Sgambaro e Bruno Barbieri insieme per nuove ricette… in viaggio!

Riceviamo e pubblichiamo
Ideata da Plus Communications - Trento e prodotta da Trees Home, la miniserie “Ricette in Viaggio” è un itinerario di sei tappe che unisce Medicina, paese natale dello chef bolognese, a Castello di Godego, dove ha sede la storica azienda trevigiana.

Sgambaro torna in comunicazione digitale con la nuova miniserie di video “Ricette in Viaggio”: sei primi piatti, ideati da Bruno Barbieri, che si ispirano a un vero e proprio itinerario di gusto tra Emilia-Romagna e Veneto. Il percorso inizia nel paese natale dello chef bolognese, Medicina, e si conclude a Castello di Godego, dove ha sede lo storico pastificio veneto: un viaggio culinario che si snoda nelle campagne del Marco Aurelio, il grano duro usato per produrre la pasta d’eccellenza di Sgambaro, e che fa tappa in città come Ferrara e Vicenza, protagoniste delle ricette con i loro prodotti locali.
Ideata dall’agenzia creativa Plus Communications – Trento e prodotta da Trees Home, la miniserie di video ricette prende spunto dalla profonda passione per la tradizione agroalimentare italiana e il forte legame con il territorio che Barbieri e Sgambaro condividono e che sono alla base della loro collaborazione. Un sentire comune che emerge anche nella campagna pubblicitaria TV e radio, di cui lo chef è volto e voce, lanciata da Sgambaro per promuovere la propria linea di pasta “Etichetta Gialla”.

La nuova miniserie è parte di un progetto ad ampio respiro lanciato nel 2019 con la messa online dei primi sei video “Ricette in Musica”, e proseguito lo scorso anno direttamente dalla cucina della residenza milanese di Bruno Barbieri, durante il periodo di lockdown, con “Ricette in Casa”.
La pasta 100% italiana di Sgambaro “viaggia” sui social in compagnia di Bruno Barbieri
Bruno Barbieri
si è fatto conoscere e amare dal pubblico per la sua capacità di raccontare l’Italia autentica che esalta gli ingredienti locali più semplici in grandi piatti: dalla cipolla dorata di Medicina per la ricetta della prima tappa – la “Mille Righe al burro e pepe nero con cipolla sauté ai profumi bolognesi” – alla salama da sugo ferrarese, i “bisi” di Lumignano (Vicenza), le vongole veraci di Chioggia, fino al radicchio tardivo di Treviso.

Dopo il debutto di aprile, la serie si svilupperà come appuntamento mensile fino a novembre 2021. I video saranno visibili sui canali social di Sgambaro (YouTube, Facebook e Instagram) e sul sito dell’azienda, dove è possibile scaricare anche i dettagli della ricetta. Le video ricette saranno disponibili anche sui canali social e sul blog di Bruno Barbieri.
Il grano duro Marco Aurelio, eccellenza italiana
La pasta Etichetta Gialla di Sgambaro è prodotta solo con grano duro italiano Marco Aurelio.
Questa varietà dal caratteristico colore ambrato è stata scelta dal pastificio per l’elevata qualità, l’alta elasticità del glutine e l’ottima tenuta in cottura. Lo stretto controllo di filiera e i metodi di produzione che rispettano le proprietà organolettiche della materia prima permettono a Sgambaro di portare in tavola una pasta sana e sicura, perfetta per ricette ricche di gusto come quelle di chef Barbieri.  
https://www.facebook.com/pastasgambaro/videos/?ref=page_internal

Daniele ed Emanuela Unione portano la Campania a vincere il format delle Regioni “Cuochi d’ Italia”

di Cristina Vannuzzi
La Campania trionfa nel format “Cuochi d’Italia” condotto da Bruno Barbieri, Gennaro Esposito e Cristiano Tomei grazie alla fantastica coppia padre e figlia, Daniele ed Emanuela Unione.

Si è sciolta tutta la tensione in un abbraccio e un pianto liberatorio dove Napoli, il sole, il mare, il Vesuvio hanno fatto da corona a questa coppia fantastica, Daniele Unione e la sua bella figlia Emanuela, che hanno vinto il primo premio regionale della migliore coppia italiana, nel format “Cuochi d’Italia” condotto da Bruno Barbieri, Gennaro Esposito e Cristiano Tomei.
Protagonisti della contesa, infatti, sono primi e secondi piatti tipici della tradizione nostrana, preparati con materie prime di qualità e testimoni del territorio d’origine di ciascun cuoco.

Il format resta invariato, vede gli sfidanti alle prese con la preparazione di una pietanza che sarà poi oggetto di giudizio da parte dei due chef  Tomei ed Esposito.
E tutta Napoli faceva il tifo per questa coppia inedita, conosciuta in città, fedele ai sapori campani, che ha saputo arrivare in finale contro il Piemonte, una sorta di Napoli/Juventus, vincendo alla grandissima l’ambito premio, una sfida tra regioni a colpi di ricette tradizionali, che ha premiato  l’impegno, la dedizione, il vero talento ma soprattutto il piatto più innovativo e originale.

Dice che una volta nella vita un viaggio a Napoli non possa mancare per vivere la sua atmosfera fatata e piena di colori spudorati, suoni e allegria di grida, una confusione armoniosa, in tutti i sensi, e in particolare assaporare il gusto e i sapori della bella Napoli.
E Napoli, magicamente, da città piena di storia e tradizioni, crea percorsi dove le emozioni si confrontano  si tramandano, si mixano, attraverso il cuore, motore di scelte e di azioni con effetto a macchia d’olio, cercando altre motivazioni che collimano e  così si crea un fiume, un mare di conoscenze, emozioni e amore.

E sicuramente sia Daniele sia la figlia Emanuela  hanno portato a Milano l’atmosfera campana piena di profumi, colori, allegria, ghirlande di peperoncini fiammeggianti e trecce di aglio, i simboli della tradizione campana, i limoni sorrentini, le mele annurca, carretti di fiori e granite al limone.
Per un attimo, nel format è sembrato  di camminare tra i vicoli per essere avvolti dai profumi delle pizzelle in via Toledo, un “caos organizzato”, carico di cultura, storia, tradizioni gastronomiche e folkloristiche nel più puro spirito partenopeo, dove l’estate non finisce mai, dove la gente fa sempre festa e senti la gioia di vivere in strada, magicamente, come a Napoli.

Daniele ed Emanuela hanno vinto con il piatto “paccheri alla vesuvio”: Paccheri di Gragnano trafilati a bronzo ripieni di ricotta di Fruscella con provola affumicata di Agerola e basilico avvolto da una fetta di melanzana violetta e pomodori San Marzano.
Papà Daniele è chef presso un ristorante di Napoli e la sua cucina è fatta di profumi e sapori tipici campani, mentre la figlia Emanuela lavora in sala.
Hanno anche un’altra attività di catering dove entrambi si occupano della preparazioni dei piatti.
Non ci resta che congratularsi con la coppia Unione augurando i più grandi successi nella loro bella Napoli!