rubrica a cura di Fabrizio Capra
“Io e Te” è il nuovo singolo di Lorenzo Ciaffi feat. Biondo. Nuovo atteso singolo di EMO, “Duemila Diamanti. “Un lupo” il nuovo brano di Aban. Ysé : “Re e Regine” il nuovo singolo dell’artista emiliana.

LORENZO CIAFFI
Esce il 22 gennaio su tutte le piattaforme digitali, per l’etichetta BMG, “Io e Te”, il nuovo singolo di Lorenzo Ciaffi feat. Biondo, esponenti della “generazione Z” nella scena romana. Dopo essersi affacciato sulle piattaforme digitali superando i 3mln di streaming con il brano “Sentimenti”, Lorenzo Ciaffi, dopo aver pubblicato altri due brani “Le Stesse Parole” e “Tra le stelle”, torna in radio e sulle piattaforme con un brano scritto insieme a Biondo, già noto ai media per la sua attività musicale nata prima nella scena rap romana e successivamente ad Amici, proseguita poi con una carriera costante e che si alterna oggi tra film e progetti musicali. Dice Lorenzo in merito a questa collaborazione: “Quasi un anno fa, iniziai a scrivere una canzone durante uno dei periodi più difficili della mia vita, da quel momento ho subito sentito il bisogno di condividerla con voi, ma volevo renderla ancora più speciale, serviva un artista, anzi un amico, che potesse capire a pieno il mood della canzone, dopo mesi e mesi ci siamo trovati, ed ora è tutto pronto!. Lorenzo Ciaffi è un ragazzo tanto vivace quanto sensibile. Appassionato delle tastiere, suona il pianoforte e soprattutto scrive, iniziando a usare la scrittura come sfogo e introspezione, ricercando l’evasione da una realtà soffocante. Nelle sue canzoni narra la quotidianità del tipico ragazzo romano, rappresentando lo spirito che investe la Capitale, ed elabora la varietà di armonie fra le quali è cresciuto, dal classico al blues fino al jazz, in un personalissimo flow figlio del terzo millennio.

EMA
Quale può essere il valore di un ultimo bacio? Forse più di duemila diamanti. Questo il quesito attorno al quale ruota il testo di “Duemila Diamanti”, l’ultimo singolo di EMA. Il brano racconta un’esperienza vissuta davvero, ma che allo stesso tempo va a fondersi con l’immaginazione: tramite la storia del protagonista, che solo poco prima ha rotto una relazione per lui importantissima  vengono, in un primo momento, rappresentati tutti i momenti di sconforto e smarrimento, ma nella seconda metà, prende una piega completamente diversa e il protagonista decide di alzarsi e cominciare a correre verso il punto in cui la relazione é terminata, ad esprimere la voglia di rialzarsi, ricominciare a camminare e tornare sui propri passi. Nel finale i due si rincontrano e si fermano uno davanti all’altra: “L’ultimo bacio lo vuoi anche te, forse più di duemila diamanti”.
Emanuele Prisano nasce il 24 Aprile 1989 a Tivoli, in provincia di Roma. Dopo aver capito che la musica è il suo mezzo di comunicazione, decide di iscriversi a una scuola di canto all’età di 19 anni.
Nello stesso periodo partecipa al concorso canoro “Una Canzone per l’estate “ dove, oltre ad aggiudicarsi il primo posto, ottiene l’accesso diretto alle semifinali Castrocaro. Visto il bisogno di esprimere le proprie emozioni decide di iniziare una collaborazione con la casa discografica Cantieri Sonori a Roma e pubblica così il suo primo Singolo “Adesso che“. Successivamente si chiude in studio per produrre il suo primo “EP” intitolato “Ci Vuole Coraggio” disponibile su tutte le piattaforme digitali da settembre 2019. Attualmente sta lavorando al suo prossimo “EP”, di cui è prevista l’uscita nel 2020, e nel frattempo continua a perfezionare le sue tecniche di canto ed interpretazione secondo la tecnica del Vms Italia di Loretta Marinez, oltre a perfezionare la scrittura dei suoi brani. (Link al video)

ABAN
Aban
,  “Un lupo” il nuovo brano prodotto da Clas K. Come un lupo solitario l’mc continua a portare il suo messaggio percorrendo il sentiero tracciato dal rap più puro e underground. “Un lupo”, tratto dall’album “Rap Inferno” di prossima uscita, è il brano che descrive Aban come  l’ultimo del suo branco. L’mc salentino rivendica la sua fedeltà all’hardcore e all’underground, avendo conservato lo stile puro di chi non ha tradito questo genere. Con questo brano chiama a raccolta altri lupi, affinché il branco possa tornare ad essere numeroso per continuare a diffondere il messaggio originale del genere, così il suo sforzo e quello di chi è venuto prima di lui continuerà a viaggiare di fianco ai più giovani sul sentiero dei lupi. Ogni barra è come un dente affilato, un ululato alla luna vitale quanto la musica. L’obiettivo è portare un messaggio che mantenga saldi i punti cardine della cultura underground e indipendente ma, soprattutto, mantenere viva la presenza artistica di chi è partito prima, dando la possibilità a chi oggi sceglie il sentiero dei lupi di farlo con consapevolezza, capendo quanto valore abbia poter rappresentare l’hardcore. «Rappresentare per l’hardcore è un privilegio e un dono» dice Kaos One. «Il lupo è un animale che vive in branco, ma che riesce a vivere da solo. E questo gli permette di sopravvivere senza dover appoggiarsi ad una squadra o senza dover sottostare a dei legami. Di fronte ad una gerarchia totalitaria il lupo sceglie la solitudine, la difficoltà, o la morte, se necessario. Il branco è una cosa universale. Il leader del branco non è un leader per supremazia, è un leader per esperienza. E questa sua esperienza può diventare una guida per gli altri membri del branco» Aban. Il video che accompagna il brano è stato diretto da Luca Bianchini. Fotografia e montaggio sono di Giovanni Cavallini. Etichetta: Sud est records

YSÈ
Ysè
 (Francesca Madeo) “Re e Regine (des erreurs)” è il nuovo singolo dell’artista emiliana che anticipa il suo Ep di prossima uscita “Pieces”. Un brano rappresentativo del groove contaminato dell’artista che usa tre lingue, inglese, francese ed italiano, fondendole in un linguaggio unico. Re e Regine (des erreurs)”, ovvero “Re e Regine degli errori” attraverso l’uso di tre lingue diverse, parla di una battaglia che oggi accomuna e unisce tutti noi, Re e Regine degli errori, ossia quella contro il virus e la pandemia che tanto ci sta provando. La melodia trasporta sin dalle prime note in un’atmosfera cupa, dove l’unica fonte di luce è “la lumière dans la rue” che illumina gli orrori causati dalla guerra, definita nel testo come invisibile, “invisible third war”, nonché lo stato di emergenza in cui il mondo sta vivendo da ormai molti mesi. I Re e le Regine sono vittime e ugualmente carnefici, stanchi e circondati da una polvere che faticano a spazzare via, e che loro stessi potrebbero aver creato. Tuttavia, consapevoli non solo degli errori, ma anche della loro forza, avanzano e lottano per mano, uniti, “pour une autre chance”. Ysé lancia nel brano un messaggio ben preciso a chi ascolta: “Every cloud has a silver lining”, non tutto il male viene per nuocere. Etichetta: San Luca Sound.