di Massimo Zappia
Il giovanissimo Massimo Zappia ci propone una riflessione su questo 2021 che inizia tra tante difficoltà e su come vede il prossimo futuro.

Ciao a tutti, dopo aver passato un 2020 non facile per tutti quanti, con diverse restrizioni da parte del governo, dobbiamo essere pronti ad affrontare questo nuovo anno più forti di prima.
In questo 2021 si presuppone la riapertura delle scuole, ma a dir la verità io sono un po’ contrario a questa riapertura così in fretta, dopo aver passato un anno veramente tragico.
Perché sulle scuole non tutti rispettano le regole come dovrebbero, si sta ammucchiati, gli abbracci, i saluti con la mano sono tutti un insieme che fanno la differenza e a causa di questo ci ritroveremo, spero di no, di nuovo a chiuderci in casa e a non uscire completamente come nella prima ondata.
A mio parere la cosa più logica da fare, visto che siamo quasi a metà gennaio è di finire ormai questo anno scolastico in didattica a distanza.

So benissimo che non è facile per tutti neanche per me, stare dietro a un computer per 6 ore giornaliere è si deve anche capire le lezioni che si fanno, però l’unico modo più sicuro e affidabile, per non salire con la curva dei contagi è questo.
Con tutte le riaperture in fretta cioè di: negozi, palestre, scuole, bar e ristoranti andremo tutti ammucchiati e quindi con una risalita di contagi in una maniera molto veloce; la situazione più adatta sarebbe quella di una riapertura graduale molto lenta, so che non e facile però sarebbe l’unico modo.
Il desiderio più grande per tutti noi, è quello di eliminare il virus che è da un anno che combattiamo in guerra contro questo nemico invisibile, e soprattutto di ritornare alla normalità di tutti i giorni come prima, che tra un po’ se continuiamo così c’è la scordiamo.
Speriamo che il vaccino Anti-Covid porti i suoi frutti a galla è che tutti lo facciano in maniera consapevole.
Un saluto a tutti.