Nuovo appuntamento con il racconto di Roberta Pelizer.
Denaro, segreti e bugie
di Roberta Pelizer

Adesso mi devi stare a sentire e dovresti anche cercare di capire le mie parole e soprattutto i motivi che mi hanno spinto a fare quello che ho fatto”.
Non appena Miriam udii queste parole iniziò a dare di matto ed inveire contro Matteo che dopo averla lasciata sfogare la fece sedere sul divano e lei scoppiò in lacrime.

Adesso tu mi racconti tutto ed esigo la verità perché mio marito è morto e con lui anche io quindi non ho più niente da perdere e ti consiglio di essere sincero”.
Ma certo – rispose Matteo… – ti ricordi quando sono andato tutta l’estate in Spagna dopo la maturità? Ecco una sera in un locale ho conosciuto Olga una ragazza russa che si trovava in vacanza con alcune amiche e subito tra me e lei è nata diciamo una ‘simpatia’ non ci siamo scambiati i numeri di telefono ma ci siamo dati appuntamento sempre in quella discoteca per il giorno dopo, l’ho rivista insieme alle sue amiche ed abbiamo trascorso la vacanza tutti assieme e ci siamo divertiti, in tutti i sensi”.
Sì ma che c’entra, cosa c’entra con la morte di tuo padre questa ragazza russa che hai incontrato in vacanza?

C’entra Miriam, fidati e lasciami raccontare tutto sin dall’inizio altrimenti non puoi capire… Abbiamo ballato, bevuto, riso e fatto anche cose illegali; lei aveva la guardia del corpo ma non so come riusciva ad eluderla ogni volta che voleva ‘sgarrare’, era una mina vagante, sembrava non sentisse mai la stanchezza era diventata la nostra leader tutto noi facevamo quello che voleva lei, aveva una specie di magnetismo ed io ero totalmente sopraffatto da lei”.
Matteo incomincio a perdere la pazienza e non capisco questo tuo racconto di amori infantili come può essere legato all’incidente che è successo a tuo padre”.
Se ti ricordi da questa vacanza io sono rientrato una settimana prima del previsto perché è successo un fatto tragico in una delle nostre nottate di movida, eravamo tutti in spiaggia a fare il bagno, a bere e e fumare, Olga quella notte esagerò con qualcosa e ti giuro che non so di cosa si trattasse ma ad un certo punto collassò… iniziò tutti da lì … ”.
(Prosegue…)