Appunti Musicali… in breve: Octopuss, “Gin Tonic” & Josh Whittaker, Cristiana Verardo e Frank!

rubrica a cura di Fabrizio Capra
Octopuss: il powertrio torna in Europa con il singolo “Miami Airport”. “Too Late" il singolo di Alessio Vetrano alias “Gin Tonic” & Josh Whittaker feat. Dandy Turner. Cristiana Verardo pubblica "Maledetti ritornelli". Chinotto, il nuovo singolo di Frank.

OCTOPUSS
Miami Airport 
è il nuovo singolo degli Octopuss, in uscita il 21 maggio per Freecom/ZdB. Il trio italiano, dopo circa un migliaio di date tenute in 3 continenti, Europa, Nord America ed Asia, condividendo il palco con star internazionali come Deep Purple e Scorpions e dopo essere diventati una delle band europee più importanti in territorio cinese, sceglie proprio il singolo “Miami Airport” per tornare dove tutto è cominciato. Il brano, registrato ai leggendari SHANGRI-LA Studios di Malibu, in California, prodotto e mixato da Octopuss e dal producer multiplatino Gary Miller, racchiude il successo di un lungo viaggio, partito da lontano. Il classico dna da Power Trio – chitarra, basso e batteria – produce nel brano un sound dal carattere rock con una forte enfasi funk, moderno ma al contempo vintage, a metà tra i Primus e The Jimi Hendrix Experience, con un pizzico di sound “Motown” tra le righe del groove poderoso, di vuoti sonori ed esplosioni ritmiche. L’ilare linea vocale di Miami Airport, il cui spunto è l’assurdità di un dialogo cui la band ha realmente assistito all’ufficio Lost&Found dell’aeroporto di Miami, è un sagace e minimale ammiccamento allo stile brillante del Frank Zappa più ironico, la cui musica è una delle influenze preferite della band. Il brano rappresenta appieno l’infiammata carica live della band, immancabile punto fermo delle potenti esibizioni degli Octopuss, veri e propri animali da palcoscenico. Il singolo è pubblicato da una cordata collettiva nata sul modello dell’etichetta CRAMPS, in cui ZDB ha uno storico di collaborazioni con gli artisti della militante etichetta milanese, mentre Freecom sviluppa contenuti creativi ed aggrega progetti ed etichette tematiche. Autori: Enrico Michelangelo Beretta, Marco Castellani, Luca Mario Capasso – Produzione: Octopuss – Engineering: Eric Lynn, Beej Chaney, Federico Bortoletto – Mixing: Gary Miller, Dan Persoglio&Octopuss – Mastering: Dan Persoglio.

GIN TONIC & JOSH WHITTAKER
Esce oggi su tutte le piattaforme digitali “Too Late”,  il nuovo singolo nato dal sodalizio fra il cantautore inglese Josh Whittaker (Joshua Whittaker), già nella top 3 degli Young Songwriters del Regno Unito secondo la BBC, ed il producer messinese Gin Tonic (Alessio Vetrano), quest’ultimo fra gli artisti in ascesa nel panorama musicale non solo siciliano, ma di tutta la penisola. Una connessione particolare, questa, che si concretizza in un nuovo brano tra l’italiano e l’inglese, arricchito dal featuring dell’emotrapper romano campione di streaming Dandy Turner. Josh Whittaker e Gin Tonic hanno già pubblicato ben quattro singoli insieme: i due, conosciutisi sul noto videogame FORTNITE, da tre anni a questa parte portano avanti una collaborazione e un’amicizia completamente a distanza. Whittaker, originario di Manchester, e Gin Tonic, tra Roma e Messina, sfidano ogni possibile limite, lavorando insieme senza essersi mai incontrati dal vivo. Too Late, pubblicato per Visory Records (ediz. Thaurus Publishing, distr. Believe), è un brano pop dalle tematiche sad love: le sonorità richiamano lo stile di Lewis Capaldi, mescolando elementi dell’immaginario emo-rap rappresentato da Dandy Turner – disco d’oro per Sei bella come Roma, tormentone di tendenza su Instagram e Tik Tok. Il brano anticipa il prossimo album a quattro mani di Josh Whittaker e Gin Tonic667, in arrivo in autunno. Il progetto grafico e videografico è curato da Alessandro Chersovani, in arte TESTA DI CHEZZO, uno dei più rinomati grafici italiani. Artists: Josh Whittaker, Dandy Turner, Gin Tonic – Produzione a cura di: Alessio Vetrano in arte Gin Tonic – Registrato a Manchester e Roma – Mix e master di Alessandro Magnisi – Cover Art di Federico Midiri – Progetto grafico di Alessandro Chersovani in arte TESTA DI CHEZZO.

CRISTIANA VERARDO
Anticipato dai singoli “Ti ho portato al mare“, “Il tuo nome” e “Maledetti ritornelli” (title track), esce oggi per l’etichetta G-Rodischi il nuovo album di Cristiana Verardo dal titolo “Maledetti Ritornelli“. Il disco, prodotto da Filippo Bubbico, è il risultato di un lungo percorso di ricerca segnato da esperienze e incontri che hanno condotto l’artista ad acquisire nuove consapevolezze musicali. Nel suo sound ricco di sfumature si incontrano e si sintetizzano linguaggi musicali che creano una fusione tra le strutture tipiche della tradizione cantautorale italiana e le esperienze della world e del pop, ricercando un prodotto musicale trasversale e d’ampio respiro. A livello tematico l’album rappresenta il racconto di un tempo vissuto sul filo dei sentimenti, dentro una quotidianità sospesa e intima. Nelle canzoni ci sono memorie di amori passati che tornano a farsi sentire e c’è l’essenza dei giorni da osservare nella profondità delle piccole cose, senza fermarsi alla superficie (come nel messaggio chiave inciso nei “Maledetti ritornelli”). L’intero lavoro è arricchito dalla collaborazione con artisti locali e nazionali, una su tutte quella  con il cantautore napoletano Gnut (nome d’arte di Claudio Domestico) che ha scritto insieme a Cristiana il singolo che dà il titolo all’intero lavoro e rappresenta la traccia maestra di un documentario  prodotto da Teresia Film con il sostegno di Puglia Sounds Producers 2020/2021. Cristiana è la vincitrice ancora in carica del Premio Bianca D’Aponte. “Con il progetto grafico a cura di FREEJUNGLE ci siamo concentrati sul trovare un simbolo che rappresentasse il maledetto ritornello per eccellenza nella vita di una donna, e subito, con un sorriso, è venuto in mente il ciclo mestruale. Da qui l’idea della sagoma di un assorbente che ingloba il titolo del singolo. In un periodo storico come questo si è rivelata poi un’occasione per unirci simbolicamente alla protesta contro la “tampon tax” e le perduranti differenze di genere” afferma Cristiana Verardo).

FRANK!
È uscito oggi, il 18 maggio, Chinotto il nuovo singolo di FRANK! per Piuma Dischi/The Orchard. A gennaio FRANK! ha esordito con Benzina, brano dal sound moderno e fortemente elettronico. Questa dimensione trova spazio anche nella sua seconda pubblicazione Chinotto. Sintetizzatori e ritmica minimale sono gli elementi caratterizzanti di questo secondo singolo che rappresenta la direzione musicale del progetto. Il più delle volte vediamo la malinconia come un qualcosa di negativo, come lo specchio di paure che ci si presentano davanti ogni volta che perdiamo il controllo della nostra testa – spiega FRANK! – ma la malinconia dipende un po’ come la vedi, come ti porta via. È tutto qui il senso di Chinotto. Se la guardassimo in modo positivo ci accorgeremmo che non è altro che il momento che precede qualcosa di bello, una strada senza la quale non arriveremmo mai a nuove scoperte. Io l’ho fatto, sono arrivato in fondo a questa strada e ho scritto questa canzone. FRANK! è lo pseudonimo di Mattia Orlandini, musicista padovano, classe 1996. Le sonorità ibride della sua musica, a metà tra l’elettronica e le chitarre distorte, creano attorno all’ascoltatore una dimensione moderna, avvolgente, quasi onirica. Dimensione nuova ed insolita nel panorama musicale italiano.

Gin Tonic, il nuovo singolo di Degà che canta l’amore ai tempi dell’indie

rubrica a cura di Fabrizio Capra
Nuovo singolo e video per il cantautore Gaetano Marrone in arte Degà: “Gin Tonic”, una indie ballad che salta tra passato, presente e futuro.

Gin Tonic” è il titolo dell’ultimo singolo  e video del cantautore Gaetano Marrone, alias Degà, disponibile da giovedì 19 novembre in tutte le piattaforme digitali e pubblicato da What We Do. A quattro mesi dall’ultimo singolo “Bramarti”, il cantautore di origini napoletane torna con una indie ballad dalle sonorità pop per raccontare l’amore con il suo sguardo romanico e concreto.
Gin Tonic” affronta il tema della separazione, dal quale scaturisce un’ossessiva preoccupazione del futuro, per via della mancanza di certezze ed abitudini alle quali si è stati ancorati per anni.
La chitarra acustica che scandisce strofe e ritornelli, accompagna l’ascoltatore in un crescendo melodico dove emerge tutta la tensione lirica dell’artista accostata ad un arrangiamento dalle sonorità contemporanee.

Il testo salta continuamente tra passato, presente e futuro, usando come riferimento il celebre cocktail “Gin Tonic” visto inizialmente come motivo di divertimento e condivisione,  trasformatosi poi in elemento sostitutivo, usato come rimedio al dolore dell’abbandono fino a divenire elemento nostalgico.
Il brano, poi, rimanda a riferimenti del quartiere romano del “Pigneto”, dapprima luogo storicamente pasoliniano diventato poi simbolo del nuovo movimento indie.
Con “Gin TonicDegà propone anche il suo primo videoclip per la regia di Valentino Vigo Orciuolo.

Una coppia, un parco e una panchina sono gli elementi semplici ma diretti che raccontano con le immagini i sentimenti contenuti nel testo.
Alle vicissitudini dei due protagonisti si alterna il playback di Degà, che in disparte rispetto alle scene principali diventa come un narratore fuori campo dell’amore.
Con questo singolo l’artista prosegue il suo percorso verso quello che sarà il suo debut album di prossima pubblicazione.

Riccione al Bevabbè torna il Cucumber Currenty Exchange… fino al 14 giugno ma solo per un’ora al giorno

Riceviamo e pubblichiamo
Fino al 14 giugno, dalle 20 alle 21, se ti presenti al Bevabbè di Riccione con un cetriolo riceverai in cambio un Hendrick’s gin tonic. Il Bevabbè è il locale che festeggia la giornata mondiale del cetriolo con il Cucumber Currenty Exchange.

Gin Hendrick Bevabbe╠ÇDa oggi 1° giugno fino a venerdì 14 torna il Cucumber Currenty Exchange e il Bevabbè è l’unico cocktail bar di Riccione a essere inserito tra le 73 località italiane che ospiteranno l’evento. L’iniziativa, giunta alla terza edizione, è una maniera originale per festeggiare il World Cucumber Day, la giornata mondiale del cetriolo in programma il 14 giugno. Per un’ora al giorno, dalle 20 alle 21, ci sarà la possibilità di pagare un Hendrick’s gin tonic presentandosi al locale con un cetriolo.
«Siamo onorati di ospitare un evento prestigioso e singolare come il Cucumber Currenty Exchange, organizzato da uno dei migliori produttori di gin come Hendrick’s. È un modo divertente per offrire una nuova esperienza ai bevitori di gin: che il più grande baratto della storia abbia inizio!» afferma Riccardo Parisio, fondatore di Bevabbè.
Mattia PannoneIl celebre alcolico, tra i gin più bevuti al mondo, sarà abbinato alla tonica Fever Tree e miscelato dal bartender Mattia PannoneHendrick’s, distillato in Scozia insieme a una miscela di 11 specie botaniche e facilmente identificabile per la particolare bottiglia ispirata a quelle usate dai farmacisti in epoca Vittoriana, ha rifornito il locale di gadget ideati per l’occasione, come il magazine The Unusual Times, che potrà essere sfogliato dai partecipanti nello splendido dehors del Bevabbè affacciato su viale Corridoni, in pieno centro cittadino.
Bevabbè – Cocktail bar, locale per aperitivi, stuzzicheria e piccolo bistro: Bevabbè è tutto questo, e molto di più. Tante diverse modalità di vivere l’esperienza gastronomica, unite dallo spirito e dal carisma del fondatore e patron – nonché anima del locale – Riccardo Parisio.
Team Bevabbe╠ÇParisio, emiliano trapiantato in Romagna, ha realizzato il sogno di portare un angolo della sua Bologna a Riccione, nella patria della movida. Nato nel 2014 come salumeria e formaggeria con vini, Bevabbè si è evoluto nel tempo, guadagnandosi fin da subito l’attenzione dei clienti – e non solo – per la qualità dei prodotti e per l’arredamento ricercato, composto da pezzi di design anni Sessanta e Settanta: nel 2015, a pochi mesi dall’apertura, è arrivato infatti il Premio Innovazione dell’Anno Barawards.
Bevabbe╠Ç 3«Ho scelto di non dare a Bevabbè nessun sottotitolo: ho agito d’istinto, perché sapevo che il locale si sarebbe modellato sulle nostre inclinazioni e sulla voglia di offrire una proposta innovativa, leggera e anticonvenzionale» afferma Parisio. Oggi accanto ai salumi, ai formaggi e ai vini dell’Emilia, si è sviluppata una delle più interessanti proposte di distillati della regione che può contare su bottiglie rare e da collezione di nomi come Hibiki, Yamazaki, Caroni, Macallan, Higlander e il Bevabbè è diventato un locale aperto a diversi tipi di esperienze gastronomiche – dal brunch all’aperitivo, fino alla cena e al dopo cena – con una cucina semplice ma con personalità e l’innovativa formula dei taglieri serviti con cocktail di alto livello.

Le foto pubblicate sono di ph. Stefano Bertolucci Doc Visioni