Vacanze Ecorelax: turismo sostenibile e tutela dell’ambiente

Riceviamo e pubblichiamo
Per ridurre il nostro impatto sul pianeta. Nelle strutture che fanno della tutela della natura una priorità, all’insegna del turismo sostenibile.

Viaggiare cercando di ridurre l’impatto sulla salute del pianeta. Si chiama turismo sostenibile e considera la tutela dell’ambiente come una priorità, cercando di eliminare il più possibile le diverse fonti di inquinamento, dall’uso dell’auto al consumo di energia, dalla scelta di cibi biologici e locali all’uso di materiali ecologici. La crisi climatica indica che è sempre più necessario preoccuparsi della salvaguardia della natura, anche quando si va in vacanza. Per questo è bene optare per strutture in cui vivere esperienze di ecorelax.

Risparmio energetico e di carburante tra le Dolomiti
È a basso consumo energetico il nuovo Dolomites Lodge dell’Excelsior Dolomites Life Resort di San Vigilio di Marebbe (BZ), che oltre a dare la sensazione di una vera e propria immersione nel paesaggio del Parco Naturale di Fanes-Senes-Braies, grazie al tipo di architettura con pareti di vetro, è stato costruito come “CasaClima classe A”, utilizzando materiali naturali, tra cui pietra, legno, ferro e vetro. Un impianto di cogenerazione produce parte dell’energia elettrica della struttura, trasformando il gas naturale in calore e contribuendo a risparmiare circa il 20% di energia. La piscina panoramica con vasca in poliuretano consuma il 30% in meno rispetto ad una vasca in acciaio o di cemento. Inoltre, c’è una grande attenzione alla mobilità sostenibile, che coinvolge l’intero paese di San Vigilio di Marebbe: il personale alloggia nel resort, gli ospiti lasciano l’auto in garage e possono spostarsi con i mezzi pubblici, dunque tutti si muovono a piedi. In inverno, dalla ski room si accede direttamente con gli sci ai piedi alle piste del Plan de Corones collegate alla Sellaronda. In estate, dall’Excelsior partono tour in bicicletta e il resort mette a disposizione un bus escursionistico gratuito. Con la Summercard tutti i mezzi e le cabinovie dell’Alto Adige si possono prendere gratis. Tel. 0474501036, www.myexcelsior.com

Il Glamping dalle strutture removibili nella prima Oasi Naturale della Campania
Dalla rigenerazione ambientale delle ex cave di sabbia di un’area di 400mila mq del Litorale Domizio (CE) è nato Laghi Nabi, la prima Oasi Naturale della Campania, esempio di turismo green che restituisce nuova vita ad un luogo abbandonato e nello stesso tempo ne valorizza il patrimonio naturale e storico. Si può soggiornare sospesi sulle acque dei laghi nelle strutture removibili del Glamping, tende e lodge eleganti, che preservano il luogo, il suo regno animale e vegetale, attraverso un’immersione totale nell’ambiente. Inoltre a Laghi Nabi, che ospita anche la struttura alberghiera a 4 stelle Plana Resort & SPA, si può pedalare sulla pista ciclabile luminescente più lunga del mondo (1 km e mezzo) costruita secondo criteri di economia circolare, con pietre che catturano naturalmente la luce del sole sprigionandola poi di notte e risparmiando energia. Tel. 0823764044, www.laghinabi.it

Disconnessi da internet e connessi con l’ambiente in Alta Val di Non
Architettura che valorizza la storia del luogo, risparmio energetico, l’invito a spegnere dispositivi elettronici e a disconnettersi da internet, attenzione per le produzioni alimentari del territorio. Il relax è contemplazione ed ecologia all’Hotel Zum Hirschen di Senale-San Felice (BZ), in Alta Val di Non eletto albergo storico dell’anno della provincia di Bolzano nel 2019, per aver saputo trasformare un’antica dimora di pellegrinaggio in un refugium del XXI secolo. Certificato CasaClima, invita a dormire in stanze senza televisione, dove la sera anche il wifi si spegne. Materiali locali come il larice e il porfido, l’abete rosso e la betulla, la lana cotta e il feltro completano la dimensione naturale della struttura, il cui Ristorante CERVO predilige una cucina di stagione, ispirata alla slow-sofia dell’hotel. Le essenze del bosco, come il tarassaco, diventano ingredienti di piatti prelibati, secondo i saperi del parroco erborista Weidiger e i principi salutari descritti già nel Medioevo da Hildegard von Bingen, che concepiva la cucina come uno strumento di benessere e di disintossicazione. A queste si uniscono le produzioni locali e del maso contadino come lo speck, il burro di piretro, crema di formaggio di capra, pesto al radicchio tardivo e diverse tipologie di pane come quello alla curcuma e con la zucca, quello alla barbabietola rossa o al segalino fatto al maso. Tel  +390463886105, www.zumhirschen.com

Materiali ecosostenibili nell’anima delle Dolomiti, in Val d’Ega
Se c’è un luogo in cui sentirsi completamente in simbiosi con l’ambiente quello è il rifugio Oberholz, che con il suo design visionario a forma di capanna con tre grandi vetrate dà la reale sensazione di poter toccare da vicino, almeno con lo sguardo, le Dolomiti.
È stato costruito con materiali ecosostenibili, tra cui legno di larice e abete rosso, a 2096 metri di altitudine, a monte della seggiovia Oberholz di Nova Ponente (BZ), in Val d’Ega, e propone piatti della tradizione rivisitati. (Val d’Ega Turismo, Tel. 0471619500, www.valdega.com)

L’albergo diffuso del Molise che difende la biodiversità
Dall’idea di fare dell’ambiente il bene più prezioso e motivo di sviluppo di un territorio che si era avviato allo spopolamento, è nato l’albergo diffuso Borgotufi di Castel del Giudice (IS), sull’Appennino molisano al confine con l’Abruzzo. Le vecchie case abbandonate sono state trasformate in casette di pietra per gli ospiti, utilizzando materiali originari perfettamente integrati nel paesaggio decorato di boschi e cime. Dalle terrazze si possono ammirare i filari delle mele biologiche Melise, coltivate senza pesticidi, e cresciute recuperando terreni fino a qualche tempo fa destinati all’incuria e sui quali oggi ronzano le api del 1° Apiario di Comunità d’Italia, termometro di biodiversità. Vicino ai meleti ci sono le piante di luppolo e orzo del nuovo birrificio agricolo Maltolento, una delle sfide vinte da questo paesino virtuoso, dove il turismo sostenibile e il ritorno alla terra sono un mantra. Con il Piano del Cibo di Castel del Giudice, infatti, è stata istituita una food policy per ridurre gli sprechi alimentari, restituire altri terreni all’agricoltura biologica e fare della salvaguardia ambientale uno stimolo all’economia locale. Tel. 0865946820, www.borgotufi.it

Una Corte ecosostenibile e di design
Corte di Gabriela, nel cuore di Venezia
 è un lussuoso palazzo ottocentesco che si trasforma in boutique hotel 4 stelle superior ma conserva l’anima della casa contemporanea con l’ambizione di offrire l’esperienza dello straordinario. A cominciare dal tecnologico sistema di contenimento dell’acqua alta e dalla posizione, tra il Canal Grande, Piazza San Marco, il Ponte di Rialto, il Gran Teatro la Fenice e Palazzo Grassi, vicino a qualsiasi cosa sia insomma in grado di evocare Venezia e la sua atmosfera romantica ed enigmatica, misteriosa ma piena di un fascino che Corte di Gabriela ha tentato di ricreare con gli arredamenti di Marco Poloni e Alberto Maschietto, con i dettagli unici – come le scale disegnate dallo stesso Gianluca – e le camere tutte diverse, la biancheria in raso e cotone e gli sciugamani in spugna italiana con estratto di legno e caffè. È un amore tanto profondo, quello per la Serenissima, che la volontà di rispettarne l’ambiente si è fin da subito imposta come principio guida di una progettazione incentrata sulla sostenibilità e il recupero energetico: la domotica installata in ogni locale del palazzo consente di ridurre al minimo gli sprechi e le dispersioni termiche senza limitare il comfort degli ospiti, che possono godere di una linea cortesia riciclabile al 95% e sulla tavola trovano sempre prodotti del territorio, a km 0 e legati alla stagionalità. Il pionieristico approccio eco-friendly nella città dell’acqua che è valso a Corte di Gabriela il Certificato Europeo di Hotel Eco-Sostenibile si avverte anche nelle camere, dove il riscaldamento è autonomo e potenza e calore del getto della doccia sono garantiti da un innovativo sistema di moto-condensatori a risparmio energetico. Tel. 0415235077,  www.cortedigabriela.com

Qua la zampa, in vacanza. Destinazioni pet friendly

Riceviamo e pubblichiamo
Immerse nella natura, con tanti servizi che i cani adorano e grandi spazi all’aria aperta in cui divertirsi. Le migliori destinazioni pet friendly.

Sono compagni inseparabili e sono stati amici insostituibili nell’affrontare il periodo di lockdown, sempre pronti a starci vicini, anche nei momenti più delicati. Ora è tempo di partire insieme, per condividere vacanze spensierate tra le migliori destinazioni d’Italia a prova di pet.
D’altronde i nostri cani meritano di non essere lasciati soli a casa, ma di divertirsi all’aria aperta, passeggiare lungo mare o esplorare con noi boschi e cime. Magari in occasione della Giornata internazionale del Cane, che viene celebrata il 26 agosto. Ecco quindi le strutture pet friendly dove rilassarsi e vivere una vacanza rigenerante con i nostri migliori amici a quattro zampe.

Sul cuscino sotto le stelle e poi a giocare al Lago di Dobbiaco (BZ)
È una vacanza di totale immersione nella natura quella che si può fare negli Skyview Chalets del Toblacher See (BZ) e piace molto anche agli amici a quattro zampe, che non vedono l’ora di correre all’ombra dei boschi, rotolarsi al sole e sguazzare nel lago. Gli Skyview Chalets sono speciali glass cube ecologici di vetro e legno circondati dal bosco, le Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO, i parchi naturali delle Tre Cime e di Fanes-Senes-Braies e le acque scintillanti del Lago di Dobbiaco. Qui si può dormire sognando letteralmente sotto il cielo stellato grazie alle trasparenze delle architetture degli Chalet e condividere l’esperienza con i propri compagni di viaggio. Tre dei 12 innovativi Chalet sono infatti dedicati ai proprietari dei cani e ospitano un cuscino per l’amico peloso e tutto il materiale informativo necessario per vivere escursioni e passeggiate con lui in libertà, come il cammino che conduce intorno al Lago di Dobbiaco, il percorso lungo l’antica linea ferroviaria di Dobbiaco-Cortina o la passeggiata nel centro di Dobbiaco. Ci sono, inoltre, una nuova doccia per cani all’interno della zona lavatoio, una doggystation, la possibilità di avere la consulenza di una veterinaria qualificata nel vicino paese di San Candido. Il prezzo è di 20 euro al giorno per l’animale domestico e da 225 euro al giorno per Chalet, per 2 persone. Tel. 0474 973138, www.skyview-chalets.com

Pet a 5 stelle in Valle Aurina (BZ)
Un grande parco di 30mila mq, le vette che superano i 3.000 metri della Valle Aurina e il lusso ricercato dell’Alpenpalace Luxury Hideaway & Spa Retreat di San Giovanni (BZ) sono l’ideale per una vacanza con i nostri amici pelosi, i quali  – in questa elegante struttura a 5 stelle, connubio tra lifestyle alpino e noblesse italiana – ricevono attenzioni speciali. Oltre agli ampi spazi all’aperto, e la toilette vicino alla porta d’ingresso, i cani con i loro affettuosi padroni possono soggiornare nella Suite Naturell, che dispone di due spaziosi locali e un balcone con una splendida vista panoramica. Si può fare colazione e cenare insieme al proprio cucciolo in un locale adibito ad hoc vicino al bar, in totale sicurezza. Inoltre, tante sono le attività organizzate dalla struttura per vivere escursioni guidate e tour tra le imponenti cime della Valle Aurina, lungo percorsi tematici, ruscelli, cascate e scintillanti laghi alpini, da ammirare in compagnia del nostro fido compagno. Vicino all’hotel ci sono sentieri ideali per le 4 zampe, con pendenze leggere e in piano, fra alberi e cespugli. Tra questi, il sentiero San Martino (5,1 km), il Sentiero San Giovanni (3,2 km), il Sentiero Campo Tures (6,3 km). L’albergo mette a disposizione gratuitamente tutto ciò che occorre al cane, dalla ciotola fino alla cesta. E c’è anche un Pet Shop, per ordinare direttamente via tablet giochi, croccantini e cibo in camera. Non manca un’amorevole dog sitter. Prezzi a partire da 192 euro a persona a notte, a partire da 3 notti. Per gli animali domestici, il prezzo è di 25 euro al giorno. Tel. 0474 670230, www.alpenpalace.com

foto Tim Schardt

Amici a quattro zampe vista vigneto
Gli amici a quattro zampe accompagnano i loro conviventi umani in un’esperienza di vacanza unica, tra i vigneti di Haller Suites & Restaurant di Kranebitt (BZ) che si affacciano dall’alto sulla città di Bressanone. In questa struttura, nata da un antico maso, l’esperienza nella vigna è continua, grazie alle grandi vetrate e terrazzamenti dell’architettura a tre piani, che si fonde nel paesaggio. Perla di questo luogo riservato ed esclusivo è il ristorante AO, che propone una cucina creata con prodotti locali scelti accuratamente abbinati a prestigiose bottiglie di Kerner, vino tipico della Valle Isarco, e di Veltliner, Sylvaner, Riesling e Müller Thurgau. Per i cani il supplemento è di 15 euro al giorno.  Per “Dormire nel vigneto”, 3 notti in Suite Terrazza, colazione, 3 cene con menu di 4 portate e abbinamenti vini, degustazioni in vigna e visita in cantina, la BrixenCard, sono a partire da 490 euro a persona. Tel. 0472 834601, https://www.byhaller.com/it/

Correre nell’area naturalistica protetta di Laghi Nabi (CE)
I cani di piccola taglia si godono le vacanze scorrazzando in un’area naturalistica di 400mila mq, dove i laghi giocano con la vegetazione ed eleganti tende luxury e lodge indipendenti sono sospesi sull’acqua. A Laghi Nabi gli spazi per tutti sembrano essere infiniti. È la prima Oasi Naturale della Campania e nasce dalla riqualificazione ambientale di una vasta area del Litorale Domizio (CE), trasformata in un parco benessere in cui provare i benefici dell’acqua e della natura e dove è nato il primo Glamping del Sud Italia. Passeggiate a bordo lago, in bicicletta per lunghi km, esperienze in pedalò o canoa, nuotate sotto il sole, tanto relax nel verde, sono solo alcune delle attività che si possono fare in questo mondo naturale protetto. E a pochi km da Laghi Nabi c’è FOOF, il primo parco e museo completamente dedicato al cane. Si trova a Mondragone in uno spazio di oltre 70mila mq dove trascorrere del tempo prezioso insieme ai nostri amici a quattro zampe, scoprendo la storia della relazione tra uomo e cane attraverso la scienza, l’arte, la moda e il cinema, e i diversi percorsi in cui vivere esperienze all’aria aperta, come nell’area mobility dog, dove far divertire i cani in totale libertà, facendoli cimentare in esercizi di abilità sui tanti attrezzi collocati sul prato. Prezzi a partire da 220 euro a notte per il soggiorno nel Glamping per 2 persone e da 80 euro a camera in hotel. Tel. 0823764044, www.laghinabi.it

Le Pet Rooms dell’Emilia
Pet Rooms
con diversi servizi per cani e gatti e tutte le dotazioni necessarie per soggiornare in compagnia dei nostri fedeli compagni di viaggio. Le strutture INC Hotels Group sono hotels pet-friendly di Parma, Reggio Emilia e Piacenza, dove gli amici quadrupedi trovano una confezione di mangime secco in regalo tutto ciò di cui hanno bisogno. Nel Best Western Plus Hotel Farnese di Parma, potete trovare la pet room con ciotole personali con acqua e cibo, una brandina e una cuccetta, sacchetti igienici e lettiere con sabbia e, in caso di necessità, non manca la possibilità di contattare un veterinario di zona reperibile 24 ore su 24. Prezzi a partire da 40 euro per persona in camera doppia con colazione inclusa. www.inchotels.com

Cani liberi di giocare sulla Riviera del Brenta (VE)
Gli animali domestici sono i benvenuti al Romantik Hotel Villa Margherita di Mira Ponte (VE), raffinata villa palladiana del XVII secolo, immersa in un parco secolare fra giardini in fiore e colori d’estate, sulla Riviera del Brenta. Gli ospiti con gli amici a quattro zampe trovano un’elegante camera matrimoniale con giardinetto privato, una copertina, la ciotolina personale per il cane e un giocattolo per divertirsi. I piccoli pelosi sono ospiti speciali e privilegiati accompagnatori dei loro padroni alla scoperta delle Ville palladiane, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e di esperienze esclusive nella laguna veneziana. La splendida città sull’acqua è a soli 15 km da Villa Margherita. Per una vacanza in famiglia, il soggiorno di 2 notti in camera Family, cestino di frutta in camera, mappa di Venezia, servizio di couverture, colazione e biglietto sconto per il parcheggio di Fusina a Venezia, prezzi a partire da 166 euro a camera a notte. I bambini al di sotto dei 12 anni soggiornano gratis. Tel. 041 4265800, www.romantikhotels.com

Ospiti di Pongo sul mare di Cesenatico (FC)
All’Hotel Sport dei Ricci Hotels di Cesenatico (FC) a dare il benvenuto agli ospiti c’è Pongo, il beagle di casa, che invita gli amici pelosi a godere delle vacanze al mare negli ampi spazi della struttura della città marinara con il più alto rapporto di aree verdi di tutta la Romagna. Ai cani è riservata una dog sdraio e una ciotola per poter accompagnare i propri amici umani in spiaggia. E su richiesta, non manca il servizio di dogsitter. L’hotel è ideale per tutta la famiglia, che può scegliere tra gli appartamenti e le suite della formula residence o le nuove camere di design della formula hotel, con grandi giardini e terrazzi. Grandi e piccoli si divertono poi nell’ampio parco piscina con 280 mq di acqua suddiviso in tre piscine con zona baby e acqua bassa, idromassaggio, la fontana per l’acqua terapia e l’acquabike. Prezzi a partire da 72 euro in pensione completa. Tel. 0547 87102, Numero verde 800 014 040, www.riccihotels.it

Forest Bathing: il richiamo della foresta

Riceviamo e pubblichiamo
Nel nostro Paese vi sono molte opportunità per praticare il Forest Bathin ovvero la totale immersione nella natura traendo giovamento dall’atmosfera dei boschi.

Dal glamping sospeso sul lago ai meleti in fiore, dalla tenuta del castello alla biodiversità dei boschi alpini. I luoghi più suggestivi in cui praticare il Forest Bathing, la totale unnamedimmersione nella natura.
Le piante sono vive, intelligenti e rigeneranti. Per questo il Forest Bathing, la pratica di immergersi totalmente nella natura, è un’esperienza sempre più ricercata, per ritrovare la connessione con l’ambiente naturale in luoghi in cui boschi e foreste pullulano di vita. Il contatto con gli alberi produce infatti benefici per la mente e il corpo, allevia lo stress e l’ansia, regola il battito cardiaco, migliora l’umore e allontana i cattivi pensieri. Ecco i luoghi più suggestivi in cui fare un “bagno nella foresta” o praticare lo Shinrin-Yoku, come si dice in Giappone, letteralmente tradotto in “trarre giovamento dall’atmosfera dei boschi”.

Forest Bathing sulle acque del glamping della Campania
Il bagno nella foresta comincia fin dal mattino, con la colazione sul pontile di legno del Laghi Nabi (5)lodge sospeso sull’acqua oppure con rilassanti esercizi di yoga sul prato. Tutto è natura, infatti, ai Laghi Nabi, nella prima Oasi Naturale della Campania, grande area naturalistica nata dalla rigenerazione ambientale di ex cave di sabbia sul Litorale Domizio (CE). Tanti i percorsi per praticare il Forest Bathing come si preferisce, tra passeggiate sulle rive dei laghi, barca a vela, equitazione, canoa o kayak. Gli alberi sono ovunque. E si può soggiornare nelle originali tende luxury del Nabi Resort Glamping & Spa sull’acqua oppure in albergo, al Plana Resort. Prezzi a partire da 220 euro a notte per il soggiorno nel Glamping per 2 persone e da 80 euro a camera in hotel. Tel. 0823764044, www.laghinabi.it

Nelle foreste molisane e nel meleto bio in fiore
L’immersione nella foresta comincia già dalle finestre delle casette in pietra, che si affacciano sul paesaggio tinteggiato di boschi, cime appenniniche e meleti bio, nati dal Borgotufi - Meleti in fiore (1)recupero di terreni in disuso. Ma diversi sono i sentieri che partono da Borgotufi, albergo diffuso di Castel del Giudice (IS), al confine tra Molise e Abruzzo, per praticare forest bathing in libertà in un luogo ricco di biodiversità. Tra questi, il percorso che conduce alle sorgenti di acqua sulfurea o quello che segue il corso del fiume Sagro fino al centro rafting, oppure il sentiero che si inoltra nel bosco, dove nascono funghi e tartufi, o lungo le sponde del fiume Molinaro, un luogo di pace e di energia. Altri percorsi permettono di raggiungere i paesi vicini come Capracotta o gli abeti bianchi di Pescopennataro. Suggestiva l’immersione tra i fiori profumati del meleto biologico Melise, i cui frutti diventano ingredienti dei piatti d’autore del ristorante “Il Tartufo”. Tel. 0865946820, www.borgotufi.it

Immersione nella foresta del castello millenario in Umbria
Alberi di quercia e cerro secolari crescono tra piante di pini e salici all’interno di un’ampia tenuta che si allarga per 250 ettari e custodisce anche antiche piante di olivo, Castello di Petroia (5)praterie su cui pascolano le Chianine e sentieri. In mezzo a tanta natura, il Castello di Petroia (PG), dalle origini millenarie, si erge maestoso sulla vecchia strada che congiunge Gubbio a Perugia, invitando a seguire i verdi percorsi ricavati da antichi cammini rurali. Si tratta di oltre 10 km di sentieri che si ricongiungono anche al Sentiero Francescano della Pace e si inoltrano in una foresta di 12 ettari con almeno 6mila piante diverse. Un luogo di totale rigenerazione e di silenzio, per un Forest Bathing originale nella natura e nelle storia. Prezzi a partire da 120 euro a camera con prima colazione. Tel. 075920287, www.petroia.it

Il bagno nella foresta del Parco Naturale Fanes – Sennes – Braies
Piante di pino mugo, abete rosso, larice ed un ricco sottobosco di mirtilli e rododendri disegnano il Parco Naturale Fanes – Sennes – Braies, un’immersione nella natura Excelsior Dolomites Life Resort (3)dolomitica da praticare seguendo punti di vista sempre diversi dall’Excelsior Dolomites Life Resort di San Vigilio di Marebbe (BZ). Pascoli alpini punteggiati da specchi d’acqua e ruscelli tra cime altezzose si lasciano esplorare ad un passo dal resort, che come membro dei “Wanderhotels” è tra i migliori hotel alpini per le escursioni, e propone esperienze guidate 7 volte la settimana, per momenti di Forest Bathing unici. Il resort non a caso ha vinto l’Active Hotel Award 2019 nella categoria sport di montagna. L’immersione nella natura è continua, anche dall’Excelsior Dolomites Lodge, splendida struttura di design, con 16 camere deluxe e suite da sogno con pareti di vetro, Infinity Pool sul rooftop e Dolomites Sky Spa per adulti. Prezzi da 153 euro a persona nel Dolomites Lodge con pensione gourmet. Tel. 0474501036, www.myexcelsior.com

L’atmosfera dei boschi è spirituale in Alta Val di Non
Il Forest Bathing è un’esperienza che si può fare dentro e fuori l’Hotel Zum Hirschen di Senale – San Felice (BZ), storico ostello di pellegrinaggio dell’Alta Val di Non, che ha Hotel Zum Hirscher - Esterno - Credit Armin Terzer (5)conservato la sua spiritualità nel contatto con la natura. L’albergo è stato ristrutturato con legni di larice, abete rosso e betulla, porfido e lana cotta, ed è circondato da boschi in cui esplorare canyon e sentieri escursionistici, foreste di abeti rossi, laghi alpini come il Lago di Tret, i percorsi nella natura del Monte Luco. Un luogo in cui rallentare, ritrovare l’essenziale, l’equilibrio del corpo e l’armonia dell’anima. Concetti che si esprimono anche nelle ricette del Ristorante CERVO, a base di prodotti biologici locali, tra cui il tarassaco e il radicchio, e nella sauna finlandese bio con vista sul fienile. Prezzi a partire da 90 euro a persona al giorno. Tel. 0463886105, www.zumhirschen.com

Lungo i percorsi della salute della Valle Aurina
Tra le sue 80 maestose vette da 3mila metri della Valle Aurina, Sabrina Innerhofer, la guida escursionistica dell’Alpenpalace Luxury Hideaway & Spa Retreat –5 stelle a San Alpenpalace - Esterno Estate (2)Giovanni (BZ) – accompagna gli ospiti in un’esperienza di Forest Bathing speciale. Conduce i visitatori lungo i percorsi della salute, che partono da Rio Bianco e si inoltrano nei boschi: prima sul sentiero delle erbe, per riconoscere il tarassaco, l’achillea, il timo selvatico e le altre varietà, per imparare come utilizzarle in cucina e per trattamenti estetici; poi sul sentiero per l’attività fisica, dove si cammina facendo esercizi di respirazione tra le essenze della natura. Infine, via le scarpe, per sentire a piedi nudi il contatto con la terra e migliorare la circolazione e poi immergersi in acqua in un percorso kneipp naturale. Con il pacchetto “Rose alpine e prati montani” dal 20 maggio al 28 giugno 2020, 7 notti in mezza pensione e uso della Spa, escursione guidata nella Valle Aurina in fiore, nordic walking guidato, viaggio in carrozza, cerimonia del bagno Spa Alpin alla rosa o alle erbe, ingresso a Castel Tures e nel Museo dei Minerali, sono a partire da 1.162 euro a persona. Un bambino fino a 14 anni soggiorna gratis. Tel. 0474670230, http://www.alpenpalace.com

Il Lago è il lifestyle delle vacanze in libertà recuperando la percezione del tempo

Riceviamo e pubblichiamo
Per nuotare tra scenari alpini unici, praticare sport acquatici, rilassarsi grazie alla calma che infonde il contatto con l’acqua. Le migliori strutture sui laghi più affascinanti d’Italia.

Al mare o in montagna? Un po’ tutte e due, ma al lago, dove rilassarsi fuori dal caos della città, scoprire luoghi naturali meravigliosi oltre le solite rotte, recuperare la percezione del tempo e godere della bellezza di specchi d’acqua immersi nel verde e tra le cime, in cui tuffarsi, nuotare, esplorare e poi prendere il sole, in totale libertà. Ecco le strutture top per vacanze al lago super rigeneranti.

LAGHI NABI (CE)
È la prima Oasi Naturale della Campania e nasce dalla riqualificazione ambientale di ex cave di sabbia in stato di abbandono su un’area di circa 400mila mq. Laghi Nabi, sul Laghi Nabi - Panoramica (3)Litorale Domizio (CE), è un luogo unico nel suo genere in cui l’acqua disegna un paesaggio fatto di specchi e di natura, integrando la bioarchitettura con la rigenerazione del territorio. Godersi le vacanze su questi laghi non è solo fare giri in canoa, barca a vela o pedalò, ma anche soggiornare sospesi sulle acque, grazie alle tende e lodge luxury galleggianti del primo Glamping del Sud Italia, con strutture removibili che non incidono sull’ambiente. C’è inoltre il Plana Resort & SPA, con camere e centro benessere. Tante le attività che qui vengono organizzate, dai corsi di yoga sul prato ai pic nic nel verde, alle cene romantiche servite in tenda, per godere del relax cullati dalla pace che infonde il contatto con l’acqua. Prezzi a partire da 220 euro a notte per il soggiorno nel Glamping per 2 persone e da 80 euro a camera in hotel. Tel. 0823764044, www.laghinabi.it

LAGO DI COSTALOVARA (BZ)
È balneabile e le sue acque sono purissime, tanto da far parte degli ingredienti della linea cosmetica BergSea ideata dall’Hotel Weihrerhof di Soprabolzano (BZ), intima Hotel Weihrerhof - Lago(1)casa sulle rive del Lago di Costalovara. Nella stagione calda le acque del lago variano dai 23° ai 26°, invitando a nuotate con lo sguardo sull’Altopiano del Renon. La struttura è concepita come un luogo per ritrovare se stessi in armonia con l’ambiente. Qui si può andare in barca a remi, fare un giro in pedalò o in kayak, salire su una tavola di stand up paddle. Al centro del lago c’è una piccola isola privata con pontile in legno, dove fare colazione sotto un tetto di foglie. Si può nuotare anche nella piscina interna riscaldata vista lago o rilassarsi nell’esclusiva sauna ricavata nella rimessa per le barche e nel rigoglioso giardino sul lago. Non manca la SPA e il ristorante che prepara piatti regionali e di stagione, con erbe aromatiche dell’orto di casa. Prezzi a partire da 99 euro a persona al giorno. Tel. 0471345102, www.weihrerhof.com

LAGO DI GARDA (BS)
È il principale lago italiano, con la sua superficie di circa 370 km² dominata da verdi colline digradanti che d’estate, al tramonto, si colorano di spettacolari sfumature di luce. Ma per ammirarlo da una vista privilegiata, bisogna raggiungere il Romantik Boutique Hotel Villa Sostaga di Gargnano (BS), albergo di charme che coniuga il fascino della Romantik Boutique Hotel Villa Sostaga - Vista sul Lago di Garda (1) - Copiadimora storica al calore e all’eleganza di una villa privata. Per raggiungerlo, si percorre un sentiero in mezzo al bosco, in declivio sull’acqua, fino a scorgere un sorprendente panorama. La veduta sul lago è sempre in primo piano: accompagna una rilassante pausa sui letti a baldacchino a bordo della piscina riscaldata, oppure nel parco con un buon bicchiere di vino in mano, o ancora nella vasca idromassaggio panoramica e nella piccola Spa con bagno di vapore e area riposo. Il Lago di Garda è protagonista anche a tavola, fin dalla colazione sulla terrazza oppure nel gazebo del parco, e al ristorante, a pranzo e a cena, mentre si assaporano le specialità di una tradizione gastronomica decennale. Prezzi a partire da 220 euro a notte. Tel. 03651945296, www.romantikhotels.com

LAGO DI GARDA (TN)
Sul versante trentino del Lago di Garda, un lussuoso 5 stelle circondato da un elegante parco affacciato sul bellissimo specchio d’acqua diventa la preziosa esperienza degli Lido Palace - Dettaglio Suite (4)ospiti del Lido Palace di Riva del Garda (TN), dove la ricerca del wellness più esclusivo si fonde con l’enogastronomia di qualità.  La CXI SPA è il gioiello di benessere in cui provare rituali wellness particolari e all’avanguardia, per riscoprire, soprattutto in virtù del panorama lacustre d’impareggiabile splendore, quell’armonia tra corpo e ambiente troppo spesso sacrificata ai doveri quotidiani. Una sintonia che si ritrova anche grazie alle suggestive escursioni guidate sulle montagne del Garda Trentino, a picco sul lago. Con l’offerta speciale Stay 3 pay 2, la terza notte su un soggiorno di almeno due notti nella camera preferita è gratuita. Il prezzo a partire da 410 euro a camera include l’ingresso alla favolosa CXI Spa e la colazione giornaliera a buffet. Tel. 0464021899, www.lido-palace.it

LAGO D’ISEO (BS)
Un albergo di particolare eleganza sulla collina circondata da verdi boschi che abbraccia con un solo sguardo il Lago d’Iseo, spaziando fino al Monte Isola e poi alle cime della Valle Camonica. Il Romantik Hotel Relais Mirabella Iseo di Clusane sul Lago (BS) è Romantik Hotel Relais Mirabella Iseo. jpg (1)immerso tra gli ulivi da cui si estrae l’olio extravergine d’Oliva Laghi Lombardi e i vigneti del pregiato Franciacorta ed è la meta ideale per scoprire le bellezze del lago, i suoi variegati paesaggi naturali, i parchi, le riserve e le grotte, percorrendo i tracciati ciclabili o i sentieri che si snodano dalla montagna alle sue rive, le vie ferrate e le arrampicate, il golf sui campi attrezzati, ma anche gli sport sull’acqua. Il ristorante, approdo gourmet dei buongustai più esigenti in cui provare piatti a base di pesce del lago, ha la vista sul Lago d’Iseo e la terrazza si sporge come un giardino pensile sullo specchio d’acqua. L’estate è anche occasione per rilassarsi nella piscina esterna e godersi la vista al tramonto, circondati da un parco di circa 70 ettari. Prezzi a partire da 130 euro a notte. Tel. 0309898051, www.romantikhotels.com

LAGO DI DOBBIACO (BZ)
La vista sul Lago di Dobbiaco (BZ) e sul cielo stellato è unica dagli esclusivi glass cube degli Skyview Chalets, a pochi chilometri dalle Tre Cime di Lavaredo.  Ogni glass cube Skyview Chalets (1)nell’abbraccio del bosco – pensato per favorire il relax anche grazie alla presenza dei trucioli di cirmolo – ha la propria Spa privata con sauna a infrarossi e una zona con pareti e tetto totalmente trasparente, per immergersi nel paesaggio. Nella versione deluxe, lo chalet vanta anche una jacuzzi nel terrazzo panoramico. Al di sotto della reception c’è un’enoteca per degustare pregiati vini. Ma la colazione, biologica e a base di prodotti locali, viene servita direttamente davanti la porta dello Chalet. La vista sul Lago di Dobbiaco è fantastica anche dal ristorante “Il Fienile”, in cui assaporare piatti tipici altoatesini reinventati con prodotti a Km 0. Prezzi a partire da 249 euro per Chalet al giorno. Tel. 0474973138, www.skyview-chalets.com

LAGHI ALPINI tra Alta Val di Non e Val D’Ultimo (BZ)
Seguendo le impronte dell’acqua tra Trentino e Alto Adige, a partire dallo Zum Hirschen di Senale-San Felice (BZ), refugium di piacere per amanti della montagna, si scopre il Lago di Tret, conosciuto da escursionisti e famiglie che approfittano del sole e del clima mite per rilassarsi, pescare e fare il bagno. Una passeggiata semplice tra i Hotel Zum Hirschen - Lago Santa Maria a San Felice - Credit Alex Filz (4) - Copiaboschi di larici e prati dell’Alta Val di Non. Ma vicino all’hotel che sposa la slow-sophia come stile di vita, c’è anche il laghetto del Monte Luco (2182 metri) sulle cui rive erbose si può sostare per un pic nic o un riposino, prima d’incamminarsi verso la vetta segnata dalla croce di legno; celebre è anche il bacino Zoggler, in Val d’Ultimo, il più grande lago artificiale dell’area, lungo circa 2 chilometri e dall’imponente diga, alta 66,5 metri. Perfetto per un’escursione con tutta la famiglia è, inoltre, il Lago Smeraldo di Fondo (TN): la passeggiata che dal centro del paese porta al canyon e al lago (balneabile in estate e molto suggestivo) è una piccola meraviglia della Val di Non. Prezzi a partire da 90 euro a persona al giorno. Tel. 0463886105, www.zumhirschen.com/it  (foto Alex Filz)

LAGO DI CAREZZA in Val d’Ega (BZ)
Una delle più affascinanti leggende della Val d’Ega narra la storia del Lago di Carezza, Val d'Ega - Lago di Carezza (7)luogo imperdibile da visitare a partire dal Romantik Hotel Post Cavallino Bianco di Nova Levante (BZ), relais romantico ed elegante immerso in un parco naturale di 45mila mq nel cuore delle vette dolomitiche. Tra le acque smeraldo del Lago di Carezza viveva una sirena. Uno stregone si innamorò del suo canto e per conquistarla, aiutato dai consigli di una strega, creò un arcobaleno colorato, con gemme pregiate incastonate, che dal monte Catinaccio arrivava fino al Letemar. La sirena rimase stupita da questa meraviglia, ma alla vista del mago si spaventò e tornò in Romantik Hotel Post - credit Irene Ferri 14 (4)acqua. Lo stregone deluso dalla fuga strappò l’arcobaleno dal cielo e tutte le sue pietre preziose caddero nel lago. Sarà per questo che oggi il Lago di Carezza incanta coloro che lo raggiungono a piedi o in mountain bike, attraversando i boschi di abete che in queste acque limpide si specchiano insieme alle vette. Questa è una delle tante escursioni che si possono fare partendo dal Romantik Hotel Post Cavallino Bianco, fra 116 km di sentieri. Il lago diventa inoltre straordinario palcoscenico di concerti live ed eventi speciali. Prezzi a partire d 95 euro a persona al giorno. Tel. 0471613113,  www.romantikhotels.com (foto Irene Ferri)

Vacanze Ecorelax: ridurre l’impatto sul pianeta… quando si tornerà alla normalità

Riceviamo e pubblichiamo
Per ridurre il nostro impatto sul pianeta. Nelle strutture che fanno della tutela della natura una priorità, all’insegna del turismo sostenibile.

Viaggiare cercando di ridurre l’impatto sulla salute del pianeta. Si chiama turismo sostenibile e considera la tutela dell’ambiente come una priorità, cercando di eliminare il più possibile le diverse fonti di inquinamento, dall’uso dell’auto al consumo di energia, dalla scelta di cibi biologici e locali all’uso di materiali ecologici. La crisi climatica indica che è sempre più necessario preoccuparsi della salvaguardia della natura, anche quando si va in vacanza. Per questo è bene optare per strutture in cui vivere esperienze di ecorelax.

Risparmio energetico e di carburante tra le Dolomiti
È a basso consumo energetico il nuovo Dolomites Lodge dell’Excelsior Dolomites Life Resort di San Vigilio di Marebbe (BZ), che oltre a dare la sensazione di una vera e propria immersione nel paesaggio del Parco Naturale di Fanes-Senes-Braies, grazie al Excelsior-Dolomites-Life-Resort-1tipo di architettura con pareti di vetro, è stato costruito come “CasaClima classe A”, utilizzando materiali naturali, tra cui pietra, legno, ferro e vetro. Un impianto di cogenerazione produce parte dell’energia elettrica della struttura, trasformando il gas naturale in calore e contribuendo a risparmiare circa il 20% di energia. La piscina panoramica con vasca in poliuretano consuma il 30% in meno rispetto ad una vasca in acciaio o di cemento. Inoltre, c’è una grande attenzione alla mobilità sostenibile, che coinvolge l’intero paese di San Vigilio di Marebbe: il personale alloggia nel resort, gli ospiti lasciano l’auto in garage e possono spostarsi con i mezzi pubblici, dunque tutti si muovono a piedi. In inverno, dalla ski room si accede direttamente con gli sci ai piedi alle piste del Plan de Corones collegate alla Sellaronda. In estate, dall’Excelsior partono tour in bicicletta e il resort mette a disposizione un bus escursionistico gratuito. Con la Summercard tutti i mezzi e le cabinovie dell’Alto Adige si possono prendere gratis. Tel. 0474501036, www.myexcelsior.com

Il Glamping dalle strutture removibili nella prima Oasi Naturale della Campania
Dalla rigenerazione ambientale delle ex cave di sabbia di un’area di 400mila mq del Litorale Domizio (CE) è nato Laghi Nabi, la prima Oasi Naturale della Campania, Laghi Nabi (47)esempio di turismo green che restituisce nuova vita ad un luogo abbandonato e nello stesso tempo ne valorizza il patrimonio naturale e storico. Si può soggiornare sospesi sulle acque dei laghi nelle strutture removibili del Glamping, tende e lodge eleganti, che preservano il luogo, il suo regno animale e vegetale, attraverso un’immersione totale nell’ambiente. Inoltre a Laghi Nabi, che ospita anche la struttura alberghiera a 4 stelle Plana Resort & SPA, si può pedalare sulla pista ciclabile luminescente più lunga del mondo (1 km e mezzo) costruita secondo criteri di economia circolare, con pietre che catturano naturalmente la luce del sole sprigionandola poi di notte e risparmiando energia. Tel. 0823764044, www.laghinabi.it

Disconnessi da internet e connessi con l’ambiente in Alta Val di Non
Architettura che valorizza la storia del luogo, risparmio energetico, l’invito a spegnere dispositivi elettronici e a disconnettersi da internet, attenzione per le produzioni alimentari del territorio. Il relax è contemplazione ed ecologia all’Hotel Zum Hirschen Hotel-Zum-Hirscher-Esterno-Credit-Armin-Terzer-11di Senale-San Felice (BZ), in Alta Val di Non eletto albergo storico dell’anno della provincia di Bolzano nel 2019, per aver saputo trasformare un’antica dimora di pellegrinaggio in un refugium del XXI secolo. Certificato CasaClima, invita a dormire in stanze senza televisione, dove la sera anche il wifi si spegne. Materiali locali come il larice e il porfido, l’abete rosso e la betulla, la lana cotta e il feltro completano la dimensione naturale della struttura, il cui Ristorante CERVO predilige una cucina di stagione, ispirata alla slow-sofia dell’hotel. Le essenze del bosco, come il tarassaco, diventano ingredienti di piatti prelibati, secondo i saperi del parroco erborista Weidiger e i principi salutari descritti già nel Medioevo da Hildegard von Bingen, che concepiva la cucina come uno strumento di benessere e di disintossicazione. A queste si uniscono le produzioni locali e del maso contadino come lo speck, il burro di piretro, crema di formaggio di capra, pesto al radicchio tardivo e diverse tipologie di pane come quello alla curcuma e con la zucca, quello alla barbabietola rossa o al segalino fatto al maso. Tel  +390463886105, www.zumhirschen.com – (foto di Armin Terzer)

Materiali ecosostenibili nell’anima delle Dolomiti, in Val d’Ega
Se c’è un luogo in cui sentirsi completamente in simbiosi con l’ambiente quello è il Oberholzrifugio Oberholz, che con il suo design visionario a forma di capanna con tre grandi vetrate dà la reale sensazione di poter toccare da vicino, almeno con lo sguardo, le Dolomiti. È stato costruito con materiali ecosostenibili, tra cui legno di larice e abete rosso, a 2096 metri di altitudine, a monte della seggiovia di Nova Ponente (BZ), in Val d’Ega, e propone piatti della tradizione rivisitati. Val d’Ega Turismo, Tel. 0471619500, www.valdega.com

L’albergo diffuso del Molise che difende la biodiversità
Dall’idea di fare dell’ambiente il bene più prezioso e motivo di sviluppo di un territorio che si era avviato allo spopolamento, è nato l’albergo diffuso Borgotufi di Castel del Giudice (IS), sull’Appennino molisano al confine con l’Abruzzo. Le vecchie case abbandonate sono state trasformate in casette di pietra per gli ospiti, utilizzando Castel del Giudice - Borgotufi (5)materiali originari perfettamente integrati nel paesaggio decorato di boschi e cime. Dalle terrazze si possono ammirare i filari delle mele biologiche Melise, coltivate senza pesticidi, e cresciute recuperando terreni fino a qualche tempo fa destinati all’incuria e sui quali oggi ronzano le api del 1° Apiario di Comunità d’Italia, termometro di biodiversità. Vicino ai meleti ci sono le piante di luppolo e orzo del nuovo birrificio agricolo Maltolento, una delle sfide vinte da questo paesino virtuoso, dove il turismo sostenibile e il ritorno alla terra sono un mantra. Con il Piano del Cibo di Castel del Giudice, infatti, è stata istituita una food policy per ridurre gli sprechi alimentari, restituire altri terreni all’agricoltura biologica e fare della salvaguardia ambientale uno stimolo all’economia locale. Tel. 0865946820, www.borgotufi.it

Laghi Nabi: il Glamping sostenibile su piattaforme galleggianti e lungo il lago

Riceviamo e pubblichiamo
Sarà uno dei più grandi del Sud Italia, il Glamping di Laghi Nabi apre con i suoi lodge e tende glamour il 27 marzo 2020 nell’oasi naturale rigenerata del Litorale Domizio (CE). Dove a Pasqua si vola in mongolfiera. 

Eleganti lodge e tende glamour diventano parte di un paesaggio protetto dove gli alberi e Laghi Nabi (47)la rigogliosa vegetazione si specchiano sui laghi, in un continuo e armonioso dialogo che gioca con i colori del cielo. Sono le innovative ed ecosostenibili strutture del Glamping di Laghi Nabi, Oasi Naturale della Campania sul Litorale Domizio (CE) nata dalla rigenerazione ambientale di ex cave di sabbia in stato di abbandono.
Uno dei più grandi nel Sud Italia, il Glamping di Laghi Nabi apre agli ospiti il 27 marzo 2020, poco prima di Pasqua, per un’immersione nei profumi e nei colori della primavera, in un posto che rappresenta un esempio Laghi Nabi (19)virtuoso di turismo sostenibile.
Le tende e i lodge removibili sul lago fanno parte di un universo naturale in cui vivere giornate all’aria aperta in libertà: dalla colazione sul pontile di legno della tenda del Glamping ad un romantico pic nic sulla riva del lago; da una passeggiata in bicicletta ad un giro in pedalò; dall’emozione di imparare a pilotare una barca a vela a quella di scrutare le tante varietà di uccelli nascosti tra gli alberi, praticando birdwatching.
E poi, partecipare a corsi di yoga e pilates sul prato, andare a cavallo, grazie al vicino maneggio, navigare in canoa sui laghi oppure in kayak, o magari rilassarsi su un’amaca e Laghi Nabi (56)terminare la giornata con una cena romantica servita nella tenda.
È come vivere una vacanza in campeggio, ma con tutti i comfort di un hotel e la meraviglia di dormire sospesi o guardado il lago, in un luogo dal grande valore ambientale restituito alla natura.
Un’oasi dove l’auto resta ferma e ci si può muovere in bicicletta sempre, anche di notte, perché qui c’è una pista ciclabile luminescente, la più lunga del mondo di questo tipo.
L’occasione per sperimentare l’esclusivo relax galleggiante del Glamping si fa ancora più Laghi Nabi (64)interessante a Pasqua, quando con il bel tempo sarà possibile volare a bordo di una mongolfiera ancorata, per ammirare dall’alto il mare del Litorale Domizio e spingere lo sguardo fino all’isola di Ischia. Oltre al Nabi Resort Glamping& Spa ed al Ristorante Laghi Nabi ospita anche una struttura alberghiera a 4 stelle, il Plana Resort.
Da marzo 2020, prezzi a partire da 220 euro a notte per il soggiorno nel Glamping per 2 persone e da 80 euro a camera in hotel.

Laghi Nabi
Litorale Domizio (CE)
Tel:0823764044
E-mail: info@laghinabi.it
Sito web:www.laghinabi.it
FB: https://www.facebook.com/laghinabi/

La rinascita dei luoghi dimenticati

Riceviamo e pubblichiamo
Rischiavano l’abbandono, ma grazie all’intraprendenza della comunità e alla forza delle idee, oggi sono esempi di turismo sostenibile e di rigenerazione sociale, culturale ed economica.

Sembravano destinati a sparire, ma oggi sono loro i protagonisti. Interpreti vincenti di unnamedrigenerazione sociale e motore di sviluppo sostenibile. Sono i luoghi quasi dimenticati, che per un periodo grigio del loro passato hanno rischiato l’abbandono e di perdere la propria identità, ma che oggi, grazie all’intraprendenza di comunità attive e lungimiranti, hanno ritrovato una nuova vita, divenendo simbolo virtuoso di rinascita sociale, culturale, economica e turistica. Paesi quasi fantasma, castelli e chiese che stavano per sgretolarsi davanti all’incuria del tempo, luoghi d’arte ed importanti pezzi di cultura quasi avviati all’oblio dei ricordi, hanno saputo trasformare debolezze in opportunità, diventando artefici del proprio futuro e attirando ora tanti visitatori pronti ad immergersi nella loro storia divenuta laboratorio di idee buone, esempio vero di resilienza. Ecco dove vivere la rinascita dei luoghi dimenticati.

Castello-di-Padernello-Esterno-Foto-di-Virginio-Gilberti-13

Foto di Virginio Gilberti

Il castello abbandonato diventa un’impresa sociale
Stava crollando con tutti i suoi affascinanti misteri, opere d’arte e antiche storie. Invece oggi il Castello di Padernello (BS), maniero quattrocentesco della Bassa Bresciana, è un esempio virtuoso di generatività sociale, centro di competenza di “economia circolare” e scrigno di iniziative culturali. Il suo restauro, dal 2006, grazie ad un accordo pubblico-privato e alle attività di valorizzazione della Fondazione Castello di Padernello, ha restituito un nuovo avvenire anche al borgo rurale di Padernello, frazione di Borgo San Giacomo, ed ha evitato di cancellare 600 anni di storia. Nato come torre di avvistamento alla fine del 1300 e poi costruito dalla famiglia Martinengo nel 1400 ed ampliato nei secoli successivi, dopo la morte dell’ultimo padernello mastioproprietario, il Conte Salvadego, nel 1965, il Castello di Padernello era rimasto abbandonato e le sue cucine crollate. Grazie al Comune e all’accordo con imprenditori locali, è stato recuperato ed ora attrae tanti turisti pronti a compiere un viaggio tra diverse epoche storiche, fra soffitti affrescati, mobili di artigianato, le cucine databili tra il ‘400 e il ‘500, la sala da pranzo di gusto settecentesco, le biblioteche e l’originale ponte levatoio, ancora funzionante. Con la rinascita del Castello, è stato rigenerato il tessuto sociale del territorio, sono nate nuove occasioni di lavoro. Si organizzano visite guidate (tutti i giorni tranne il lunedì), eventi, mostre d’arte, iniziative per promuovere stili di vita sostenibili, come il Mercato della Terra di Slow Food, che incentiva i contadini locali a recuperare la biodiversità delle colture e le coltivazioni autoctone di un’area circondata da agricoltura intensiva.
Tel. 0309408766, www.castellodipadernello.it

Castel-del-Giudice-Panorama-Credit-Emanuele-Scocchera

foto Emanuele Scocchera

Il borgo spopolato ora è simbolo di turismo sostenibile
L’autodeterminazione di una comunità, che ha saputo ridisegnare lo sviluppo del proprio territorio, è stata fondamentale per il ritorno alla vita di Castel del Giudice (IS), piccolo borgo dell’Appennino molisano, al confine con l’Abruzzo, che non si è arreso davanti alla scure dello spopolamento, divenendo simbolo di rinascita delle aree interne d’Italia. Dai terreni che erano stati abbandonati, dal 2003 è nata l’azienda agricola Melise che coltiva mele biologiche, recuperando le oltre 60 varietà di frutti autoctoni. La mela zitella, la gelata, la limoncella e le altre sono anche i nomi delle strade dell’albergo diffuso Borgotufi, un’altra scommessa vinta da Castel del Giudice: la trasformazione delle case e stalle in disuso in strutture ricettive in legno e pietra locale perfettamente integrate con il paesaggio. Un piccolo borgo nel borgo, che tra le sue casette, che si affacciano sui boschi e le vette appenniniche, custodisce anche un ristorante e un centro benessere. Vicino al meleto è nato il primo Apiario di Comunità d’Italia, che integra l’apicoltura e l’agricoltura a tutela dell’ambiente, e crescono le piante di luppolo e orzo del nuovissimo birrificio agricolo Maltolento. Iniziative che Castel del Giudice - Borgotufi - Neve (1)rispettano le linee del Piano del Cibo di Castel del Giudice, che prevede azioni relative al sistema agroalimentare locale all’insegna dell’ecologia e la riduzione degli sprechi alimentari. Le nuove opportunità di lavoro attraggono altri abitanti e giovani che hanno scelto di restare o di tornare. All’origine di tutto, la collaborazione vincente tra il Comune, un gruppo di imprenditori appassionati e la cittadinanza, ma soprattutto quella che il sindaco Lino Gentile definisce “imprenditoria affettiva”: la capacità di riconoscere e sfruttare in positivo le risorse di un territorio vocato all’agricoltura e alla biodiversità, in una calamita di idee innovative e di nuove piccole imprese che guardano tutte al ritorno alla terra, alla tutela dell’ambiente, al turismo sostenibile, come motivi fondamentali della loro esistenza ed economia. Visitatori da tutta Italia e dall’estero oggi giungono a Castel del Giudice e vivono rigeneranti vacanze tra le casette di Borgotufi. Tel. 0865946820, www.borgotufi.it
Laghi Nabi (5)La bioarchitettura che crea l’Oasi Naturale
Da una nuova idea di turismo, che coniuga bioarchitettura e rigenerazione del territorio, è nato sul Litorale Domizio (CE) il progetto Laghi Nabi, che racchiude il primo Glamping del Sud Italia, con strutture removibili che non incidono sull’ambiente e la struttura alberghiera (4 stelle) Plana Resort & SPA. Un’opera collettiva che ha portato alla rigenerazione ambientale delle ex cave di sabbia su un’area di circa 400milq mq, trasformando uno spazio abbandonato in un luogo che recupera la memoria storica e l’archeologia industriale e le valorizza, dando nuova linfa anche alla flora e alla fauna locali. Con Laghi Nabi è nata la prima Oasi Naturale della Campania, per un’esperienza di turismo all’insegna del contatto con la natura, l’eco sostenibilità e il benessere. Il Laghi Nabi (7)Glamping è totalmente immerso nel verde, con strutture removibili, tende e Lodge eleganti e curati che galleggiano sui laghi. Anche il Plana Resort & SPA, permette di rilassarsi nelle Suite e Camere Comfort oppure le Tende e Lodge Luxury galleggianti, vista lago o sulla sponda delle acque. C’è poi un ristorante, due bar, di cui uno in piscina, idro jacuzzi con idromassaggio, piscine, servizi SPA e aree massaggio. Un’altra meraviglia, che rispetta i criteri di economia circolare, è la pista ciclabile luminescente di un km e mezzo, la più lunga del mondo, realizzata con pietre luminose che catturano la luce del sole durante il giorno per poi regalare luminosità di notte, come avviene nella pista ciclabile olandese che richiama l’opera d’arte la “Notte Stellata” di Van Gogh, la Van Gogh-Roosegaarde Cycle Path di Nuenen, alle porte di Eindhoven. Un progetto innovativo, che rispetta l’ambiente e permette di risparmiare energia. Tel. 0823764044, www.laghinabi.it
parma san francesco 2La Chiesa – carcere rinasce come simbolo della Capitale Italiana della Cultura 2020
Una Chiesa trasformata in carcere rinasce grazie ad una raccolta fondi collettiva, per divenire simbolo della “Capitale Italiana della Cultura” per il 2020. È la storia di San Francesco del Prato di Parma, la Chiesa che dall’epoca napoleonica fino al 1992 divenne luogo di detenzione, ma che oggi sta tornando a splendere con tutto il suo valore storico e culturale. Grazie alla collaborazione tra la Diocesi, privati, fondazioni, aziende ed altri soggetti, al motto “Liberiamo San Francesco del Prato”, è stata avviata una campagna di raccolta fondi, con la quale, dopo la creazione di un comitato, sono stati recuperati circa 3,5 milioni di euro per restituire la Chiesa alla comunità sia come luogo di culto, che come fulcro di cultura. Il cantiere è stato aperto il 3 settembre 2018 e sta proseguendo secondo i chiesa san francesco pisa internoprogrammi prestabiliti, concentrandosi sulla fase di consolidamento strutturale e restauro della facciata, eliminando le inferriate del carcere che da oltre 200 anni deturpavano l’architettura. Adesso quelle grate sono state tagliate per divenire “pezzi di storia”, che fanno parte dei cofanetti consegnati a coloro che partecipano alla raccolta fondi, simboli tangibili della liberazione della Chiesa. Con le visite guidate, si può salire tra i 16 raggi del rosone e i decori della formelle policrome, ammirando la vista del centro storico dall’alto e la vicina cattedrale. Tante sono inoltre le iniziative culturali e musicali a cui si può partecipare, per contribuire alla  rinascita di un luogo che diventa patrimonio di tutti e che rende Parma ancora più unica. www.sanfrancescodelprato.it

Vacanze Ecorelax: per ridurre il nostro impatto sul pianeta

Riceviamo e pubblichiamo
Nelle strutture che fanno della tutela della natura una priorità, all’insegna del turismo sostenibile è possibile organizzare una vacanza che al tempo stesso riduce il nostro impatto sul pianeta. 

Viaggiare cercando di ridurre l’impatto sulla salute del pianeta. Si chiama turismo sostenibile e considera la tutela dell’ambiente come una priorità, cercando di eliminare il più possibile le diverse fonti di inquinamento, dall’uso dell’auto al consumo di energia, dalla scelta di cibi biologici e locali all’uso di materiali ecologici. La crisi climatica indica che è sempre più necessario preoccuparsi della salvaguardia della natura, anche quando si va in vacanza. Per questo è bene optare per strutture in cui vivere esperienze di ecorelax.

Risparmio energetico e di carburante tra le Dolomiti
È a basso consumo energetico il nuovo Dolomites Lodge dell’Excelsior Dolomites Life Resort di San Vigilio di Marebbe (BZ), che oltre a dare la sensazione di una vera e propria immersione nel paesaggio del Parco Naturale di Fanes-Senes-Braies, grazie al Excelsior-Dolomites-Life-Resort-Excelsior-Dolomites-Lodge-Dolomites-Panorama-Infinity-Pool-2tipo di architettura con pareti di vetro, è stato costruito come “CasaClima classe A”, utilizzando materiali naturali, tra cui pietra, legno, ferro e vetro. Un impianto di cogenerazione produce parte dell’energia elettrica della struttura, trasformando il gas naturale in calore e contribuendo a risparmiare circa il 20% di energia. La piscina panoramica con vasca in poliuretano consuma il 30% in meno rispetto ad una vasca in acciaio o di cemento. Inoltre, c’è una grande attenzione alla mobilità sostenibile, che coinvolge l’intero paese di San Vigilio di Marebbe: il personale alloggia nel resort, gli ospiti lasciano l’auto in garage e possono spostarsi con i mezzi pubblici, dunque tutti si muovono a piedi. In inverno, dalla ski room si accede direttamente con gli sci ai piedi alle piste del Plan de Corones collegate alla Sellaronda. In estate, dall’Excelsior partono tour in bicicletta e il resort mette a disposizione un bus escursionistico gratuito. Con la Summercard tutti i mezzi e le cabinovie dell’Alto Adige si possono prendere gratis. Tel. 0474501036, www.myexcelsior.com

Il Glamping dalle strutture removibili nella prima Oasi Naturale della Campania
Dalla rigenerazione ambientale delle ex cave di sabbia di un’area di 400mila mq del Litorale Domizio (CE) è nato Laghi Nabi, la prima Oasi Naturale della Campania, Laghi-Nabi-Panoramica-3-2esempio di turismo green che restituisce nuova vita ad un luogo abbandonato e nello stesso tempo ne valorizza il patrimonio naturale e storico. Si può soggiornare sospesi sulle acque dei laghi nelle strutture removibili del Glamping, tende e lodge eleganti, che preservano il luogo, il suo regno animale e vegetale, attraverso un’immersione totale nell’ambiente. Inoltre a Laghi Nabi, che ospita anche la struttura alberghiera a 4 stelle Plana Resort & SPA, si può pedalare sulla pista ciclabile luminescente più lunga del mondo (1 km e mezzo) costruita secondo criteri di economia circolare, con pietre che catturano naturalmente la luce del sole sprigionandola poi di notte e risparmiando energia. Tel. 0823764044, www.laghinabi.it

Disconnessi da internet e connessi con l’ambiente in Alta Val di Non
Architettura che valorizza la storia del luogo, risparmio energetico, l’invito a spegnere dispositivi elettronici e a disconnettersi da internet, attenzione per le produzioni alimentari del territorio. Il relax è contemplazione ed ecologia all’Hotel Zum Hirschen di Senale-San Felice (BZ), in Alta Val di Non eletto albergo storico dell’anno della provincia di Bolzano nel 2019, per aver saputo trasformare un’antica dimora di Hotel-Zum-Hirschen-Bar-Credit-Armin-Terzerpellegrinaggio in un refugium del XXI secolo. Certificato CasaClima, invita a dormire in stanze senza televisione, dove la sera anche il wifi si spegne. Materiali locali come il larice e il porfido, l’abete rosso e la betulla, la lana cotta e il feltro completano la dimensione naturale della struttura, il cui Ristorante CERVO predilige una cucina di stagione, ispirata alla slow-sofia dell’hotel. Le essenze del bosco, come il tarassaco, diventano ingredienti di piatti prelibati, secondo i saperi del parroco erborista Weidiger e i principi salutari descritti già nel Medioevo da Hildegard von Bingen, che concepiva la cucina come uno strumento di benessere e di disintossicazione. A queste si uniscono le produzioni locali e del maso contadino come lo speck, il burro di piretro, crema di formaggio di capra, pesto al radicchio tardivo e diverse tipologie di pane come quello alla curcuma e con la zucca, quello alla barbabietola rossa o al segalino fatto al maso. Tel  +390463886105, www.zumhirschen.com (foto Armin Terzer)

Cucina di stagione e trattamenti alle erbe in Valle Isarco
Nell’orto crescono le verdure che arricchiscono la cucina del Borgo dei Sapori, il Seehof-Nature-Retreat-1ristorante del Seehof Nature Retreat di Naz (BZ), vicino Bressanone, che fa delle vacanze nel rispetto dell’ambiente la sua principale vocazione. Piatti di stagione e poi prodotti locali e biologici sono serviti a colazione o sul pontile del lago in questo regno dell’ecorelax, che si affaccia su un laghetto naturale circondato da pini silvestri, fuori dalle solite rotte turistiche. Anche la Spa, con bio sauna panoramica, ha accesso diretto al lago ed utilizza le erbe del territorio, come melissa, arnica, calendula per i trattamenti. Tutto, anche le esperienze proposte per vivere il mondo naturale della Valle Isarco, sono pensate nel rispetto della natura, come lo yoga nel bosco o i tour in e-bike in estate o le passeggiate sulla neve in inverno. Tel. 0472412120, www.seehof.it

Materiali ecosostenibili nell’anima delle Dolomiti, in Val d’Ega
Se c’è un luogo in cui sentirsi completamente in simbiosi con l’ambiente quello è il Val-dEga-Rifugio-Oberholz-Credit-Oskar-Dariz-1rifugio Oberholz, che con il suo design visionario a forma di capanna con tre grandi vetrate dà la reale sensazione di poter toccare da vicino, almeno con lo sguardo, le Dolomiti. È stato costruito con materiali ecosostenibili, tra cui legno di larice e abete rosso, a 2096 metri di altitudine, a monte della seggiovia Oberholz di Nova Ponente (BZ), in Val d’Ega, e propone piatti della tradizione rivisitati. Val d’Ega Turismo, Tel. 0471619500, www.valdega.com (foto Oskar Dariz)

L’albergo diffuso del Molise che difende la biodiversità
Dall’idea di fare dell’ambiente il bene più prezioso e motivo di sviluppo di un territorio che si era avviato allo spopolamento, è nato l’albergo diffuso Borgotufi di Castel del Giudice (IS), sull’Appennino molisano al confine con l’Abruzzo. Le vecchie case Castel-del-Giudice-Borgo-di-sera-Credit-Emanuele-Scoccheraabbandonate sono state trasformate in casette di pietra per gli ospiti, utilizzando materiali originari perfettamente integrati nel paesaggio decorato di boschi e cime. Dalle terrazze si possono ammirare i filari delle mele biologiche Melise, coltivate senza pesticidi, e cresciute recuperando terreni fino a qualche tempo fa destinati all’incuria e sui quali oggi ronzano le api del 1° Apiario di Comunità d’Italia, termometro di biodiversità. Vicino ai meleti ci sono le piante di luppolo e orzo del nuovo birrificio agricolo Maltolento, una delle sfide vinte da questo paesino virtuoso, dove il turismo sostenibile e il ritorno alla terra sono un mantra. Con il Piano del Cibo di Castel del Giudice, infatti, è stata istituita una food policy per ridurre gli sprechi alimentari, restituire altri terreni all’agricoltura biologica e fare della salvaguardia ambientale uno stimolo all’economia locale. Tel. 0865946820, www.borgotufi.it (foto Emanuele Scocchera)

Laghi Nabi: sul Litorale Domizio (CE), la prima Oasi Naturale della Campania

Riceviamo e pubblichiamo
Laghi Nabi: un luogo che conserva e valorizza la memoria storica e l’architettura industriale del territorio, uno spazio che integra il mondo della natura e quello della bioarchitettura per dare vita a un turismo realmente ecosostenibile.

Laghi-Nabi-15Una nuova idea di turismo fatta di strutture costruite all’insegna della bioarchitettura e nel rispetto della natura. Di sicuro,un’opera collettiva che ha portato alla rigenerazione ambientale delle ex cave di sabbia situate sul Litorale Domizio, un’area di circa 400mila mq trasformata in qualcosa di completamente diverso e forse impensabile solo fino a pochi anni fa. Laghi Nabi, quindi, è un racconto d’amore verso il territorio. La narrazione della voglia di rivalutare uno spazio abbandonato senza dimenticare la sua memoria storica, anzi valorizzandola attraverso bonifiche e rigenerazione di flora e fauna.
Il progetto Laghi Nabi ha così portato alla nascita della prima Oasi Naturale della Campania, capace di trasformare la percezione tradizionale di turismo e relax in un’esperienza nuova, che porta a contatto diretto con la natura, in un mondo protetto, all’insegna dell’eco sostenibilità e del benessere.
Laghi-Nabi-24Nell’area convergono il primo Glamping del Sud Italia e la struttura alberghiera (4 stelle) Plana Resort & SPA.
Il Glamping è totalmente immerso nella natura con strutture removibili e interventi reversibili nel rispetto dell’ambiente e della fauna. Tende e Lodge in stile Luxury galleggiano letteralmente sui laghi adagiando su sponde e pontili fluttuanti per un risveglio nella e con la natura. Un soggiorno ideale per chi vuole rilassarsi e dedicare del tempo a sé stesso, circondato da un’oasi naturale e in un mondo protetto.
Il Plana Resort & SPA, struttura alberghiera (4stelle), offre la possibilità di godere di un soggiorno ricco di comodità e relax grazie a Suite e Camere Comfort, Tende e Lodge Luxury vista lago, Tende e LodgeLuxury sulla sponda o galleggianti. La struttura è poi dotata di un ristorante, due bar, di cui uno in piscina, idro jacuzzi con idromassaggio, piscine, servizi SPA e aree massaggio.
A pochi chilometri dalle principali mete turistiche e città d’arte della Campania, Laghi Nabi, consente di entrare in una dimensione inedita, dove ci si può svegliare nella natura e staccare la spina nel massimo del comfort, del benesseree nel pieno rispetto della natura.
Laghi-Nabi-42-Ai Laghi Nabi gli occhi si aprono per godere di un paesaggio naturalistico che convive con affascinanti esempi di architettura industriale. Un piacere unico amplificato anche dalla possibilità di usufruire e praticare le attività acquatiche (canoe, pedalò,lezioni di vela) e sportive (mountain bike, birdwatching, lezioni di equitazione) in impianti e spazi progettati nel segno di un autentico turismo ecosostenibile. Grazie al lavoro sinergico di tutte le professionalità coinvolte, l’area di Laghi Nabi vanta la prima pista ciclabile a luminescenza naturale d’Italia, caricata attraverso i raggi del sole di giorno e luminosa di notte. Un esempio di sostenibilità ambientale, risparmio energetico e rispetto della fauna e della flora.
Aperta tutto l’anno, Laghi Nabi è l’Oasi Naturale frutto di un sogno comune, la storia di un territorio e della sua nuova anima.

Per informazioni: Laghi Nabi
Litorale Domizio (CE)
Tel: 0823764044 – E-mail: info@laghinabi.itwww.laghinabi.it
FB: https://www.facebook.com/laghinabi/