Arriva nei cinema del mondo le reunion dei fan delle Blackpink

Riceviamo e pubblichiamo
Dopo il successo dei BTS al cinema sarà nelle sale solo dal 4 all’8 agosto “Blackpink” il film evento che festeggia i cinque anni della nascita della band fenomeno, le nuove star del K-POP femminile. 

Le ‘BLACKPINK’, gruppo K-POP amato in tutto il mondo, celebrano il quinto anniversario dal loro debutto con l’uscita al cinema solo il 4, 5, 6, 7 e 8 agosto di BLACKPINK THE MOVIE: un regalo speciale pensato per le ‘BLINKs’— l’amata fandom delle BLACKPINK— per ripercorrere i ricordi di questi 5 anni e godersi le loro appassionate performance in uno spirito di festa (elenco sale dell’evento al cinema a breve su nexodigital.it e su blackpinkthemovie.com).
La canzone di debutto delle BLACKPINK, il gruppo composto da JISOO, JENNIE, ROSÉ e LISA, ha conquistato tutte le classifiche in Corea in sole quattro ore dall’uscita, annunciando l’arrivo di queste sorprendenti esordienti.
Cinque anni dopo, le BLACKPINK sono diventate delle celebrità mondiali grazie al loro talento e alle prestazioni eccezionali, che vanno ben oltre i confini del “K-POP” e di una “Girl Band”.  Con voce, danza, rap, doti musicali e una chimica perfetta tra di loro, le BLACKPINK irradiano un fascino naturale: appariscente come il “Rosa” e intenso come il “Nero”.

BLACKPINK THE MOVIE“, che uscirà in più di 100 nazioni in tutto il mondo, si compone di diverse sequenze e di momenti dedicati a ognuna delle BLACKPINK. Tra questi: The Room of Memories, un frammento sulla condivisione di cinque anni di ricordi dal debutto delle BLACKPINK; Beauty, con le riprese avvincenti di tutte e quattro le componenti del gruppo con le loro caratteristiche specifiche; Interviste esclusive e uno speciale messaggio per i fan.
‘THE SHOW’ (2021), ‘IN YOUR AREA’ (2018) e una dozzina di altre canzoni di successo delle BLACKPINK si dispiegheranno contemporaneamente sugli schermi di tutto il mondo per offrire ai fan un’esperienza toccante, come se si trovassero effettivamente a un ‘fan meeting’ e un concerto dal vivo.

“Yaya e Lennie – The Walking Liberty”: il nuovo film di Alessandro Rak

Riceviamo e pubblichiamo

Il film prodotto da Mad Entertainment con Rai Cinema uscirà prossimamente nelle sale per Nexo Digital e verrà presentato al Locarno Film Festival.

Yaya e Lennie – The Walking Liberty il nuovo film di Alessandro Rak, dopo quattro anni di intenso lavoro, arriva sul grande schermo di Piazza Grande al Locarno Film Festival.
Un inno alla natura e alla libertà in una grande storia di amicizia che riuscirà a salvare il mondo. 
Il film prodotto da Mad Entertainment con Rai Cinema uscirà prossimamente nelle sale per  Nexo Digital.
SINOSSI
In seguito a un misterioso sconvolgimento, il mondo come lo conosciamo oggi è finito.
La natura si è ripresa prepotentemente il pianeta e ora la giungla riveste tutta la terra.

Dalle macerie del mondo che fu, una nuova società sta cercando di risorgere. Si tratta de “L’Istituzione”, i cui adepti cercano di ripristinare l’ordine precostituito imponendo al popolo libero della giungla il loro concetto di diritto.
Ma c’è chi si oppone con forza al loro processo di “civilizzazione”: i dissidenti stanno preparando la loro rivoluzione!
Questa è la storia di due spiriti liberi che vogliono trovare il loro posto nel mondo. Yaya, una ragazza dal carattere ruvido e dallo spirito indomito e Lennie, un giovane uomo alto più di due metri e affetto da un ritardo mentale.
Uniti da un legame profondo si prendono cura l’uno dell’altro cercando di non farsi portar via l’unica ricchezza che gli è veramente rimasta: la loro libertà.

MAD ENTERTAINMENT e RAI CINEMA
presentano
YAYA E LENNIE
THE WALKING LIBERTY
regia di ALESSANDRO RAK
con le voci di 
CIRO PRIELLO, FABIOLA BALESTRIERE, LINA SASTRI, 
FRANCESCO PANNOFINO, MASSIMILIANO GALLO, 
TOMMASO RAGNO, FABRIZIO BOTTA
Una produzione
MAD ENTERTAINMENT con RAI CINEMA
Opera realizzata con il sostegno del 
Ministero della Cultura Direzione Generale Cinema e Audiovisivo
con il contributo della Regione Campania e la collaborazione di FCRC
Una distribuzione NEXO DIGITAL

Lucio Dalla arriva al cinema nel film evento “Per Lucio” di Pietro Marcello

Riceviamo e pubblichiamo
Dopo l’anteprima mondiale alla 71ª Edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino. Solo il 5, 6 e 7 luglio nelle sale italiane l’emozionante film documentario firmato dal regista di Martin Eden, tra canzoni e interviste agli amici più intimi.

Dopo l’anteprima mondiale alla 71ª edizione del Festival Internazionale del cinema di BerlinoPer Lucio di Pietro Marcello arriva nei cinema italiani per un evento di tre giorni, il 5, 6, 7 luglio (elenco sale su nexodigital.it). Le prevendite sono già aperte.
Per Lucio, una produzione IBC Movie con Rai Cinema in collaborazione con Avventurosa con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, è un viaggio visivo e sonoro nell’immaginario poetico e irriverente del cantautore bolognese Lucio Dalla, una narrazione inedita del suo mondo condotta attraverso le parole del fidato manager Tobia e dell’amico d’infanzia Stefano Bonaga.
Il film unisce biografia e storia, realtà e immaginario, dando vita a un ritratto che attinge dall’infinito bacino dei repertori pubblici e privati, storici e amatoriali, grazie ai materiali d’archivio di Istituto Luce Cinecittà, Fondazione Cineteca di Bologna, Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia, Archivio Audiovisivo del movimento operaio e democratico e Fondazione CSC – Archivio Nazionale Cinema d’Impresa (Ivrea). Tutti elementi che riportano alla luce l’avventura di Dalla e le sue molte vite: il faticoso esordio, l’entusiasmo per la prima ascesa al successo, la fortunata collaborazione con il poeta Roberto Roversi, fino e alla consacrazione come autore colto e popolare. Liriche e musiche dipingono così un’Italia sotterranea e sfumata, immergendo lo spettatore in una libera narrazione del Paese che attraversa tanto il boom economico che i tragici eventi del periodo legato alla fine degli anni’ 70.

Lucio Dalla still Per Lucio – credits Teche Rai

Pietro Marcello, dopo il pluripremiato Martin Eden, ripercorre così attraverso le vicende dell’artista anche l’Italia degli ltimi e degli emarginati, l’Italia di Lucio Dalla, una figura polimorfa che sfugge a ogni flash, a ogni definizione: istrione, clown, jazzista, viandante, eroe, poeta, cantore, profeta, trasformista, provocatore. Forse non ci sarebbe nemmeno bisogno di raccontare Dalla: l’eccezionalità della sua storia dovrebbe bastare. Eppure, siamo qui ancora a farci questa domanda.  Qualcosa manca, qualcosa è sfuggito. Una cosa è certa: Lucio Dalla ha toccato la vita con mani frementi e l’ha guardata con occhi vivi di bambino e abbracciando la sua epoca.
Scritto da Pietro Marcello e Marcello Anselmo, Per Lucio non è solo un film su Lucio Dalla, ma una sinfonia visiva e sonora del mondo immaginato e cantato da Dalla: le piazze, i bar, le puttane, i barboni. E un viaggio tra canzoni capolavoro come Lunedì Film, Il fiume e la cittá, Itaca, È lì, La Canzone di Orlando, L’operaio Gerolamo, La Borsa Valori, Mille Miglia, Intervista con l’avvocato, I muri del ventuno, Quale allegria, Come è profondo il mare, Mambo, Il Parco Della Luna, Balla Balla Ballerino, Futura.
Per Lucio
 è distribuito al cinema da Nexo Digital il 5, 6, 7 luglio in collaborazione con i media partner Radio DEEJAY, MYmovies.it e Rockol.it.

Pietro Marcello – foto Francesca Erricchiello
Pietro Marcello nasce a Caserta. Studia pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli. In questi anni realizza i suoi primi cortometraggi Carta e Scampia e il radio-documentario Il tempo dei magliari. Nel 2004 realizza il documentario Il Cantiere con cui vince l’XI edizione del “Libero Bizzarri”. L’anno seguente realizza La Baracca. Con Il Passaggio della linea, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia del 2007 – sezione Orizzonti - diviene noto a livello internazionale e ottiene numerosi riconoscimenti. Nel 2009 realizza il lungometraggio La bocca del lupo vincitore della 27° edizione del Torino Film Festival, del Premio Caligari e del Teddy Bear alla Berlinale. Nel 2011 gira Il silenzio di Pelešjan, presentato come evento speciale alla 68esima Mostra del cinema di Venezia. Nel 2015 realizza il film Bella e perduta, presentato al Locarno Film Festival. Il film ha vinto il Bergman Award al Göteborg Film Festival, il Love&Change Competition Award al festival internazionale di Istanbul, il Nastro d’Argento come miglior Docu Film, ed è stato inoltre premiato al festival internazionale di La Roche-Sur-Yon. Nel 2019 realizza il suo primo lungometraggio di finzione Martin Eden, dall’omonimo romanzo di Jack London, Coppa Volpi al Festival di Venezia a Luca Marinelli, Platform Prize Toronto International Film Festival 2019, Golden Giraldillo Seville European Film Festival 2019, 11 candidature ai David di Donatello 2020 e vincitore del David di Donatello 2020 per la migliore sceneggiatura non originale. Martin Eden ha ricevuto le seguenti candidature agli EFA 2020: miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura non originale, miglior attore protagonista.

“Raffaello. Il giovane prodigio”: la Grande Arte torna al cinema

Riceviamo e pubblichiamo
“Raffaello. Il giovane prodigio” è l’evento d’arte della nuova stagione cinematografica. Solo il 21, 22, 23 giugno nelle sale italiane riprendono vita le celebrazioni interrotte dedicate ai 500 anni dalla scomparsa del pittore per aprire una nuova stagione dedicata all’arte su grande schermo. Con la voce narrante di Valeria Golino.

Ricominciare da dove ci eravamo interrotti.
Nel 2020 le grandi celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Raffaello Sanzio (1483-1520) sono state messe in pausa dalla pandemia.
Proprio per questo, ora che le sale cinematografiche e i musei tornano ad aprire le proprie porte,  Sky e Nexo Digital hanno scelto RAFFAELLO. IL GIOVANE PRODIGIO come evento per la ripartenza della Grande Arte al Cinema: una celebrazione che si propone di festeggiare la ricorrenza legata all’urbinate, ripercorrendone arte e vicende umane, ma ancor più lasciando parlare la potenza di una pittura capace di attraversare i secoli e offrire emozioni e riflessioni inaspettate, soprattutto nei momenti più complessi della nostra storia.
Perché la festa interrotta di Raffaello possa tornare a vivere anche grazie al cinema, l’appuntamento nelle sale italiane (elenco a breve su nexodigital.it) con RAFFAELLO. IL GIOVANE PRODIGIO, diretto da Massimo Ferrari eprodotto da Sky, sarà per il 21, 22, 23 giugno. Il docu-film con la voce narrante di Valeria Golino si propone di raccontare Raffaello a partire dai suoi straordinari ritratti femminili. La madre, l’amante, la committente, la dea: le ‘protagoniste’ della vita di Raffaello permettono di raccontare il pittore da una nuova prospettiva e di indagare sulla sua continua ricerca della bellezza assoluta. Tra le riprese più importanti, anche quelle realizzate ad alcune opere custodite all’interno delle Scuderie del Quirinale in occasione della mostra dello scorso anno, “Raffaello 1520-1483”, che ha visto un grandissimo numero di capolavori dell’urbinate raccolti insieme in una sola storica esposizione.

Backstage Raffaello © Sky

RAFFAELLO. IL GIOVANE PRODIGIO pone l’accento sulla metamorfosi artistica del pittore e sulla sua capacità di far evolvere continuamente la propria arte senza mai ripetersi.A 8 anni Raffaello perde la madre. Secondo la leggenda, il padre, Giovanni Santi, ritrasse la moglie Magìa nelle vesti di una Madonna che fa addormentare il proprio bambino, mantenendo vivo nel figlio il suo ricordo. La Madonna e il bambino diventano così temi portanti di tutta la carriera di Raffaello e, insieme ai ritratti femminili, sono quelli che meglio raccontano la sua straordinaria abilità di interpretare la bellezza. La sua ricerca parte da figure realmente esistite per approdare a una bellezza ideale che culmina nella realizzazione della Galatea, la ninfa che racchiude in sé le parti più belle di ogni donna. La MutaDama con Liocorno, La Velata, La Fornarina sono poi tra i ritratti più celebri di Raffaello, tracce evidenti della sua continua capacità di mutare, come i grandi artisti contemporanei. Pittore del Papa, conservatore delle antichità, archeologo-esploratore che discende in un’oscura Domus Aurea, Raffaello è inoltre una figura versatile e piena di ingegno, capace di diventare un punto di riferimento a tutto tondo per i suoi contemporanei e per le generazioni successive.

Backstage Raffaello © Sky

Le sue opere celano tuttora molti dubbi e misteri, ma sono anche riuscite, nel corso dei secoli, a tramandare un canone di bellezza e una sensibilità di forte attualità: non è un caso se, alla fine della II Guerra Mondiale, lo scrittore di origini ebree Vasilij Grossman, autore del capolavoro Vita e Destino, nel guardare l’espressione della Madonna Sistina e del bambino riconobbe il volto delle madri e dei figli vittime dell’Olocausto. Come tutti i grandi capolavori, le Madonne di Raffaello possono parlare con voce nuova e sempre rinnovata anche a distanza di secoli.
A guidarci alla scoperta dell’artista oltre a Vincenzo Farinella,professore ordinario di Storia dell’Arte Moderna all’Università di Pisae consulente storico-scientifico del progetto,ci saranno gli interventi autorevoli di Lorenza Mochi Onori, storica dell’arte ed esperta di Raffaello, Giuliano Pisani,filologo classico e storico dell’arte italiana, Tom Henry,direttore dell’Università del Kent a Roma, Amélie Ferrigno, storica dell’arte e ricercatrice associata presso il Centre d’Études Supérieures de la Renaissance (CESR Tours), Ippolita di Majo, sceneggiatrice e storica dell’arte e Gloria Fossi, storica dell’arte medievale e moderna.
Ad enfatizzare il racconto, l’uso di animazioni realizzate dall’illustratore pluripremiato Giordano Poloni che, attraverso un linguaggio evocativo e sognante, portano in scena alcuni momenti emblematici della storia di Raffaello e delle sue opere più celebri in un mix di leggenda, realtà e mito.
Realizzato da Sky con la produzione esecutiva affidata a Progetto Immagine, RAFFAELLO. IL GIOVANE PRODIGIO ha ottenuto il Patrocinio della Città di Urbino.
La Grande Arte al Cinema è un progetto originale ed esclusivo di Nexo Digital ed è distribuita in esclusiva per l’Italia da Nexo Digital con i media partner Radio Capital, Sky Arte, MYmovies.it, ARTE.it e in collaborazione con Abbonamento Musei.

Bon Jovi al cinema in un concerto completamente inedito

rubrica a cura di Fabrizio Capra
L’esclusivo spettacolo presentato da Encore Nights sarà nelle sale italiane solo il 10-11-12-13 giugno.

La ‘Rock & Roll – Hall of Fame band’ dei Bon Jovi, Encore Nights e Trafalgar Releasing annunciano una nuova esclusiva esperienza cinematografica e musicale per le sale di tutto il mondo: il film concerto dei Bon Jovi sarà infatti proiettato solo al cinema nei giorni 10-11-12-13 giugno 2021.
Dopo le date del tour cancellate a causa dell’emergenza sanitaria, questi leggendari performer volevano raggiungere i loro fan in tutto il mondo regalando loro un assaggio di ciò che potranno aspettarsi dal ritorno della musica dal vivo.
Conosciuti come uno dei più grandi gruppi rock del pianeta grazie ai loro incredibili spettacoli dal vivo, questo giugno i Bon Jovi porteranno sul grande schermo tutta l’energia dei loro live nelle sale cinematografiche di tutto il mondo.
Dal palco del Paramount Theatre nello stato del New Jersey, patria di Jon Bon Jovi, la band proporrà i più grandi classici di tutti i tempi da “You Give Love A Bad Name”, “It’s My Life”, “Wanted Dead Or Alive” e “Bad Medicine” fino a “Livin ‘On A Prayer”.
Verranno inoltre presentate anche alcune nuove canzoni del quindicesimo album di studio del 2020, che ha già riscosso un enorme successo.
Nel corso di una carriera durata oltre tre decenni, i Bon Jovi si sono guadagnati un posto ‘tra i reali del rock mondiale’.

Con oltre 130 milioni di album venduti in tutto il mondo, un ampio catalogo di strepitosi successi, migliaia di concerti in più di 50 paesi per oltre 35 milioni di fan e biglietti venduti e oltre 1 miliardo di dollari incassati in tutto il mondo solo nell’ultimo decennio, i Bon Jovi sono una rock & roll band leggendaria. Nel film, la line up della band vede schierati i componenti originali dei Bon Jovi come David Bryan, Tico Torres e Jon, con il bassista di lunga data Hugh McDonald, il chitarrista Phil X unitosi alla band strada facendo, a partire dal 2013, oltre al co-produttore e co-autore John Shanks e al polistrumentista Everett Bradley. I biglietti per Bon Jovi From – Encore Nights saranno a breve in vendita su nexodigital.it e bonjovievent.com. In Italia il film concerto uscirà nelle sale italiane solo il 10, 11, 12, 13 giugno distribuito da Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio Capital, Rockol.it, MYMovies.it.

“Extraliscio – Punk da Balera”: evento musicale della nuova stagione cinematografica

rubrica a cura di Fabrizio Capra
foto Manuel Palmieri
Dopo il successo al 77ª Mostra del Cinema di Venezia, la presentazione al Festival Internazionale del Cinema di Berlino, al MIPTV di Cannes e al Los Angeles Italia Film Fest e dopo aver conquistato il palco del Festival di Sanremo “Si ballerà finché entra la luce dell’alba”. Nelle sale italiane solo il 14, 15, 16 giugno. Prevendite aperte dal 27 maggio.

Dopo una lunga attesa, finalmente “EXTRALISCIO – PUNK DA BALERA. Si ballerà finché entra la luce dell’alba”, il film di Elisabetta Sgarbi dedicato agli Extraliscio e alla tradizione musicale romagnola, arriverà al cinema distribuito nelle sale italiane come evento da Nexo Digital solo il 14, 15, 16 giugno (elenco sale a breve su nexodigital.it) per riportare i fan a cantare e ballare sulle note degli Extraliscio. Le prevendite apriranno dal 27 maggio.
Il film è stato presentato in anteprima alle Giornate degli Autori nell’ambito della 77ª Mostra del Cinema di Venezia, al Festival Internazionale del Cinema di Berlino, al Los Angeles Italia Film Fest. Ha ricevuto il Premio SIAE per il talento creativo, conferito a Elisabetta Sgarbi, e il Premio FICE (Federazione Italiana dei Cinema d’Essai) a Mantova. 
Così, dopo il successo al 71° Festival di Sanremo con il brano “Bianca Luce Nera” (musica di Mirco Mariani, testo di Mirco Mariani, Pacifico e Elisabetta Sgarbi), continua la missione di Mirco Mariani, Moreno Il Biondo e Mauro Ferrara di contaminare la tradizione con un mondo ricco di suoni e arrangiamenti, allo stesso tempo popolare e colto.

Extraliscio

Prodotti da Elisabetta Sgarbi con la sua Betty Wrong Edizioni Musicali, motore inesauribile di arte e cultura, fondatrice e Direttrice de La nave di Teseo Editore e del Festival Internazionale La Milanesiana, gli Extraliscio e distribuito da Sony, fanno incontrare la musica della Romagna che ha fatto ballare intere generazioni con le chitarre noise, l’elettronica, il rock, il pop in un’esplosione di suoni, ironia e libertà.
Il progetto Extraliscio ha preso forma nel 2014 dall’incontro tra Mirco Mariani (sempre alla ricerca di nuovi orizzonti da esplorare, diplomato al Conservatorio, compositore raffinato, conoscitore e collezionista di strumenti antichi e rari) e Moreno il Biondo (leggendario capo orchestra di Casadei anni ’90 e fondatore dell’Orchestra Grande Evento), avvenuto grazie a Riccarda Casadei, figlia di Secondo Casadei.

Elisabetta Sgarbi

A loro, si è unito Mauro Ferrara che già cantava nell’Orchestra di Moreno Conficconi. Convinto che la musica romagnola abbia ancora molto da dire e si fondi su un linguaggio sincero che non perde la sua peculiarità quando si incontra/scontra con altri generi musicali, Mirco Mariani ha trovato nella passione e nella dedizione per il liscio di Moreno Il Biondo e Mauro Ferrara gli ideali compagni di viaggio. Extraliscio sono la prima produzione musicale di Betty Wrong Edizioni Musicali di Elisabetta Sgarbi.
EXTRALISCIO – PUNK DA BALERA. Si ballerà finché entra la luce dell’alba” è una produzione Betty Wrong con il sostegno della Regione Emilia Romagna e del MiC e sarà distribuito nei cinema italiani da Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio DEEJAY, MYMovies.it e Rockol.it.
Da giugno a settembre gli EXTRALISCIO saranno in tour in tutta Italia con “È BELLO PERDERSI – TOUR D’ITALIE”, una serie di imperdibili e imprevedibili concerti fuori dagli schemi che contaminano la tradizione con un mondo ricco di suoni e arrangiamenti, allo stesso tempo popolare e colto. Per ben 5 volte gli Extraliscio incroceranno la ventiduesima edizione de La Milanesiana, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, alla quale fanno anche da colonna sonora con i brano “Il ballo della Rosa” e “Milanesiana di Riviera”.

“Microcosmo-Grande Meraviglia”: prima visione in streaming su Nexo+

Riceviamo e pubblichiamo
Dal 22 aprile, in occasione della Giornata Mondiale della Terra, un documentario sul potere invisibile della natura, la sua bellezza (anche nel minuscolo), la sua intelligenza. Perché solo partendo dal piccolo si può costruire un mondo più sostenibile.

In occasione della Giornata mondiale della Terra, il prossimo 22 aprile, arriva in prima visione in streaming su Nexo+ Microcosmo-Grande Meraviglia,diretto da Pascal Moret e Julien Guiol.
La natura è una fonte inesauribile di conoscenza.
Dopo 3 miliardi di anni di evoluzione, ha creato meccanismi incredibili su scala microscopica.
Sono questi meccanismi che consentono alle piante e agli animali che ci circondano di proteggersi, svilupparsi e far fronte agli attacchi di fuoco, aria, suolo e acqua.

Questo “Microcosmo” sfida la nostra immaginazione con la sua bellezza e intelligenza.
Oggi, alcuni scienziati sono finalmente riusciti a svelarne i misteri grazie alla fotonica.
Proprio con loro partiamo, grazie al documentario di Pascal Moret e Julien Guiol, alla ricerca delle microstrutture che rendono così geniali le piante e gli animali che ci circondano per scoprire le soluzioni originali che la natura ha privilegiato per il suo sviluppo e la sua sopravvivenza.

Questa conoscenza è preziosa per tutti noi e lo sarà ancora di più per affrontare le sfide climatiche e ambientali che ci minacciano.
Le soluzioni adottate dalla natura per rispondere ai suoi problemi non sono infatti così lontane da quelle che ci vengono attualmente poste.
È tempo di lasciarsi ispirare dal mircocosmo per costruire un mondo più sostenibile ed ecologico.
La piattaforma in streaming di Nexo+ è un progetto Nexo Digital sostenuto dai media partner Radio DEEJAY, Radio Capital, Rockol.it, Classic Voice, Danza&Danza, ARTE.it.

MICROCOSMO
di Pascal Moret e Julien Guiol
Consulenti Scientifici: Serge Berthier e Bernd Schollhorn
Université de Paris – Institut des NanoSciences et Laboratoire d’Electrochimie
Altri scienziati coinvolti: Gauthier Chapelle, Gérard Largier, Aurélie De Seyne, Gilles Pothier,  Beverley Glover, Silvia Vignolini e David Garcia
Fotografia: Maurizio Tiella e Julien Guiol
Suono e Mixaggio: Gérald Ladoul – Animazioni: Guillaume Rouvroy
Voce Narrante Originale: Cristelle Ledroit - Musica: Edgar Noon
Montaggio: Pascal Moret et Julien Guiol
Produzione: Eric Ellena, Pascal Moret et Ian Ayres
Una produzione French Connection Films e La Belle Société Production
in coproduzione con Ushuaia TV et viàOccitanie con il sostegno di CNC
Distribuzione internazionale: Arte Distribution

Le canzoni di Francesco Guccini prodotte da Mauro Pagani e raccontate in un film

Riceviamo e pubblichiamo
In anteprima esclusiva su Nexo+ dal 17 marzo “Note di Viaggio. Il Film”. Il viaggio nel dietro le quinte di uno dei progetti discografici italiani più ambiziosi e riusciti degli ultimi anni.

Dopo il grande successo di Note di Viaggio, la raccolta in due capitoli con le più belle canzoni di Francesco Guccini reinterpretate dalle grandi voci della musica italiana e prodotte da Mauro Pagani, arriva anche Note di Viaggio. Il film. Diretto da Andrea Longhin e Claudio Spanu, sarà disponibile in anteprima esclusiva dal 17 marzo su Nexo+ (www.nexoplus.it), la piattaforma di contenuti on demand per un tempo libero di qualità ideata da Nexo Digital. Note di Viaggio. Il film è il primo documentario in-house prodotto da BMG Italia, dopo che internazionalmente BMG aveva già realizzato negli ultimi anni documentari dedicati alle proprie label e ad alcuni tra i più prestigiosi artisti del proprio roster (Trojan Records, David Crosby, The Kinks, Boomtown Rats e molti altri).
Uno straordinario viaggio nel dietro le quinte di uno dei progetti discografici italiani più ambiziosi e riusciti degli ultimi anni, con gli interventi e gli omaggi di Elisa, Ligabue, Carmen Consoli, Giuliano Sangiorgi, Nina Zilli, Brunori Sas, Malika Ayane, Francesco Gabbani, Samuele Bersani e Luca Carboni, Margherita Vicario, Manuel Agnelli, Zucchero, Fiorella Mannoia, Emma e Roberto Vecchioni, Vinicio Capossela, Gianna Nannini, Jack Savoretti, Levante, Mahmood, Petra Magoni, Ermal Meta, Fabio Ilacqua, Mauro Pagani. Grandi nomi che hanno saputo dar vita a interpretazioni raffinate e di grande personalità, grazie al prezioso lavoro di produzione curato da Mauro Pagani, che riguardo al progetto afferma: “Le canzoni di Francesco hanno accompagnato da sempre il mio cammino di uomo e di musicista. In ogni casa, in ogni festa, discussione o corteo, lui in qualche modo c’era. Avere l’opportunità di risalire quel lunghissimo fiume di immagini e di parole, potendo per di più contare sull’aiuto e la maestria di così tanti amici, è stato davvero un gran privilegio. In questo progetto rivedo tanta bellezza, tanta vita e tanto presente.”

Nel documentario non mancano scene più intime, interviste alla moglie Raffaella, alla figlia Teresa, la stima con Dino Stewart, Managing Director di Bmg Italia, e le chiacchiere alla trattoria Da Vito insieme ai suoi amici storici. Bellezza, vita, attualità̀.
Un viaggio attraverso la buona musica ma anche dentro i racconti, i volti, le poesie e l’arte di chi ha saputo collegare con un filo rosso diverse età e generazioni – raccontano i registi Andrea Longhin e Claudio SpanuDue anni emozionanti che ci hanno permesso di conoscere le persone prima degli artisti e tracciare assieme a loro il nostro personale filo rosso. Ci teniamo a ringraziare BMG per la totale fiducia nei nostri confronti, Mauro Pagani e le Officine Meccaniche per averci sempre accolto (e sopportato) con il sorriso, tutti gli artisti e ovviamente il Maestrone per averci onorato con frammenti della sua incredibile vita, le sue storie, i bicchieri di vino bevuti insieme. Non abbiamo più paura perché non ci succederà niente.

Nella colonna sonora del documentario è presente anche la musica dell’artista Ditonellapiaga, ad accompagnare le scene relative alla realizzazione delle straordinarie opere dello street artist NeoPop internazionale Tvboy, che sono poi diventate le copertine dei dischi.
La poetica di Francesco Guccini accompagna da sempre il cammino degli italiani, ed è per questo che Note di viaggio è un progetto che non vuole essere celebrativo, ma guarda al futuro attraverso le canzoni del Maestro. Note di Viaggio – capitolo 1: venite avanti… e Note di Viaggio – capitolo 2: non vi succederà niente, sono disponibili negli store fisici e digitali.

NOTE DI VIAGGIO – Vol 1: Venite avanti… https://FrancescoGuccini.lnk.to/NoteDiViaggio1PR

NOTE DI VIAGGIO – Vol 2: Non vi succederà niente https://FrancescoGuccini.lnk.to/NoteDiViaggio2PR

“Paolo Conte, Via con me”: in DVD e Blu-ray

Riceviamo e pubblichiamo
Dove aver conquistato il Festival di Venezia e il botteghino cinematografico italiano “Paolo Conte, Via con me” di Giorgio Verdelli debutta a grande richiesta in DVD e Blu-ray, con preziosi contenuti speciali extra.

Dopo il grande successo cinematografico, Paolo Conte, Via con me, il film documentario diretto da Giorgio Verdellidebutta ora con Eagle Pictures in  formato DVD e Blu-ray, arricchito dalla versione integrale de “Gli impermeabili“,  registrata al Teatro San Carlo di Napoli nel 2019, e da “La grande allusione”, che raccoglie interviste e backstage del film.
Presentato nella sezione Fuori Concorso della 77ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, Paolo Conte, Via con me è un itinerario ideale con la voce narrante di Luca Zingaretti  per raccontare un personaggio eclettico e, per certi versi, misterioso. Una grande storia, non soltanto musicale.
Verdelli ha attinto all’immenso patrimonio dell’archivio personale di Conte, unendolo a materiale realizzato ad hoc: interviste, riprese dei tour internazionali e occasioni di una carriera unica.

foto Renzo Chiesa

Con una straordinaria carrellata di testimonianze ­­– Roberto Benigni, Vinicio Capossela, Caterina Caselli, Francesco De Gregori, Stefano Bollani, Giorgio Conte, Pupi Avati, Luisa Ranieri, Luca Zingaretti, Renzo Arbore, Paolo Jannacci, Vincenzo Mollica, Isabella Rossellini, Guido Harari, Cristiano Godano, Giovanni Veronesi, Lorenzo Jovanotti, Jane Birkin, Patrice Leconte, Peppe Servillo ­– il film si inoltra nel labirinto delle canzoni di Conte, anche quelle scritte per gli interpreti più diversi (Adriano Celentano, Enzo Jannacci, Jane Birkin, Caterina Caselli, Bruno Lauzi), oltre che nel labirinto delle sue passioni (il jazz, l’enigmistica, la pittura, il diritto, il cinema). Alla base del progetto c’è una lunga intervista “intima” di Verdelli a Paolo Conte, in cui i racconti di personaggi, canzoni e vicende umane mescolano tenerezza, ironia e charme tipici dell’avvocato di Asti che ci accompagnano in una scoperta continua tra il noto e l’inedito, tra le storie, i versi e le canzoni di quello straordinario altrove che è il mondo di Conte.
Paolo Conte, Via con me è prodotto da Sudovest Produzioni, Indigo Film in collaborazione con Rai Cinema ed è stato distribuito da Nexo Digital.

Paolo Conte, Via con me
una produzione  SUDOVEST PRODUZIONI e INDIGO FILM
in collaborazione con RAI CINEMA
con il sostegno di FILM COMMISSION TORINO PIEMONTE
con il sostegno di FILM COMMISSION REGIONE CAMPANIA
distribuzione italiana NEXO DIGITAL

Arriva al cinema “Paolo Cognetti. Sogni di un grande nord”

Riceviamo e pubblichiamo
Dopo aver conquistato oltre un milione di lettori in tutto il mondo con i suoi libri arriva nelle sale italiane solo il 30 novembre, 1 e 2 dicembre “Paolo Cognetti. Sogni di un grande nord”,  un viaggio alla scoperta del Grande Nord sulle tracce dei Maestri della letteratura americana e di Chris McCandless di Into the Wild. Regia di Dario Acocella. Una produzione Samarcanda Film con Feltrinelli Real Cinema e con Rai Cinema.

E alla fine eccomi lì. La vita a volte è incredibile, dopo lunghissimi giri ti porta al centro esatto della tua storia. Il Magic Bus se ne sta su quella collinetta a ricordare la sua, a testimoniare ciò che è stato, credo, e a veder scorrere due torrenti e le stagioni, senz’altra compagnia che quella degli orsi e gli alci di passaggio. Paolo Cognetti.

Lo scrittore Paolo Cognetti, vincitore del Premio Strega 2017 con oltre 1.000.000 di copie vendute in oltre 40 paesi (450.000 solo in Italia), arriva per la prima volta al cinema con  PAOLO  COGNETTI. SOGNI DI GRANDE NORD, diretto da Dario Acocella.
In uscita nelle sale italiane solo per tre giorni, il 30 novembre, 1 e 2 dicembre  (elenco sale a breve sul sito www.nexodigital.itPAOLO COGNETTI. SOGNI DI GRANDE NORD propone un percorso originale e dal potente impatto visivo, sulle orme di Ernest Hemingway, Raymond Carver, H.D. Thoreau, Jack London, Herman Melville e Chris McCandless di Into the Wild, in un viaggio letterario ed emozionante dalle Alpi all’Alaska. Lo scrittore italiano – accompagnato dall’ amico Nicola Magrin, viaggiatore ed illustratore – ci guiderà nel suo viaggio tra uomo e natura ripercorrendo le parole e attraversando i luoghi di alcuni dei grandi maestri della Letteratura americana, alla ricerca di una nuova frontiera esistenziale per l’uomo e per la sua convivenza con l’Ambiente.

Il documentario racconta un viaggio che ne contiene molti altri. C’è il viaggio di Paolo lo scrittore e Nicola l’illustratore, che prendono un aereo a Milano, atterrano a Vancouver e da là, con un camper preso in affitto, si dirigono a nord, fino in Alaska. Attraverso le immagini girate durante il tragitto e i frammenti di dialogo tra i due amici, emerge anche il viaggio personale che Cognetti compie a ritroso, per scoprire le sue radici di scrittore e di uomo. Perché i luoghi sulla strada richiamano alla memoria i grandi maestri che hanno avuto nella sua vita un valore ben più ampio di quello meramente letterario. La sepoltura di Raymond Carver; il Klondike di Jack London; i laghi pescosi di trote di Ernest Hemingway; la natura selvaggia di Thoreau: sono questi gli autori e i luoghi di cui Cognetti raccoglie il frutto, lasciandosi aiutare dalla parabola di Chris McCandless di Into The Wild, una figura che lo ha sempre ispirato nel suo percorso personale e che lo ha portato a essere tra gli ultimi viaggiatori a raggiungere il Magic Bus, rimosso solo pochi mesi fa dal luogo in cui giaceva abbandonato dal 1961, nel Parco Nazionale di Denali, in Alaska.

Scritto da Paolo Cognetti, Dario Acocella, Francesco Favale, e diretto da Dario Acocella,  PAOLO  COGNETTI. SOGNI DI GRANDE  NORD, è una produzione  Samarcanda Film con Feltrinelli Real Cinema e con Rai Cinema,  con il sostegno della Regione Valle d’Aosta e del MIBACT.  Sarà distribuito nei cinema italiani da Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio Deejay e MYmovies.it.

Paolo Cognetti Nato a Milano nel 1978. Ha esordito con la raccolta di racconti Manuale per ragazze di successo  (minimum fax, 2004), a cui è seguita Una cosa piccola che sta per esplodere (minimum fax, 2007), Selezione Premio Fucini, Premio Settembrini e Premio Chiara. Ha scritto New York è una finestra senza tende (Contromano/Laterza, 2010) e Il ragazzo selvatico (Terre di Mezzo, 2013), tradotto in venti Paesi, ripubblicato in Italia in autunno 2017 in un’edizione illustrata da Alessandro Sanna. Nel 2014 ha pubblicato Il nuotatore, illustrato da Mara Cerri, per l’editore orecchio acerbo, Tutte le mie preghiere guardano verso ovest (Edt) e A pesca nelle pozze più profonde, meditazioni sull’arte di scrivere racconti (minimum fax). Ha scritto Sofia si veste sempre di nero (minimum fax, 2012), tradotto in vari Paesi. Ha curato l’antologia di racconti New York Stories, uscita per Einaudi a novembre 2015. Il suo romanzo Le otto montagne è uscito in libreria a novembre 2016 per Einaudi ed è in corso di traduzione in quaranta Paesi; ha vinto, tra i numerosi premi, il Premio Strega 2017, il Premio Strega Giovani 2017 e il Prix Médicis étranger. Il suo ultimo libro è Senza mai arrivare in cima (Einaudi, novembre 2018).
Dario Acocella
Nato a Napoli nel 1979, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico. Inizia nel 2001 con opere di videoarte, il suo lavoro d’esordio Chimaera vince il Braunscweigh International Film Festival. Laureatosi al Dams all’Università di Roma Tre, pratica per diversi anni l’attività di aiuto regista sia per il cinema che per la televisione. Nel 2005 gira L’isola dei venti, il suo primo documentario per la televisione. Nel 2008 dirige la sua prima serie TV per Raiuno, Il bene e il male.  Nel 2013 scrive e dirige il docufilm Ho fatto una barca di soldi sulla vita dell'artista Fausto Delle Chiaie, l'opera viene selezionata in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma. Nel 2014 gira, in Brasile, il docufilm O Paìs do Futebol. Nel 2017 firma la regia del cortometraggio  Good Food che viene selezionato alla Festa del Cinema di Roma. Nel 2019 gira il cortometraggio Il Dono, presentato nello stesso anno all'Italian Pavilion in occasione della Mostra del Cinema di Venezia; sempre nel 2019 dirige il documentario L'Aquila, 03:32 - La generazione dimenticata.
Nicola Magrin
Nato a Milano nel 1979. Ha illustrato le copertine dell’opera di Primo Levi (Einaudi), Le otto montagne di Paolo Cognetti (Einaudi), Il silenzio di Erling Kagge (Einaudi), Alpi ribelli di Enrico Camanni (Editori Laterza), Le antiche vie di Robert Macfarlane (Einaudi), e l’opera di Tiziano Terzani (Tea). Il suo primo libro illustrato, con il testo di Folco Terzani, si intitola Il Cane, il lupo e il Dio (Longanesi 2017). Per i grandi classici ha illustrato il libro di Jack London, Il richiamo della foresta, nella traduzione di Gianni Celati (Nuages). Nel 2019 illustra il libro di Federico Rampini, L’oceano di mezzo (Editori Laterza) e la favola scritta da Ester Armanino, Una balena va in montagna (Salani Editore)