Riceviamo e pubblichiamo
Domani, giovedì 21 gennaio, tra i programmi Rai consigliamo la Rivoluzione Francese ad “a.C.d.C.” con introduzione del professor Alessandro Barbero e un affascinante viaggio dietro le quinte del Museo d’Orsay a Parigi.

La “Révolution!” del professor Barbero: gli anni dal 1789 al 1791
La Rivoluzione Francese ricostruita come un documentario filmato tra il 1789 e il 1795: anni narrati in prima persona dalle voci dei protagonisti e dei testimoni oculari nella serie in due puntate “Revolution!”, in onda in prima visione giovedì 21 gennaio alle 21.10 su Rai Storia per “a.C.d.C.”, con l’introduzione del professor Alessandro Barbero. Politici, giornalisti e semplici cittadini raccontano i grandi eventi rivoluzionari e gli sconvolgimenti della vita quotidiana dei francesi, le loro emozioni, paure, speranze. Una straordinaria esperienza di democrazia e insieme di sangue.  Nel 1789 la convocazione degli Stati Generali innesca una crisi istituzionale: i delegati formano un’Assemblea Nazionale, che Luigi XVI è costretto a riconoscere. Temendo una repressione la rivolta popolare si scatena il 14 luglio contro la fortezza della Bastiglia. L’Assemblea adotta la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino e una nuova organizzazione politica che fa della Francia una monarchia costituzionale. Il tentativo di fuga del re precipita gli eventi.

Il Museo d’Orsay, lo spettacolo dell’arte: un gioiello di Parigi
Un affascinante e curioso viaggio dietro le quinte di uno dei più famosi e visitati musei del mondo: è “Il Museo d’Orsay, lo spettacolo dell’arte”, scritto e diretto da Bruno Ulmer, in onda giovedì 21 gennaio alle 19.30 su Rai5.
Il documentario racconta un luogo che vede oltre tre milioni di visitatori l’anno e ospita una collezione di quasi 100 mila opere, 70 mila delle quali custodite nei depositi.