Alto Adige. Tirolo: dove estate vuol dire famiglia

Riceviamo e pubblichiamo
Tante le iniziative per una vacanza a misura di famiglia a Tirolo, piccolo borgo appena sopra la città di Merano. 

Avete mai pensato di poter osservare da vicino il volo di aquile e gufi, di addentrarvi tra le mura di un antico castello, o di ammirare il panorama da un cannocchiale molto particolare, leggendo e imparando i nomi delle montagne? 
Sono solo alcune delle attività da fare in estate a Tirolo, un piccolo e affascinante paese appena sopra Merano, noto a tutti per l’importante omonimo castello che dà il nome all’intera regione (Südtirol/Alto Adige). 
Al Centro Recupero Avifauna, i due esperti Willy e Florian, insieme ai loro collaboratori, hanno costruito ampie voliere e curato e ripristinato l’ambiente naturale circostante, perché i dintorni di Castel Tirolo offrono le migliori condizioni climatiche e logistiche per la cura e il rifugio dei rapaci feriti o in difficoltà. Il compito primario del Centro di Recupero Avifauna è curare uccelli feriti e indifesi per poi reintrodurli in natura.

Ogni anno il Centro accoglie circa 250 uccelli feriti, dei quali circa la metà possono essere reintrodotti nella natura. Gli altri uccelli, incapaci di tornare a vivere nel proprio habitat, rimangono nel centro dove trovano una nuova casa in una delle ventiquattro grandi voliere. Ogni giorno, alle ore 11.15 e alle ore 15.15, vengono lasciati volare liberamente sulla collina di Castel Tirolo (per circa 40 minuti) i volatili che sono stati addestrati a questo scopo e che vivono da più tempo nel Centro. I visitatori hanno la possibilità di vedere da vicino aquile, avvoltoi, falchi, gufi e poiane, tutti dotati di un sensore che consente di ritrovarli in caso si smarriscano durante il volo. Nel corso dell’esibizione vengono fornite anche informazioni sulla vita di questi meravigliosi animali, sui pericoli a cui sono esposti attraverso la civilizzazione (fili di alta tensione, traffico, etc.) e sulla protezione delle specie. Grazie a questa attività il Centro ha così la possibilità di autofinanziarsi. 

Castel Tirolo, residenza dei Conti di Tirolo, è un antico e affascinante maniero e all’esterno, nel fortilizio antemurale, si può godere di uno straordinario scorcio sulla Val d’Adige e sulla Val Venosta.  I bambini resteranno affascinati dagli ambienti esterni ed interni del castello, immaginando di vivere nell’epoca dei re e delle principesse, dei cavalieri e dei menestrelli le cui storie vengono narrate nei libri e nei cartoni animati. Inoltre, il Museo storico-culturale della Provincia di Bolzano offre a tutti un appassionante percorso in quindici ambienti espositivi dove si viene introdotti, con l’aiuto di mostre permanenti e tematiche, ai temi centrali della cultura e della storia medievale, così come della storia locale più recente. 
Una sosta al parco Burglehen sarà una gioia per i bambini. Il Burglehen, infatti, è un parco formato famiglia immerso tra frutteti e vigneti, con un panorama mozzafiato a 360° sulla Val d’Adige. Comode panchine consentono a genitori e nonni di rilassarsi e godere della natura e del paesaggio circostanti mentre i bambini giocano. All’interno del parco si trova anche il laghetto delle tartarughe, creato dal Comune di Tirolo in collaborazione con la sua scuola elementare, per garantire un ricovero ad alcune specie di tartarughe alloctone, spesso molto invasive. La testuggine palustre americana, ad esempio, quando viene abbandonata nell’ambiente, toglie spazio alle specie locali e crea squilibri ecologici, e, per l’assenza di nemici naturali, si moltiplica rapidamente e vive molto a lungo.

Al parco Burglehen di Tirolo, le testuggini possono trovare asilo, senza influenzare gli ambienti naturali, nel laghetto, intorno al quale è stata costruita una recinzione che impedisce loro di sfuggire al controllo. Custode del Burglehen è Jakob, il cavallo alato di ferro, opera dell’artista altoatesino Franz Messner, per molti ormai divenuto il simbolo di Tirolo.
Per chi preferisce le passeggiate, ce ne sono tante e non troppo impegnative, con itinerari a tema. Una lunga rete di sentiericirca 70 km, propone diverse opzioni, come il Sentiero delle Mele, quello del Vino, il Sentiero Culturale e quello Panoramico. Per chi sceglie percorsi più impegnativi, c’è la possibilità di arrivare fino ai Masi della Muta, in circa un’ora e mezza dal paese.

Qui un grande cesto, in una posizione assolutamente panoramica, accoglie gli escursionisti offrendo a grandi i piccini la possibilità di osservare con cannocchiali fissi tutte le montagne circostanti, che sono disegnate sul parapetto della piattaforma panoramica in corrispondenza della loro posizione, con tanto di nomi delle vette e relative altezze. Il cesto panoramico, tuttavia, è raggiungibile anche attraverso la funivia che parte da Tirolo con una camminata di soli 10 minuti dalla stazione a monte.

La rete di sentieri tematici del paese di Tirolo, in Alto Adige

Riceviamo e pubblichiamo
Tirolo, piccolo borgo sopra la collina alle spalle della città di Merano, è caratterizzato da una serie di facili sentieri tematici che invitano ad approfondire argomenti come la mela e il vino. 
Foto Associazione Turistica Tirolo

Tirolo è un paese appena sopra Merano, noto a tutti per l’importante omonimo castello che dà il nome all’intera regione (Südtirol/Alto Adige). 
Dal centro del borgo rurale partono una serie di facili sentieri che tagliano in lungo e in largo la collina e congiungono Tirolo alla piccola città di Merano, tra cipressi, oleandri, vigneti e meleti.
A Tirolo si dirama una rete di sentieri lunga circa 70 km, che propone diversi itinerari a tema – come il Sentiero delle Mele o del Vino, il Sentiero Culturale e quello Panoramico. Possono essere percorsi tutto l’anno per osservare la fioritura della primavera, godersi il sole in estate o ammirare i colori dell’autunno. Anche in inverno rappresentano un’ottima soluzione per fare una passeggiata non impegnativa ed esposta al sole, con un panorama unico sulla conca di Merano.
Le prime due passeggiate sono dedicate al vino e alla mela
Il Sentiero del Vino parte dall’Associazione Turistica di Tirolo snodandosi tra i vigneti e le amene colline coltivate. Lungo il percorso si trovano stazioni interattive che “raccontano” fatti e curiosità sulla viticoltura della zona. Le alture esposte al sole e il clima mite fanno di Tirolo una zona ideale per coltivare vitigni di Lagrein o di Schiava (Vernatsch) oltre ad altre varietà quali Pinot Nero, Sylvaner e Merlot. Tirolo risulta essere anche una delle aree vinicole più antiche dell’Alto Adige, apprezzata già al tempo dei Romani.

Foto Harald Wistahler
Associazione Turistica Tirolo

Il Sentiero delle Mele è una passeggiata piacevole e poco impegnativa che attraversa i meleti di Tirolo ed è particolarmente suggestiva durante la fioritura. Anche in questo caso ci sono interessanti stazioni didattiche che offrono spunti di riflessione e, volendo, si può arrivare facilmente al sentiero Passerweg e fino alla Passeggiata Gilf, per giungere nel centro di Merano.
Il terzo percorso, la Passeggiata Falkner, è, invece, dedicata ad Hans Norman Falkner (1906-1988), nato a Gurgl in Austria e cittadino onorario del paese, perché qui scelse di trascorrere la sua vita. Tra il 1972 ed il 1973 finanziò una passeggiata che conducesse direttamente dall’inizio del paese a Castel Tirolo, evitando tutto il traffico motorizzato. Per questo lo splendido percorso panoramico è stato a lui intitolato e nel 1988, alla sua morte, vi è stato eretto un piccolo monumento commemorativo in suo onore. Nell’anno 2016 la Passeggiata Falkner è stata ristrutturata e da qui si può ammirare la splendida Conca di Merano.

Foto Harald Wistahler
Associazione Turistica Tirolo

Altro percorso è l’Escursione sul Sentiero Culturale, tra edifici intrisi di storia e bellezze culturali: il Sentiero Culturale a Tirolo invita a camminare, esplorare e stupirsi, tra masi antichi, case di altre epoche, prati e castelli.
Il Sentiero Panoramico, invece, è una piacevole passeggiata di due ore con scorci panoramici sulla città di cura di Merano. Anche in questo caso è possibile collegarsi alla Passeggiata Tappeiner, l’incantevole tragitto sopra i tetti di Merano che oltrepassa la Polveriera e per due chilometri consente di godere di un panorama unico sulla città.
Infine, oltre ai facili sentieri, ricordiamo che il paese di Tirolo si trova ai piedi del Parco Naturale del Gruppo di Tessa e una funivia, a pochi passi dal centro, porta velocemente a 1.800 metri slm, per esplorare il Parco e percorrere l’Alta Via di Merano.

Innsbruck (Austria): la Ciclovia del Gusto. Viaggiare su due ruote alla scoperta dei prodotti tipici tirolesi

Riceviamo e pubblichiamo
Innsbruck (Austria). Il caldo autunno dell’altopiano di Mieming, la terrazza della Capitale delle Alpi. Un viaggio su 2 ruote alla scoperta dei prodotti tipici tirolesi: 30 km e 25 stazioni golose.

Innsbruck_la ciclovia del gusto1Immensi prati verdi, dolci colline e una splendida vista su Innsbruck, la Capitale delle Alpi.
L’altopiano di Mieming mostra, fino ad autunno inoltrato, i suoi colori più belli. Il cielo è luminoso, l’aria tersa e il paesaggio è circondato da maestose montagne con le punte già innevate, mentre il sole scalda ancora le giornate con tutta la sua forza. È il momento giusto per concedersi qualche giorno di vacanza per conoscere e assaporare i prodotti tipici tirolesi su due ruote, attraverso un percorso inedito e goloso: la ciclovia del gusto.

Il gusto viaggia su due ruote
L’altopiano di Mieming regala in autunno splendide giornate di sole. Qui l’estate sembra non finire, tanto che questa zona si è conquistata il soprannome Sonnenplateau, altopiano del sole, che qui splende almeno 200 giorni all’anno donando una luce sempre diversa ai colori autunnali. Il verde vivo dei prati crea incredibili contrasti con le calde sfumature dei boschi. L’azzurro del cielo si incontra con l’acqua limpida dei laghi e offre un esclusivo sfondo ai masi e alle baite che si incontrano lungo i sentieri. Un paesaggio romantico e unico da conoscere su due ruote, attraverso la ciclovia del gusto. Un Miemingtracciato semplice, senza particolari dislivelli, lungo circa 30 km, perfetto da percorrere con la bici elettrica. Si può alloggiare in una delle strutture rurali dell’altopiano, sapientemente ristrutturate con attenzione al design, senza intaccare il fascino della tradizione. Al mattino, dopo un’ottima e sana colazione, preparata sempre con prodotti a km zero, si parte alla scoperta delle specialità a volte poco conosciute di queste zone. Si può noleggiare in paese una bicicletta a pedalata assistita e partire lungo la ciclabile del gusto, dove sono ben segnalate le 25 stazioni dove è possibile assaggiare e acquistare tutti i prodotti tipici tirolesi direttamente dai contadini: miele artigianale, frutta fresca, ma anche uova, formaggio fatto con il latte delle mucche di questi pascoli, speck, pane appena sfornato, dolci, senza dimenticare le famose snaps. Tra una pedalata e l’altra, circondati da un paesaggio incantevole, è possibile riempiere il cestino della bicicletta e procurarsi tutto il necessario per un indimenticabile pic-nic sul prato, circondati dalle montagne, scaldati dal sole dell’autunno e coccolati da tante cose buone da gustare.

Venticinque soste golose
Innsbruck_la ciclovia del gusto-pic-nicTante le tappe golose che si possono fare per riempire il proprio cestino, non resta che scegliere! Immancabile una fermata al mercato degli agricoltori Raiffeisen-Lagerhaus, che si tiene a Mieming il venerdì dalle 15.00 alle 17.00 e il sabato dalle 8.00 alle 11.00. Si possono trovare tutti i prodotti dei contadini del posto: pane, uova, pancetta, salsicce, carne, latte, burro, formaggio d’alpeggio, formaggio di capra e yogurt, verdure, distillati di frutta, grappa, miele.  Chi ama lo speck, particolarmente saporito e gustoso in Tirolo, non può saltare il pregiato salumificio Speck Maira Telfs, dove lo speck viene affumicato con legno di faggio, preparato con pepe, ginepro e aglio di Tarrenz.  Sempre a Telfs si trova una manifattura biologica di senape, dove i semi di senape vengono macinati a freddo con una macina di granito. Si possono assaggiare e acquistare sedici qualità di senape, da quella alle erbe aromatiche a quella al cioccolato e chili o allo zenzero (www.weber-senf.at). Speck e tanti altri prodotti tipici si trovano a Mieming, da Dismas, dove la famiglia Alber coltiva i campi e alleva maiali, producendo sul posto vari tipi di speck e salsicce crude, oltre a gestire unpiccolo e raffinato negozio all’interno della fattoria. Specializzata nella produzione di latte, yogurt e burro è invece la fattoria Michelerhof, con i suoi pascoli Innsbruck-la ciclovia del gusto a Telfssempre nelle colline di Mieming. Merita una visita la splendida Abbazia di Stams, un monastero cistercense costruito nel XIII secolo. Nel 1593 fu in parte distrutto da un incendio e questo portò a una ricostruzione e a un ampliamento in stile barocco. L’Abbazia è anche un luogo dove si tramandano i sapori della tradizione con la produzione di grappe, liquori, dolci e marmellate. Il negozio del monastero propone diverse varietà di marmellate preparate dai monaci con la frutta di queste terre, pregiati liquori, distillati pluripremiati e molti altri prodotti tipici. Un suggerimento speciale: non perdete il delizioso pane cotto nel forno a legna da fratello Franz, che lo prepara fresco più volte alla settimana.

La tradizione delle snaps
È tra le più pregiate delizie gastronomiche del Tirolo. Mentre altre bevande alcoliche, come la birra e il vino, dovevano spesso essere importate da terre anche molto lontane, gli ingredienti di base per la distillazione della grappa stavano proprio a portata di mano, ovvero direttamente nell’orto dei contadini. Per la realizzazione di questo distillato si prestano infatti ottimamente tutte le varietà di frutta come mele, pere e prugne, nonché tutti i generi di bacche, dai mirtilli rossi alle bacche di sambuco o di Innsbruck-ciclabile del gusto-snapsginepro. Sono poi utilizzabili anche frutti meno noti come quelli del sorbo selvatico o del prugnolo, nonché piante quali la genziana o l’imperatoria. L’acquavite, con il passare del tempo, è diventata un distillato pregiato e squisito, che racchiude in sé il profumo e il sapore della frutta da cui deriva, nonché tutta la forza e il calore del sole che l’ha portata a maturazione. L’esperienza e le capacità tecniche del mastro distillatore contribuiscono poi a conferire alla grappa il suo sapore inconfondibile. Nella tradizione tirolese, l’acquavite gioca da sempre un ruolo importante: un bicchierino di grappa suggellava i buoni affari appena conclusi. Lungo la ciclabile del gusto è possibile assaggiare le grappe di diversi produttori. Tra queste la distilleria Fink Hof di Wildermieming produce la sua grappa con frutti scelti e pura acqua di sorgente Wildermieminger.

La Capitale delle Alpi
Per chi non vuole rinunciare a una passeggiata tra le vie di un centro storico vivace, tra negozi, caffè, teatri, pasticcerie, a pochi km di distanza c’è Innsbruck. Una città piena di sorprese. Dove niente è scontato o banale. Nemmeno l’impianto di risalita. In soli 15 minuti si passa dalle vie del centro storico all’aria pura dell’alta montagna: la spettacolare funicolare realizzata dall’archistar Zaha Hadid attende gli amanti della montagna nel cuore della città per portarli direttamente in quota. Da qui si può partire Innsbruck_bike centro storicoper indimenticabili escursioni o decidere di gustarsi un buon caffè austriaco all’Alpen Lounge Seegrube, il nuovo gioiello della Norkette, la zona chill out più in quota di Innsbruck, con musica rilassante, raffinati piatti, cocktail fantasiosi e una fantastica terrazza dove poter prendere il sole. E poi di nuovo giù per una passeggiata nella rinnovata Maria-TheresienStrasse, tra negozi eleganti, caffè all’aperto e pasticcerie, facciate decorate in perfetto stile asburgico, il famoso tettuccio d’oro e la maestosa catena di montagne Nordkette sullo sfondo. La sera poi la città si accende di luci: non resta che scegliere uno dei rinomati ristoranti e pensare al dopocena in un locale alla moda, tra spettacoli teatrali, concerti e casinò.

Vacanze golose
Innsbruck-ciclovia del gusto-sonnenplateauMieming propone un conveniente pacchetto valido fino al 15 ottobre 2019 per chi vuole provare la Ciclovia del gusto. 4 notti, da domenica a giovedì, in hotel*** superior a partire da 409 euro a persona in camera doppia con mezza pensione oppure in pensione*** a partire da 165 euro a persona in camera doppia con colazione. L’offerta comprende: passeggiata naturalistica guidata, guida alpina a Simmeringalm, escursione circolare PfaffenhoferAlm o giro in carrozza, i vantaggi della Welcome card.
Info: Innsbruck Tourismus, tel. +43-512-59850, office@innsbruck.info, www.innsbruck.info.