a cura della Redazione
palazzo madama torino
Torino – Palazzo Madama

Mercoledì 13 febbraio, alle 17.30, Palazzo Madama a Torino ospita nel Gran Salone dei Ricevimenti, per il ciclo Vivere di (storia dell’) arte. Professioni, temi, strumenti, Gli Amici della Biblioteca d’Arte.
Titolo dell’incontro “Gli oggetti d’arte dalle botteghe al museo”, argomento che verrà trattato da Giampaolo Distefano (Gli smalti medievali: uso e riuso) e da Luca Giacomelli (Le ceramiche ottocentesche di Palazzo Madama).
L’ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili. Per informazioni: amicibibliogam@gmail.com.
Qual è la rete di oggetti di cui si occupa uno storico dell’arte? Quali lenti inforca per leggere le opere? E quali strumenti si possono trovare nella sua cassetta degli attrezzi?
palazzo madama amici biblioteca 13febOltre alle mostre e ai libri, l’Associazione Amici della Biblioteca d’Arte dedica un ciclo di incontri alla scoperta del mestiere dello storico dell’arte: Vivere di (storia dell’) arte. Professioni, temi, strumenti è un confronto a due voci sugli oggetti e gli strumenti che servono per conoscere un’opera.
Smalti e ceramiche saranno al centro di questo incontro in cui Giampaolo Distefano e Luca Giacomelli si misureranno con il tema degli oggetti d’arte. Seppur guardando a materiali diversi, i due studiosi affronteranno il comune problema relativo all’importanza degli oggetti preziosi e del loro statuto nella storia dell’arte e nella museologia, in due momenti chiave come il Medioevo e l’Ottocento. Spesso relegati dalla storiografia al ruolo di arti minori, oreficerie e ceramiche raccontano, invece, una storia ininterrotta di dialogo e di contaminazione con le cosiddette arti maggiori.

Giampaolo Distefano (1982) si è laureato all’Università di Catania, specializzato all’Università di Siena e ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia dell’arte all’Università di Torino, interessandosi alle arti suntuarie di età medievale.
Luca Giacomelli (1983) ha studiato tra Firenze, Torino e Pisa, dove ha conseguito il Perfezionamento in Storia dell’Arte presso la Scuola Normale Superiore, con una tesi sul mercato dell’arte a Firenze in epoca risorgimentale.

Il 5 dicembre scorso l’Associazione Amici della Biblioteca d’Arte ha dato avvio alla sua attività con un ciclo di incontri che ha al centro la Biblioteca della Fondazione Torino Musei e il suo patrimonio di libri, documenti e fotografie, strumenti fondamentali per lo storico dell’arte nel suo rapporto con le opere. Le mostre, le ricerche, i libri fanno da filo conduttore delle conversazioni, con l’intento di aprirsi alla cittadinanza, facendo scoprire la Biblioteca e avvicinandola a un lavoro, quello dello storico dell’arte e del curatore, molto concreto e dentro la realtà quotidiana, più di quanto si possa pensare.