Camomilla Italia punta alla sostenibilità e partecipa alla Green Week

Riceviamo e pubblichiamo
La moda è tra i settori a maggior impatto ambientale e le aziende che fanno parte del comparto non possono prescindere da questa grande problematica di portata globale.

Camomilla Italia ha intrapreso da anni un percorso per rendere meno gravoso l’inquinamento della moda e il suo impatto sull’ambiente. Un’azione che parte da tutte le sedi dell’azienda passando per i poli produttivi gestiti in maniera diretta per poi arrivare ai punti vendita.
L’impegno di Camomilla Italia si concretizza principalmente su quattro aspetti: la riduzione del consumo di plastica, la differenziazione dei rifiuti, la sensibilizzazione dei dipendenti sui temi della sostenibilità ambientale e la volontà di allungare la vita del prodotto riducendo la produzione.
Gli interventi strutturali comprendono l’installazione di erogatori con depuratori d’acqua per eliminare il consumo della plastica, l’adozione di sistemi di monitoraggio dei consumi aziendali attraverso l’utilizzo della stampa protetta per ottimizzare lo spreco della carta, la selezione di parte dei materiali utilizzati nelle attività di ristrutturazione dei negozi in base a criteri di sostenibilità e l’utilizzo di materiale ecosostenibile per la realizzazione di allestimenti presenti nei punti vendita.

L’azienda dal 2020 ha poi sostituito i tradizionali cataloghi per sostituirli con cataloghi digitali per contenere il consumo di carta reale perseguendo la tutela e la salvaguardia dell’ambiente.
La sostenibilità passa anche attraverso la scelta dei fornitori, Camomilla Italia privilegia per questo il coinvolgimento di aziende che, oltre alla qualità del prodotto, garantiscano precisi standard ambientali, etici e di sicurezza.
Un’attenta selezione dei fornitori ha infatti consentito al marchio di ridurre gli impatti ambientali già per la stagione Primavera/estate 2021, grazie all’utilizzo per il 28% di materiali di componente naturale come il lino, la paglia, il cotone, la seta, il bambù, la carta, la tela, e la raffia.
Camomilla Italia propone anche collezioni che limitino l’impatto ambientale e che accrescano il ciclo di vita del prodotto.

Per questo dalla prossima stagione Autunno/inverno 2021-22 il brand introduce ReMix, la sua prima collezione di upcycling che, andando a reinserire i capi invenduti in collezione, riduce del 20% la produzione. Dare una seconda chance ai capi significa ripensarli in un’ottica moderna e contemporanea, cercando di andare a svelare nuove potenzialità e uno stile inesplorato. Attraverso ReMix, Camomilla Italia vuole esprimere una nuova visione, riproporre elementi del passato per rivederli al meglio.
Per la realizzazione delle etichette interne dei capi MADE IN ITALY viene utilizzato il raso riciclato con GRS certificato, inoltre parte delle stampe acquistate sono dotate di certificazione GOTS (Global Organic Textile Standard).
Oltre al prodotto, fondamentale l’attenzione al packaging, Camomilla Italia ha riprogettato le confezioni dei capi aumentando fortemente l’uso delle materie prime riciclate, oltre alle confezioni totalmente riciclabili. I packaging Camomilla Italia optano infatti all’utilizzo di materiali riciclati, puntano verso la riduzione o quasi totale eliminazione dell’uso della plastica, l’inserimento di polybag compostabili, la scelta di soluzioni 100% riciclabili o riutilizzabili.

Per il suo impegno in ambito di sostenibilità, Camomilla Italia è tra le aziende selezionate a partecipare alla Green Week, in scena a Parma fino all’11 luglio, manifestazione che vuole esplorare le molteplici declinazioni della green economy, dall’efficienza energetica all’economia circolare, dalla mobilità sostenibile e alla tutela ambientale, attraverso il contrasto ai mutamenti climatici e gli investimenti responsabili, ma anche passando per il rapporto tra cibo e natura e la riqualificazione urbana e non di meno il settore tessile.
Camomilla Italia prenderà parte sabato 10 luglio al dibattito “IL SISTEMA MODA PUO’ ESSERE DAVVERO SOSTENIBILE?” dove interverrà llaria Sorrentino, HR e Responsabile rete vendita del marchio che illustrerà l’impegno pratico e concreto dell’azienda sul fronte della sostenibilità.
Ma non solo, Camomilla Italia è anche tra le aziende che parteciperanno alle FABBRICHE DELLA SOSTENIBILITÀ, ovvero l’insieme di organizzazioni che hanno aderito alla Green Week e che aprono le proprie porte per visite guidate, workshop, seminari, talk destinati a studenti delle scuole secondarie di secondo grado, dottorandi e ricercatori provenienti dalle migliori università del Paese, oltre a professionisti ed esperti per educare e coinvolgere tutti i suoi interlocutori in merito ad una tematica così ‘calda’ e importante, quella della sensibilità con l’intenzione di realizzare prodotti ad un basso impatto e con tecniche rispettose dell’ambiente perché ‘THERE’S NO PLANET B’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: