di Daniele Grillo
Il premio “Artista dell’anno 2020” lo vince un ragazzo di diciannove anni che vive in un sobborgo della città di Alessandria. È lo stesso premiato, Daniele Grillo, che si racconta.

Mi chiamo Daniele Grillo, sono un ragazzo di 19 anni che vive a Cascinagrossa, una piccola frazione in provincia di Alessandria, con la passione per le string art, un tipo di arte emergente poco conosciuta soprattutto in Italia.
La mia prima “opera” la feci due anni fa per il compleanno di mia madre, e durante i vari lockdown mi sono cimentato a tempo pieno nella creazione di altri lavori che prontamente pubblico sul mio profilo Instagram @stringart.grillo e sulla mia pagina facebook chiamata con il medesimo nome, alcuni di questi lavori personalizzati sono esposti in alcuni posti in Alessandria; nel bar del centro sportivo Centogrigio, nel ristorante e pizzeria La Dolce Vita, dal gommista Mister X Pneumatici e nel bar del campione mondiale del caffè Filippo Mezzaro.

Un giorno vidi un annuncio riguardante un concorso della relazione di ArtNow di Palermo, una compagnia internazionale artistica che promuoveva e premiava determinate persone scelte dai loro critici, mi sono iscritto e con grande sorpresa mi hanno scelto (l’unico ad aver vinto il premio con questa tecnica chiamata “string art“) e insieme ad altri artisti hanno deciso di pubblicare una pagina per ognuno di noi sulla loro rivista nel volume di gennaio e febbraio dell’anno passato, di far recapitare un premio commemorativo che afferma che abbiamo contribuito ad arricchire il patrimonio artistico dell’anno 2020 e di fare una mostra online il 26 febbraio 2021 sul loro sito con le opere selezionate, tra cui la mia.
Il mio sogno è quello di farlo diventare un lavoro, di mostrare al mondo ciò che posso dare, attraverso i miei fili, attraverso il tempo e le decine di ore che vengono impiegate per tenderli tra il primo chiodo e quelli successivi, attraverso i colori e le sfumature quasi impossibili da creare.. mostrare me, nella speranza che qualcuno possa apprezzarlo.