“Tutto questo futuro”, la biografia di Ivano Fossati di Renato Tortarolo

Riceviamo e pubblichiamo
Lunedì 26 aprile nuovo appuntamento in streaming con gli “Incontri d’Autore” organizzati dall’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria: ospite Renato Tortarolo che presenta “Tutto questo futuro”, la biografia di Ivano Fossati.

Tutto questo futuro“, curato del giornalista Renato Tortarolo (edizioni Rizzoli), è un libro raffinato e speciale, una (non) autobiografia di Ivano Fossati intitolata come l’ultima canzone dell’ultimo disco. Un musicista, le sue passioni, una terra che dalla Liguria scende sino all’Atlantico. Genova, le sue strade, il mare.
Tortarolo sarà l’ospite dell’Incontro d’autore di lunedì 26 aprile alle 18, in diretta streaming sul sito e sui canali social dell’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria.
La storia di Ivano Fossati è stata costellata di grandi successi, canzoni memorabili. Le ricorda in questa carrellata sulla sua vita, con i dischi che hanno fatto crescere il Fossati autore e il Fossati uomo, i paesi e i viaggi che ha amato di più. Ci sono i suoi amici, tanti o pochi, ma sempre buoni e fondamentali per capire il mondo che lo circonda. È stato infatti l’universo parallelo e circostante ad ispirare i testi bellissimi e poetici del cantautore.
Ivano Fossati racconta un lungo viaggio nella musica, nelle canzoni che hanno influenzato due generazioni di italiani, nelle idee che hanno cambiato il nostro modo di vivere. La storia di ieri, le grandi battaglie civili, le nuove emigrazioni, i musicisti e gli artisti che ci hanno rappresentato. Fossati attraversa una carriera lunga quarant’anni animato da una feroce curiosità per tutto quello che lo circonda.
Da Una notte in Italia a Lindbergh fino a Decadancing, ecco come abbiamo vissuto in un Paese che non si è mai fermato. Con la convinzione che il futuro possa ancora sorprenderci.

Genovese, a lungo caporedattore cultura, costume, moda e spettacoli al Secolo XIX di Genova, Renato Tortarolo ha attraversato i fenomeni della musica e del cinema con ripetuti soggiorni all’estero. Consulente per progetti speciali e opinionista in musica, cinema, spettacolo, costume e moda, ha curato numerose rassegne musicali, mostre ed eventi , tra cui It’s only rock and roll a Palazzo Ducale a Genova. Ha pubblicato Luigi Tenco. E ora che avrei mille cose da fare (Arcana, 2007), Ivano Fossati. Tutto questo futuro (Rizzoli, 2010) e A un metro dal palco. Autobiografia di un promoter (Il Nuovo Melangolo, 2016).
Parteciperanno alla presentazione gli allievi del Conservatorio Davide Conti e Davide Picaro che eseguiranno alcuni brani del cantautore genovese.

Alessandria: Maurizio Molan presenta il suo saggio sulla statura umana

a cura della Redazione
L’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria ospita lunedì 17 febbraio Maurizio Molan autore del saggio “Altezza è mezza bellezza?”.

Lunedì 17 febbraio 2020, alle ore 17.30, l’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria (piazza Fabrizio De André 76) organizza per “Incontri con l’autore” la presentazione del copertinalibro “Altezza è mezza bellezza? Saggio sulla statura umana” di Maurizio Molan (Lindau editore).
Introduce e dialoga con l’autore il giornalista Enrico Sozzetti.
Altezza è mezza bellezza”: è un vecchio aforisma popolare a offrire all’autore lo spunto per affrontare, con linguaggio chiaro e discorsivo, un’ampia analisi sul tema della statura umana. Nella nostra società l’attenzione verso l’aspetto fisico e la statura della persona è notevole. Il fattore statura gioca un ruolo significativo nel nostro stare al mondo, nella relazione tra le persone, condiziona i comportamenti, la considerazione sociale di cui godiamo e si ripercuote in molte attività della vita: dalla scelta del partner all’attività lavorativa, dal tempo libero allo sport.
Spinto dall’interesse verso la statura dei personaggi letterali, l’autore evidenzia il ruolo della statura sotto molteplici angoli di visuale: i personaggi storici, gli aspetti maurizio molan 2psicologici e relazionali della persona, la paleoantropologia e le etnie, gli aspetti economici, la crescita dell’individuo come indicatore di salute, la morfologia corporea in rapporto al clima, mettendo in luce aspetti insoliti, curiosi e anche divertenti. Non manca un capitolo finale nel quale sono esaminati gli estremi della statura: i nani e i giganti.
Maurizio Molan è medico specialista in chirurgia generale e toraco-polmonare, partecipa dal 2005 a missioni mediche in Africa, Bangladesh e Perù. È membro del consiglio direttivo di Need You Onlus di Acqui Terme, con la quale promuove progetti umanitari ed educativi, realizzando libri per i bambini. Si occupa di attività divulgative, culturali e di medicina preventiva nelle scuole e nelle Università della Terza Età.

Alessandria: domani a Cultura e Sviluppo incontro con don Antonio Sciortino

a cura della Redazione
Si parla di migranti domani all’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria per i Giovedì Culturali. Ospite don Antonio Sciortino già direttore di Famiglia Cristiana.

L’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria (piazza Fabrizio De Andrè 76) domani, giovedì 14 novembre, dalle ore 21 alle ore 23, ospita, per l’appuntamento con i don sciortinoGiovedì culturali, uno dei più conosciuti ed apprezzati giornalisti della stampa cattolica, don Antonio Sciortino, già direttore di Famiglia Cristiana ed attualmente responsabile del mensile Vita Pastorale.
Durante l’incontro, moderato da Roberto Massaro, direttore dell’Ufficio di Pastorale Sociale e Lavoro della Diocesi di Alessandria e introdotto da don Silvano Sirboni, liturgista e parroco in città, si avvierà una riflessione sul tema dell’ immigrazione che sempre più si sta configurando a livello mondiale come un fenomeno strutturale e non come un’emergenza transitoria. Il fenomeno sarà analizzato appunto nei suoi dati strutturali, superando la dialettica basata sul livore e la paura, e si analizzeranno vie ed approcci per soluzioni praticabili al di là del ragionamento astratto o della pura reazione emotiva.
Nella fase dei dibattito sarà poi possibile ampliare la riflessione ad altre questioni di particolare attualità, come il ruolo del cristianesimo oggi e il dibattito sull’uso politico dei simboli religiosi.

GIOVEDÌ 14 NOVEMBRE 2019
ore 21.00 - 23.00
conferenza dal titolo
NON SOLO MIGRANTI
Chiesa e società civile  di fronte alla questione migratoria
Don ANTONIO SCIORTINO
Giornalista, già direttore di Famiglia Cristiana
attualmente responsabile del mensile Vita Pastorale
Don SILVANO SIRBONI
Liturgista e parroco della Diocesi di Alessandria
Il prossimo appuntamento in Associazione: giovedì 21 novembre, ore 19-22,30: Piazza Fontana. Il processo impossibile con Benedetta Tobagi, Laurana Lajolo e Giulia Boccassi

Alessandria: dal 26 settembre riprendono le attività di Cultura e Sviluppo

a cura della Redazione
Giovedì 26 settembre riprendono le attività dell’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria. Una serie di eventi che vedrà, come al solito, importanti personalità impegnate in conferenze e dibattiti.

ces-parliamo-di-noi-web-9Riprendono nell’ultima settimana di settembre le attività dell’Associazione Cultura e Sviluppo. Si inizia il 26 settembre, quando il sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco e il rettore dell’Università del Piemonte Orientale Gian Carlo Avanzi saranno ospiti dei Giovedì Culturali per parlare delle prospettive del territorio alessandrino, con particolare riferimento all’Università e alla cultura come motore di sviluppo e di rilancio della città.
Come avviene ormai da alcuni anni, la prima serata della Festival “Adelio Ferrero” – cinema e critica sarà ospitata a Cultura e Sviluppo. Giovedì 10 ottobre Mirella D’Angelo, interprete per Federico Fellini, Dario Argento, Tinto Brass e Sergio Sollima, e Adalberto Maria Merli, attore e doppiatore, interprete di sceneggiati ‘cult’ come “La Freccia Nera”, “E le stelle stanno guardare”, voce di Clint Eastwood, Jack Nicholson e Robert Redford saranno protagonisti di una serata dedicata all’avventurosa storia dell’attore cinematografico. Interverranno i critici cinematografici Roberto Lasagna, Giorgio Simonelli e Fabio Zanello.
Il 50esimo anniversario dello sbarco dell’uomo sulla Luna, avvenuto il 21 luglio 1969, sarà l’occasione di parlare del futuro delle missioni spaziali. Giovedì 17 ottobre la professoressa Patrizia Caraveo, astrofisica di fama mondiale, dirigente di ricerca all’Istituto Nazionale di Astrofisica, illustrerà la corsa allo spazio, la conquista della Luna e i futuri piani di esplorazione. Insieme a lei, il giornalista Luca Liguori, inviato speciale della Rai che ha raccontato da Cape Kennedy e da Houston le più importanti missioni spaziali e, in particolare, l’arrivo sulla Luna in “diretta” di Apollo 11.
giorgio benvenutoIl 2019 è anche il cinquantesimo anniversario dell’”autunno caldo”. Giorgio Benvenuto, già segretario generale della Uil, sarà ospite giovedì 31 ottobre per un incontro sul tema del lavoro e del sindacato, dalle rivendicazione della fine degli anni Sessanta all’industria 4.0.
A 25 anni dall’alluvione del Tanaro che colpì Alessandria e il basso Piemonte, mercoledì 6 novembre si terrà un incontro che farà parte delle iniziative per ricordare il tragico evento e parlare della sicurezza idraulica della città e dei cambiamenti climatici che stanno interessando anche le zone continentali. Ne parleranno il professor Roberto Buizza della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e coordinatore del Centro federato sul clima e la dottoressa Renata Pelosini, meteorologa di Arpa Piemonte. Per discutere della condizione della sicurezza della città saranno presenti il sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco e l’assessore comunale alla Protezione Civile Paolo Borasio.
don sciortinoGiovedì 14 novembre don Antonio Sciortino, già direttore responsabile di Famiglia Cristiana, parlerà dei rapporti tra religione e politica con un focus specifico sull’uso dei simboli cattolici da parte di alcuni politici italiani.
Benedetta Tobagi, giornalista e scrittrice, giovedì 21 novembre presenterà il suo ultimo libro, Piazza Fontana. Il processo impossibile nel quale indaga la strage del 12 dicembre 1969 a partire dal primo processo che ha portato alla luce una sconcertante trama di depistaggi e accertato le pesanti responsabilità dei terroristi neri e di alcuni ufficiali dei servizi segreti fino a trasformarsi in un processo simbolico allo Stato.
Giovedì 28 novembre, a trent’anni dalla Convenzione delle Nazioni Unite, si terrà la conferenza sui diritti dell’infanzia con Chiara Tripodina, docente dell’Università del Piemonte Orientale, Monica Celentano, insegnante, che discuteranno con la professoressa Marta Cartabia dell’Università di Milano Bicocca, vicepresidente della Corte Costituzionale, il professor Renato Balduzzi dell’Università Cattolica di Milano, già membro del CSM e ministro, e la professoressa Anna Rosa Favretto dell’Università del Piemonte Orientale.
La stagione dei Giovedì Culturali proseguirà fino a giugno con altri incontri su temi politici, economici, sociali, scientifici, artistici e di attualità. Tutti le conferenze sono ad ingresso libero e gratuito e si tengono alle ore 19 con una pausa buffet alle 20,30 alla quale segue un dibattito con il pubblico.
Alessandro BarberoLunedì 30 settembre con Giulio Massobrio riprendono anche gli Incontri d’autore. Alle 18 lo scrittore alessandrino presenterà Il maestro del silenzio, il suo ultimo romanzo, una spy story  ambientata a Genova.
Lunedì 25 novembre il professor Alessandro Barbero parlerà del tema dell’immigrazione prendendo spunto da un suo libro pubblicato qualche anno fa, Barbari. Immigrati, profughi, deportati nell’impero romano.
A dicembre Bruno Morchio, autore dei libri che hanno per protagonista l’investigatore privato Bacci Pagano, presenterà in anteprima il suo nuovo libro.
Come è ormai consuetudine i Caffè Scienza iniziano in occasione della Giornata mondiale dell’Alimentazione. Scienziati e ricercatori incontrano il pubblico per parlare dei loro temi di ricerca. Il primo appuntamento è lunedì 14 ottobre con il professor Giorgio Calabrese, noto dietologo e docente di Nutrizione umana, che parlerà di alimentazione e di come leggere correttamente le etichette dei prodotti.
Lunedì 4 novembre si discuterà delle ultime ricerche sul microbioma e del problema della resistenza agli antibiotici con il dottor Andrea Rocchetti, direttore del Dipartimento di Microbiologia e Virologia dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria.
L’ingegner Giovanni Martucci, responsabile dello sviluppo business di Altec, illustrerà il progetto del rover realizzato dall’Europa per la ricerca di forme di vita su Marte, del quale sarà responsabile durante la missione ExoMars 2020. L’incontro si terrà lunedì 2 dicembre.
I Caffè Scienza, in orario 17,30-19, proseguiranno con cadenza mensile fino a maggio.
Con Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva, ricercatore all’Università di Milano, riprende venerdì 11 ottobre alle 20,30 il Progetto Genitori. Il dottor Pellai parlerà del percorso emotivo della paternità (iscrizioni a partire dal 1° ottobre).
Venerdì 22 novembre Gustavo Pietropolli Charmet, psichiatra e psicoterapeuta, presenterà il libro Le ragazze sono cambiate. Le nuove adolescenti nel mondo reale e virtuale.
Rivolto a educatori, insegnanti e genitori, il Progetto Genitori presenta conferenze a cadenza mensile che hanno come relatori pedagogisti, psicologi, psicoterapeuti che portano il loro contributo e le loro riflessioni sui nodi cruciali dell’educazione giovanile.
Da fine settembre inizieranno anche i colloqui per il Progetto Giovani, il percorso rivolto ai ragazzi dell’ultimo anno delle scuole superiori che prevede incontri con relatori provenienti dal mondo universitario e professionale per discutere dei temi proposti e incontri di gruppo durante i quali i partecipanti, seguiti da tutor metodologici, lavoreranno sulle abilità sociali, sulla capacità di stare in gruppo e di condurlo.

Alessandria: ultimo appuntamento dei “Giovedì Culturali” con Paolo Bonfanti e la lunga marcia per i diritti civili

a cura della Redazione
Paolo Bonfanti, giovedì 27 giugno a Cultura e Sviluppo in Alessandria, è, insieme alla sua band, ospite dei “Giovedì Culturali” per una serata (inizio ore 21) dedicata alla lunga marcia per i diritti civili. Gli appuntamenti riprenderanno a settembre.

Giovedì 27 giugno ultimo appuntamento con i “Giovedì Culturali” all’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria (piazza Fabrizio De André 76): alle ore 21 appuntamento musicale con il concerto “The Civil Rights Band”. La lunga marcia per i diritti civili con Paolo Bonfanti (chitarre e voce), Roberto Bongianino (fisarmonica e voce), Nicola Bruno (basso) e Alessandro Pelle (batteria). Video e immagini a cura di Ivano A. Antonazzo e Luca Cavallero.
Band-700x300A conclusione della stagione 2018-2019 dei Giovedì Culturali, l’Associazione Cultura e Sviluppo è lieta di ospitare un appuntamento musicale con Paolo Bonfanti, uno dei migliori bluesmen europei, e la sua band  per presentare uno spettacolo multimediale composto da alcuni tra i brani più rappresentativi dello straordinario fermento musicale negli Stati Uniti dei primi anni ’60, da Bob Dylan a Joan Baez, da Pete Seeger a tutti gli eroi musicali di quei giorni in cui il sogno di conquistare i diritti civili per tutti, parità e superamento dei pregiudizi razziali e religiosi sembrava a portata di mano. I brani sono arrangiati e reinterpretati dai musicisti e accompagnati da letture dei testi e da immagini significative, attuali e dell’epoca.
Con Civil Rights Band si compie un viaggio nelle canzoni folk, rock e blues dei primi anni Sessanta, un omaggio inedito all’epopea dei diritti civili da parte di alcuni tra i musicisti di “american music” più influenti d’Italia, da sempre attenti alle tematiche sociali e civili, in un momento in cui tanti di questi diritti faticosamente conquistati sembrano vacillare, per ribadirne appunto il valore assoluto.
In questa occasione le canzoni diventano manifesto civile, lo strumento attraverso cui intere generazioni hanno lottato per affermare con convinzione la parità razziale e di sesso, il diritto al lavoro e alla giustizia. Le canzoni proposte fanno ormai parte della storia e della tradizione musicale e rileggerne i testi, reinterpretarne la musica, le rende sempre attuali e ci porta alla consapevolezza di non dare nulla per scontato. A dar forza alle parole e alla musica ci saranno le immagini che proporranno un continuo e serrato confronto tra un passato di rivendicazioni e conquiste e un presente in cui queste ultime vengono spesso messe in discussione.
I Giovedì culturali riprenderanno a settembre.

Alessandria: si parla di Cina ai giovedì culturali di Cultura e Sviluppo

a cura della Redazione
Giovedì prossimo, appuntamento all’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria dove, per i  Giovedì Culturali, si parla di Cina.

padre Gianni CrivellerGiovedì 13 giugno (ore 19) l’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria (piazza Fabrizio De Andrè 76), nell’ambito dei Giovedì Culturali, sposta la sua ‘attenzione al contesto internazionale, con un approfondimento a tutto campo sulla Cina, sempre più protagonista in ambito geopolitico ed economico.
Il titolo dell’incontro è “La nuova via della seta. La Cina ci incontra: economia, politica, diritti, cultura, religioni e cristianesimo”, un argomento che vedrà come relatori Gianni Crivellersinologo e teologo, che ha vissuto per ventisei anni nella Grande Cina, dove ha studiato, scritto e insegnato su Cina, culture, religioni e diritti. Preside dello Studio teologico missionario del PIME, Monza, insegna in in Italia e all’estero. È missionario del PIME – e Lisa Jucca – editorialista della Reuters; esperta di finanza ed economia; già caporedattore da Hong Kong e premiata in più occasioni per i suoi studi sulla Cina.
Dai loro interventi
si cercherà di far luce su una realtà particolarmente composita e di assoluto rilievo, con un approccio ampio e diversificato (si spazierà, infatti, dalla politica all’economia, dalla cultura alla religione, con un’attenzione particolare al cristianesimo, in un momento fondamentale delle relazioni tra Vaticano e Cina).

I prossimi appuntamenti in Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria
14, 15 e 22 giugno: Summer School 2019 Immersi nelle storie. Tra mondi. Cinema, identità e narrazioni (per ragazzi e ragazze dai 14 anni di età). Programma completo su  www.voceluna.altervista.org
giovedì 27 giugno, ore 21-23, Music for Civil Rights. Canzoni, diritti e democrazia, concerto per la fine della stagione 2018/19 dei Giovedì Culturali, con Paolo Bonfanti

 

Capire e cambiare la politica. il prof. Pasquino ne parla ai Giovedì Culturali dell’ACSAL

a cura della Redazione
Il 6 giugno tornano i Giovedì Culturali all’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria. Ospite il Professore Emerito di Scienza politica nell'Università di Bologna, Gianfranco Pasquino che interverrà su “Capire e cambiare la politica”.

gianfranco-pasquino-mUn atteso e gradito ritorno nel prossimo appuntamento dei Giovedì culturali all’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria (piazza Fabrizio De Andrè 76) in programma il 6 giugno alle ore 17,00: il professor Gianfranco Pasquino, tra i politologi più autorevoli e apprezzati del nostro Paese, presenterà un suo importante volume, uscito a inizio anno, e dialogherà con il pubblico riflettendo sugli ultimi decenni della vita politica italiana, fino ad arrivare al nostro presente particolarmente inquieto.
Il libro, intitolato Bobbio e Sartori. Capire e cambiare la politica (EGEA Università Bocconi Editore, 2019) è dedicato ai due giganti della Scienza Politica, che hanno dato contributi scientifici inestimabili e sono stati per decenni “intellettuali pubblici” ascoltati e apprezzati in ambito nazionale e internazionale.
acsal pasquino giovedi culturaliDue “classici” che continuano a comunicare con tutti noi, cittadini d’Italia e d’Europa, con parole che non perdono certo di significato e di rilevanza. Molto possiamo e anzi dobbiamo ancora trarre dai loro insegnamenti.
La riflessione si concentrerà poi sull’attualità politica, dalla fine della cosiddetta Prima Repubblica (a venticinque anni dalla “discesa in campo” di Silvio Berlusconi) fino alle vicende degli ultimi mesi e alle prospettive future del Paese.
Gianfranco Pasquino è Professore Emerito di Scienza politica nell’Università di Bologna.
Introdurrà la conferenza e modererà il dibattito Giorgio Barberis, professore di Storia del Pensiero Politico presso l’Università del Piemonte Orientale.

Alessandria: lunedì da Cultura e Sviluppo si parla di Astronomia gravitazionale

a cura della Redazione
Lunedì per Caffè Scienza all’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria si parla, dalle 18, di “Astronomia gravitazionale: la nuova frontiera con il professore associato di Fisica Teorica presso l’università del Piemonte Orientale ad Alessandria, Pietro Antonio Grassi.

astronomia gravitazionaleLunedì 3 giugno, alle ore 18, l’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria (piazza Fabrizio De André 76) ospita, per Caffè Scienza, l’incontro dal titolo “Astronomia gravitazionale: la nuova frontiera”.
In questo incontro si discuterà delle nuove frontiere dell’astronomia: l’astronomia gravitazionale.
Da qualche anno ormai l’evidenza delle onde gravitazionali ha rivoluzionato il modo di guardare il cosmo.  In particolare ha portato alla revisione di alcune fondamentali idee, come ad  esempio le stime sulla popolazione di buchi neri che popolano il nostro universo e le nostre galassie.
Passando dagli eventi registrati di onde gravitazionali alle fotografie di buchi neri super massivi, cercheremo di dare un piccolo sguardo verso questa nuova affascinante frontiera della conoscenza.
Relatore il professore associato di Fisica Teorica presso l’università del Piemonte Orientale ad Alessandria, Pietro Antonio Grassi.
I temi di ricerca di cui si occupa sono i modelli matematici per la teoria delle stringhe, la supergravità e le interazioni fondamentali.
Al termine dell’incontro sarà offerto un aperitivo grazie a Nova Coop – Presidio Soci di Alessandria.

Alessandria: lunedì Margherita Oggero presenta “La vita è un clicles”

a cura della Redazione
Incontri d’autore all’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria: lunedì 27 maggio, alle ore 17.30, Margherita Oggero presenta il suo libro “La vita è un cicles” che segna il ritorno al giallo di una delle scrittrici più amate.

margherita-oggeroLunedì prossimo, 27 maggio, per “Incontri d’autore”, alle 17,30 nei locali dell’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria (Piazza De André 76) presentazione del libro “La vita è un cicles” di Margherita Oggero, che segna il ritorno al giallo di una delle scrittrici italiane più amate, vincitrice del premio Bancarella nel 2016.
Introduce l’incontro Maria Grazia Caldirola.

In una gelida mattina d’inverno, nel retro dell’Acapulco’s, uno dei peggiori bar di Torino, viene ritrovato un morto ammazzato. Chi è? Ma soprattutto, chi l’ha fatto fuori, e perché? Massimo, giovane laureato in Lettere che per sbarcare il lunario prepara panini e scongela brioches precotte, non sa nulla di quel cadavere con la faccia spappolata, così come sembra non saperne niente neppure Gervaso detto Gerry, il figlio del padrone del bar, un ragazzotto non proprio sveglio, più interessato a conquistare la bella Sabrina che a fare fatica dietro al bancone…
la vita è un ciclesA dirigere le indagini con la sua squadra c’è il commissario Gianmarco Martinetto, un poliziotto dal carattere ruvido e apparentemente scostante come la sua città, che deve rimboccarsi le maniche per risolvere questo intricato caso in cui le piste investigative si confondono e si sovrappongono. Dietro l’omicidio c’è forse la mano di una misteriosa mafia veneta che ha il controllo della periferia torinese? Oppure è uno spietato regolamento di conti per una faccenda di droga, o prostituzione? E chi è veramente Gilda, femme fatale che fa perdere la testa a Massimo, bravo ragazzo più a suo agio con le versioni di latino che con i sentimenti?
In una girandola di irresistibili colpi di scena e con la sua scrittura densa di humour nero, Margherita Oggero regala un giallo dal ritmo serrato in cui come sempre Torino, e non solo i suoi abitanti, ha un ruolo da assoluta protagonista: la Torino delle periferie, della clandestinità, del degrado, della convivenza difficile, dimenticata dalla politica ma teatro di grandissima e mai sopita vitalità.

Margherita Oggero, ex insegnante di Lettere, è nata e vive a Torino. Nel 2002 pubblica il suo primo romanzo, La collega tatuata, con Mondadori. L’anno successivo esce Una piccola bestia ferita, che ispira la serie televisiva Provaci ancora, prof! con Veronica Pivetti, a cui seguono altri romanzi di successo con protagonista la professoressa investigatrice Camilla Baudino, tra cui Qualcosa da tenere per sé (2007). Il suo ultimo libro con Mondadori è La ragazza di fronte (2015), premio Bancarella 2016, mentre nel 2017 ha pubblicato con Einaudi il romanzo Non fa niente.

Alessandria: rifugiati, accoglienza e integrazione. Se ne parla a Cultura e Sviluppo

a cura della Redazione
Alessandria, proseguono gli incontri dei “Giovedì culturali” organizzati dall’Associazione Cultura e Sviluppo”. Giovedì 23 maggio si discute con autorevoli ospiti di corridoi umanitari e associazionismo dei rifugiati.

cultura e sviluppoGiovedì 23 maggio, alle ore 20.45, per il ciclo di incontri “I giovedì culturali” l’Associazione Cultura e Sviluppo Alessandria (piazza Fabrizio De André 76) in collaborazione con il Comitato Welcoming Europe di Alessandria, propone un incontro di approfondiremo sulle tematiche dell’accoglienza e dell’integrazione dal titolo “Rifugiati al Centro – I corridoi umanitari e l’associazionismo dei rifugiati”.
Il Comitato Welcoming Europe di Alessandria, formato da 25 associazioni, nato dalla manifestazione “Per un’Europa senza muri” del settembre scorso.
Interverranno: Maria Bonafede (Pastora della Chiesa valdese di Torino), Berthin Nzonza (Direttore Associazione Mosaico) e Nouhoum Traore (Vice Presidente Associazione Mosaico).
Introdurrà e modererà l’incontro Rosmina Raiteri, coordinatrice del Comitato Welcoming Europe.
È possibile governare l’immigrazione? Sì. Come? Coniugando un’accoglienza sicura e legale con un’integrazione mirata, ad esempio. Lo dimostreremo nel prossimo incontro dei Giovedì Culturali attraverso la narrazione dell’esperienza dei corridoi umanitari, con particolare riferimento all’attività dell’Associazione Mosaico – Azioni per i rifugiati, composta da rifugiati, la prima di questo tipo in Piemonte. I corridoi umanitari sono uno dei modelli di accoglienza di cui gli Stati Europei dispongono per attuare un programma sicuro e legale di trasferimento e integrazione in Italia rivolto a migranti in condizione di particolare vulnerabilità. Si tratta di un metodo di accoglienza che offre una piena sicurezza per chi arriva e per chi accoglie: i migranti evitano i “viaggi della morte” e di finire intrappolati nella rete dei trafficanti di esseri umani. Il progetto è stato avviato in Italia nel 2015 a seguito della firma di un Protocollo d’intesa tra la Comunità di Sant’Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, la Tavola Valdese e il Governo italiano, ed è stato rinnovato il 7 novembre 2017. Il progetto non pesa in alcun modo sullo Stato. A Torino, dopo l’ accoglienza, il programma di integrazione si è esteso, in un caso, alla fondazione dell’associazione Mosaico – Azioni per I rifugiati con il sostegno e il finanziamento soprattutto dell’8 per Mille della Chiesa Valdese.
L’associazione Mosaico è nata a Torino nel 2006, ad opera di un gruppo di rifugiati che si sono riuniti per aiutare altri rifugiati e promuovere i diritti di tutti coloro che scappano dalle persecuzioni. Dal 2006, l’associazione si è espansa, accogliendo consensi ed adesioni da parte di altri rifugiati, cittadini italiani e stranieri. Oggi Mosaico è costituita da un gruppo di volontari affiatati, che lavorano con entusiasmo e condividono lo stesso obiettivo fondamentale: la promozione dei diritti dei rifugiati. Mosaico è membro del Tavolo dei Rifugiati del Comune di Torino e collabora attivamente con la Prefettura e tutte le organizzazioni locali che si occupano di rifugiati. Inoltre, l’associazione è attualmente membro dell’ECRE, European Council on Refugees and Exiles.