di Roberta Pelizer
Tornano i “casi umani” raccontati da Roberta Pelizer, titolare del brand RP: oggi ci “parla” dei “Piacioni”.

Un esemplare di maschio che si sta sempre più diffondendo è “ il piacione” ma quali caratteristiche presenta questo personaggio che nel 100% dei casi si nasconde dietro un social network?
Scopriamolo assieme…
Esistono vari tipologie comportamentali di questi soggetti che utilizzano Instagram come trampolino di lancio per le loro tattiche di approccio.

Ecco alcuni esempi: “il piromane” quello che ti mette l’emoticon del fuoco a ogni minima cosa che posti, dal concerto alla quale sei stata al piatto che ti cucini in una tristissima serata noiosa, e se per caso vede una scollatura o qualcosa del genere l’incendio è assicurato.
L’intellettuale” esemplare maschio che usa chiaramente Instagram per rimorchiare ma non vuole farlo a vedere: puntualmente guarda (come tutti i piacioni che si rispettano) tutte le stories mettendo commenti che non lasciano trapelare il suo vero scopo ma quanto meno da dialogare.
Quello fidanzato” ovvero colui che si trova nel girone dell’inferno perché per lui Instagram è tutto a portata di mano ma non può fare passi falsi e si sente come una persona che è a dieta e passa davanti ad una pasticceria ma non ci può entrare e allora si limita a mettere qualche faccina qua e là con la speranza di rimanere nel sottobosco ma allo stesso tempo pensa che non ci sia malizia dietro a quel gesto di che quindi tutte possono dormire sonni tranquilli.

Il chiacchierone” colui che rappresenta la categoria degli oratori che amano il suono della propria voce e pensano che anche la scrittura possa avere lo stesso effetto e quindi si lanciano con sette/ otto messaggi alla volta prendendosi così una confidenza non concordata.
In ultimo ma non per ultimo è “Lo sfacciato” quello per il quale le foto in costume e i top scollati sono il suo pane, di solito parte soft con qualche commento ma l’escalation verso le dichiarazioni più o meno focose è subito servita e non si limita solo a quello ma si lancia in vere e proprie “pagelle” verso se stesso in quanto maschio e di solito sono quelli più martellanti perché il loro ego legato anche ad un po’ di ignoranza è a livelli tali da fargli perdere la realtà.