizzate in collaborazione con “Strada del Barolo e grandi vini di Langa”, un’originale formula di degustazione dedicata alla scoperta dello straordinario patrimonio vitivinicolo del territorio fra cui spiccano i vini rossi dal lungo affinamento, portabandiera dell’enologia italiana nel mondo. Ogni sabato alle 17.30 e la domenica alle 15.30 nella Sala Workshop del Cortile della Maddalena.
https___www.fieradeltartufo.org_wp-content_uploads_2018_10_DSC9071
Il Cortile della Maddalena apre le sue porte, come ogni fine settimana dalle 9.30 alle 19.30, al Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba. Protagonista assoluto il Tuber magnatum Pico, portato al Mercato dai trifulau del territorio e certificato ogni mattina dai giudici del Centro Nazionale Studi Tartufo. Ma non solo: il pubblico del Mercato Mondiale (biglietto di ingresso euro 4,00 – con degustazione di vini inclusa euro 13,50) può scoprire grazie alla rassegna AlbaQualità il panorama completo dell’offerta gastronomica e vitivinicola piemontese e i sapori della tradizione piemontese, naturalmente arricchita con una lamellata di Tartufo Bianco d’Alba nell’area riservata alla degustazione all’interno della Grande Enoteca dall’Associazione Italiana Sommelier – AIS.
Gli altri Mercati
Domenica 27 ottobre dalle 9.00 alle 20.00, per le vie e le piazze di Alba anche il Mercato ambulante della Fiera. In Piazza Costanzo Bubbio, antistante l’ex Tribunale,  l’occasione di acquistare direttamente dai produttori con il Mercato Km 0 di Campagna Amica e infine Piazza San Paolo si trasforma in Piazza dei Sapori.

 

Nella bella struttura del Salotto dei Gusti e dei profumi di Piazza Risorgimento, sabato e domenica dalle 10 alle 19.00, “L’Italia dei formaggi” in collaborazione con ONAF – Organizzazione Nazionale degli Assaggiatori di Formaggio: il meglio della produzione piemontese e accoglie il visitatore attraverso esperienze sensoriali, laboratori e percorsi didattici. Ancora una volta il Salotto di Piazza Risorgimento vedrà la collaborazione tra Onaf ed il Consorzio di Tutela del Formaggio Murazzano Dop, che nel weekend sarà proposto in assaggio durante tutto l'orario della Fiera. Gli esperti dell'Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggio presenteranno il prodotto caseario Dop maggiormente legato alla Langa cuneese, descrivendone le caratteristiche dal punto di vista del gusto e mettendo in evidenza quanto le sue peculiarità derivino dal territorio di produzione. Per tale ragione uno spazio del Salotto sarà dedicato all'Unione Montana Alta Langa. L'Onaf, fedele alla propria missione di propagatore della cultura casearia a tutto tondo, sarà inoltre lieta di ospitare formaggi Dop provenienti da altre zone d'Italia, in collaborazione con i rispettivi Consorzi di tutela. Pertanto, alle 12 e alle 17 di sabato e di domenica, si terranno momenti di degustazione guidata, gratuiti e su prenotazione. I docenti dell'Onaf presenteranno il Silter ed il Nostrano Valtrompia, dalla Lombardia, il Piave, dal Veneto, e il Ragusano, dalla Sicilia. Infine, ritorno in Piemonte, ma nell'estremo nord, da cui proviene il Bettelmatt, prodotto agricolo tradizionale (Pat). Formaggi diversi in quanto a latte, tecnologie di produzione, profumi ed aromi. 


Sabato e domenica in Piazza Falcone dalle 9.30 alle 19.30 torna anche il Mercato del Cibo Artigiano di Confartigianato Imprese Cuneo, un padiglione di circa 300 mq in cui si presentano le imprese “eccellenti” dell’importante settore agroalimentare della provincia Granda. Fra queste il progetto “Creatori di Eccellenza” realizzato dall’Associazione con lo scopo di valorizzare l’artigianalità del lavoro di trasformazione delle materie prime in cibo di qualità, declinato in questa annualità sul settore food. Questa “piazza” permetterà ai visitatori di immergersi nelle atmosfere tipiche di un vero “mercato”, con colori, profumi e suggestioni. Fra le eleganti bancarelle i visitatori avranno la piacevole sensazione di camminare in un mercato storico di una città, in cui qualità, sorpresa, tradizione e continua varietà si sposano insieme. Non mancherà un’area allestita con cucina e tavoli che diventeranno il teatro continuo di dimostrazioni esperienziali e sensoriali legate al food attraverso eventi di show-cooking, dimostrazioni e work-shop informativi.
 
Appuntamento consueto del periodo della Fiera, sabato 26 dalle 17 alle 24 e domenica 27 ottobre dalle 10 alle 19 in Piazza Risorgimento, con A.M.A. LA CARNE Festival della fassona battuta al coltello. Promosso dall’Associazione Macellai Albesi, l’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba e l’Associazione Commercianti Albesi, in collaborazione con il Borgo della Moretta, il festival celebra la carne fassona piemontese in tutte le sue forme offrendo l’occasione per una prelibata degustazione.
Domenica 27 ottobre parte alle 9 da Piazza Duomo e Piazza Rossetti ad Alba la decima edizione la grande Ecomaratona del Barbaresco e del Tartufo Bianco d’Alba il cui percorso attraversa il parco fluviale del Tanaro e i sentieri di Fenoglio, le colline di Barbaresco e la sua magnifica torre panoramica, il borgo antico di Neive e le Rocche dei Sette Fratelli di Treiso.
 
Alba Truffle Bimbi, a ingresso libero, è aperto anche in questo fine settimana dalle ore 11.00 - 19.00 con l’imperdibile spazio di giochi e laboratori per i più piccoli fra gli appassionati di tartufo e territorio. Novità di questa edizione i laboratori di “istigazione alla creatività” ogni giorno di Fiera dalle ore 16.00 alle 18.00 con ingresso gratuito su prenotazione scrivendo o telefonando a info@sinergiaoutdoor.com – Tel. 3351301912. Temi dei laboratori di questa settimana: “dal latte al formaggio” e “il ritorno a casa” per scoprire vivendo le divertenti avventure del cane Tabui e il territorio ritrovando l’amore per la terra e per le proprie radici.
 
Concerti
Consueto appuntamento con la rassegna Jazz&Co., la rassegna jazz dell’autunno albese. Organizzata da Milleunanota, punta su una programmazione raffinata e di alto livello a cura del direttore artistico, il chitarrista Filippo CosentinoSabato 26 ottobre con il Gianmarco Scaglia Gm4et progetto.originals, nel concerto dal titolo “The sound of the Asian Jazz”: un percorso fra tradizione e ricerca sonora per una delle formazioni italiane più apprezzate in Europa. Il gruppo ha collaborato con Paul Wertico, storico batterista del Pat Metheny Group. Alba Music Festival  propone per la rassegna CLASSICA sempre negli spazi della Chiesa di San Giuseppe domenica 27 ottobre alle ore 11 il Guitalian Quartet, ovvero il quartetto di chitarre composto da Guido Fichtner, Claudio Marcotulli, Stefano Palamidessi, Adriano Walter Rullo nell’esecuzione di musiche di Sollima, Bizet, Ramirez, Martin.
 
Mostre
Nel Coro della Maddalena di Alba si inaugura il 25 ottobre “La penultima cena e altre storie”. La mostra, curata da  Sabrina Zannier, racconta la preparazione dell’opera “La penultima Cena / The Langhe Supper”, una vera e propria finestra contenete un video di 24 ore filmato lo scorso 13 ottobre nelle Langhe. L’evento è la messa in scena di una tavolata affacciata sulle colline delle Langhe del Barbaresco e imbandita con prodotti tipici della tradizione piemontese.  I prodotti del territorio, il lifestyle italiano, le storie e le tradizioni della regione sono i protagonisti di questa Finestra sulle Langhe. Autori dell’opera sono Marco Tabasso, Tatiana Uzlova e Robert Andriessen. Insieme hanno dato vita ad Anotherview, un progetto “borderline” che consiste nella realizzazione di “finestre nomadi digitali”, ognuna delle quali racconta un giorno della vita di un luogo diverso del mondo.
Inaugura il 25 ottobre e resta visitabile fino al 10 novembre “Life. Istantanee di Calabria” mostra personale di Raffaele Montepaone alla Fondazione Ferrero. Venerdì 25 ottobre alle ore 17 inaugura inoltre la mostra “Nespolo. Inno alla gioia” visitabile al Palazzo Banca d’Alba fino al 12 gennaio.
Fino al 27 ottobre gli spazi della Famija Albeisa propongono “Mario Lattes: un artista poliedrico”  una selezione di acquerelli e opere a tecnica mista dell’eclettico artista mentre fino al 10 novembre la Chiesa di San Domenico raccoglie le straordinarie opere selezionate dal Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo CRC, “Per un rinnovamento immaginista del mondo”. Prosegue, inoltre, fino all’11 novembre la mostra “Testimoni di Pace” con immagini di San Giovani Paolo II in visita ai campi di sterminio e testimonianze della vita del Beato Giuseppe Girotti nella Chiesa di San Giuseppe. Fino al 31 gennaio il Museo Civico F.Eusebio ospita “50s Moon” che, approfittando del cinquantesimo anniversario dello storico evento che ha visto il primo uomo sbarcare sul suolo lunare, propone una  selezione di quotidiani autentici provenienti da diversi paesi nel mondo recanti a caratteri di scatola la notizia dello sbarco sulla luna.