di Barbara Mistroni
Noi di RP crediamo molto nel rispetto della natura, proprio come la rispettavano le popolazioni che anticamente abitavano il pianeta, poi, forse, la troppa intelligenza del genere umano ha provveduto a voler prendere il sopravvento sulla natura che, appena può, si ribella.
Un tempo era la natura che offriva e l’uomo rispettosamente raccoglieva; oggi, invece, viene solo sfruttata.
Gli scatti che vedono protagonisti Barbara Mistroni (modella) e Domenico Persichella (fotografo) ci riavvicinano a questo rapporto natura-genere umano e, pertanto, abbiamo chiesto di renderci partecipi raccontandoci i loro pensieri. 
Buona lettura. Il Direttore Responsabile
modella Barbara Mistroni - fotografo Domenico Persichella
model: Barbara Mistroni – fotografo: Domenico Persichella

In questo periodo dell’anno le giornate iniziano ad allungarsi, i giorni della Merla sono ormai finiti e con la notte passata a cavallo tra il 31 gennaio e il 1° febbraio si celebra la festa dell’Inverno, detta anche Candelora.
È arrivato il momento di fare il punto della situazione per gli allevatori e la natura, che hanno lavorato sinergicamente per produrre frutti anche quando tutto era silente.
La Dea Madre si sta per risvegliare e manda dalle profondità della terra piccoli fiori bianchi chiamati “Bucaneve” che annunciano il suo arrivo all’ uomo, liberandolo così dal peso delle negatività che l’inverno porta.
Nel ventre della terra, come in quello di una madre sta prendendo forma la vita, il processo è lungo e delicato ma semplice come avviene da milioni di anni.
Intanto in superficie la nascita degli agnelli scandisce il ritmo dei pastori, che con il latte delle loro pecore sfameranno bimbi e produrranno formaggi per passare un’altro inverno sereno.
Da qui nasce l’idea di rappresentare Madre Natura addormentata nel ventre della terra in attesa che arrivi la primavera e il capolavoro dei colori prenda forma.
L’energie e il legame profondo che c’è tra Terra e uomo è complesso oggi giorno da spiegare, perché è più facile guardare un tramonto sullo schermo di un cellulare che alzare gli occhi e dimenticare il web per un attimo per assaporare ciò che la natura ci offre GRATIS….
Senza chiedere lei produce frutti come una brava madre, che soddisfa i nostri bisogni anche se non preferiamo verbo.
Così io e mio marito, Domenico Persichella, ci sentiamo di rendere omaggio e rappresentare la natura attraverso i nostri scatti e magari far sognare ed allora quando finirai questo viaggio riaprendo gli occhi troverai forse un tramonto vero che ti aspetta e sentirai il calore della natura sul tuo corpo.