Riceviamo e pubblichiamo
Domani, mercoledì 7 aprile, tra i programmi Rai: a “Passato e Presente” si parla del duca Emanuele Filiberto d'Aosta. Prima visione per la commedia di Fausto Brizzi “Modalità aereo” con Lillo e Paolo Ruffini.

A “Passato e Presente” Emanuele Filiberto d’Aosta:  il duca “invitto”
Nato nel 1869, Emanuele Filiberto di Savoia riceve l’educazione militare tipica della Real casa. Alto, atletico, raffinato, è molto apprezzato nel bel mondo ottocentesco e sposa la figlia del Conte di Parigi, la bella Helene d’Orleans. Un personaggio analizzato da Paolo Mieli e dal professor Francesco Perfetti a “Passato e Presente” in onda mercoledì 7 aprile alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Nel 1896 Emanuele Filiberto chiede di essere inviato in Africa orientale, ma la disfatta di Adua gli impedisce di partecipare alla guerra. Promosso generale, riprova a partire nel 1910 per la conquista della Libia, ma gli viene preferito il generale Carlo Càneva, mentre la moglie s’imbarca sulla nave ospedale Menfi come crocerossina. Allo scoppio della Grande Guerra, finalmente, il Duca d’Aosta è al comando di una grande unità: la famosa Terza armata, che combatte sul Piave e verrà celebrata per non aver subito nemmeno una sconfitta nel corso del conflitto. Dopo la Marcia su Roma, il duca d’Aosta e la moglie Helene manifestano simpatie verso il regime mussoliniano e, con la loro popolarità, garantiscono legittimazione al fascismo. L’immagine stessa del duca, la sua prestanza fisica e l’oratoria dannunziana, lo avvicinano all’ideale che il fascismo sta elaborando. 

Lillo e Paolo Ruffini in “Modalità aereo”: in prima visione la commedia di Fausto Brizzi
Modalità aereo” sarà la divertente commedia, in prima visione tv, proposta da Rai1 mercoledì 7 aprile alle 21.25. Diretta da Fausto Brizzi, è interpretata da Lillo Petrolo, Paolo Ruffini, Violante Placido, Dino Abbrescia e Caterina Guzzanti. Diego è un imprenditore di successo. Ricco e poco curante del bene altrui, non si fa scrupoli a sminuire il prossimo. Il suo atteggiamento gli si ritorce contro quando dimentica nel bagno di un aeroporto il suo cellulare di ultima generazione a cui sono collegati profili social, contatti e carte di credito. I due inservienti Ivano e Sabino, maltrattati in precedenza dall’arrogante manager, decidono di vendicarsi e di sfruttare la lunga durata del suo volo verso Sidney per rubargli la sua vita digitale e non solo…