a cura della Redazione

cipolleLa “Cipolla” tanto usata in cucina si può rivelare un’ottima alleata per i benefici che può portare.
Oggi andremo a scoprire quelli che esplica come rimedio naturale per tosse e raffreddore e, in conclusione dell’articolo, sintetizzeremo gli altri benefici.
Parafrasando una nota pubblicità, ai primi sintomi di tosse, raffreddore e influenza andate dall’ortolano a prendere la cipolla, ottimo rimedio naturale per combattere questi sintomi.
La cipolla esplica proprietà medicinali antiossidanti, antinfiammatorie, antibatteriche e antimicrobiche che ne fanno un rimedio da tenere sempre a disposizione, un rimedio il cui utilizzo risale a secoli fa.
Vediamo alcuni modi di utilizzo della cipolla contro tosse, raffreddore e influnza.
Il primo utilizzo che consigliamo può sembrare assurdo ma è veramente efficace: la “cipolla sul comodino”. Prendere una cipolla, tagliarla a metà e metterla sul comodino in camera da letto,  quello vicino a dove noi dormiamo, lasciandolo tutta la notte. Il fine è quello di disinfettare l’ambiente perché la cipolla attira i batteri che ci sono nella persona ammalata. Chi ci ha provato conferma l’efficienza di questo rimedio.
Il “decotto di cipolla” è utile per calmare tosse e raffreddore è sufficiente sbucciare e tagliare a pezzi grossi la cipolla e una volta messa nell’acqua portarla a ebollizione. Dopo dieci minuti si filtra, la si lascia leggermente raffreddare e lo si beve, volendo con l’aggiunta di miele.
cipolla tagliataViene chiamato “Master Tonic” e parrebbe che già nel Medioevo se ne facesse uso. Ingredienti: cipolle, aglio, rafano, peperoncini, zenzero e aceto di mele. Una volta preparato e filtrato si può usare per gargarismi oppure anche come sciroppo ma non più di due cucchiaini al massimo due volte al giorno.
Anche la classica e cara “Zuppa di cipolle” può portare i suoi benefici, le ricette sono molte e variano di regione in regione secondo usi e tradizioni. Unica accortezza se si vuole ottenere effetti benefici è quella di evitare di aggiungere burro e formaggio, consentita l’aggiunta di aglio.
Le cipolle sono adatte anche per preparare uno “sciroppo di cipolle” i cui l’unico ingrediente, oltre la protagonista di questo articolo, è lo zucchero. Sbucciate la cipolla e poi tritatela finemente, mettetela in una ciotola o in un contenitore di vetro e sopra versate 2 o 3 cucchiai di zucchero. Lasciate riposare il tutto per circa 12 ore, dopo di che filtrate il liquido ottenuto e mettetelo in un barattolino di vetro. Assumetene un cucchiaino di sciroppo diluito in mezzo bicchiere d’acqua per 3 volte al giorno fino a che i sintomi non sono del tutto scomparsi. Per potenziarne l’effetto potete aggiungere anche un po’ di miele.
Infine proponiamo un bel “cataplasma di cipolle”, utile per decongestionare le vie respiratorie, quello che è un classico “rimedio della nonna”. Sbucciate, tagliate una cipolla e mettetela a cuocere a fuoco basso per circa 10 minuti in modo che si appiattisca e si scaldi. A questo punto avvolgetela in un panno di cotone, sdraiatevi e applicate l’impacco sul petto per circa mezz’ora.
E se i sintomi dovessero persistere, sempre meglio consultare il proprio medico.

cipolla a fetteAndiamo ora a vedere brevemente altri utilizzi della cipolla per il nostro benessere, benefici che andremo ad approfondire prossimamente.
La cipolla esplica una funzione contro la caduta dei capelli (cipolla tritata sul cuoio capelluto venti minuti prima dello shampoo).
Ha effetto contro la puntura di insetti alleviandone prurito e bruciore (basta strofinare una fetta di cipolla cruda sulla puntura).
Aiuta ad alleviare le cicatrici (applicare un fettina sul taglio o ferita e lasciarla il più possibile avvolgendola in una garza o fermandola con un cerotto).
Inoltre: combatte il colesterolo, da benessere all’intestino, ha effetto contro il mal di denti, agisce positivamente sulla glicemia, aiuta a ridurre il rischio di tumore allo stomaco.
Ha funzioni diuretiche, disintossicanti e aiuta nella prevenzione dell’osteoporosi.
Infine aiuta a mantenere il buon umore che non è mai male.

Controindicazioni
Qualche effetto collaterale c’è: formazione di gas e diarrea possono comparire dopo aver assunto questo alimento. Sconsigliata per chi soffre di colite o hanno ipersensibilità a livello intestinale. Difficoltà nel tollerarla chi ha problemi di digestione o di bruciore di stomaco.
Infine mai dare la cipolla agli animali: è un alimento, per loro, altamente tossico.