Riceviamo e pubblichiamo
Ogni tanto è importante rallentare e fermarsi. E poi provare a non guardare avanti, ma dentro di noi: così fa Irene, la protagonista del romanzo d’esordio di Annalisa Margarino, che scrive una storia di formazione introspettiva al femminile, perfetta per chi ama immergersi nell’universo interiore dei personaggi. 

Pubblicato ad agosto 2020 dalla casa editrice bookabookLo scrigno di Irene è il primo romanzo di Annalisa Margarino.
Per l’autrice la scrittura è un laboratorio dell’anima e proprio con il suo romanzo d’esordio riesce a scavare ed esplorare il mondo interiore della protagonista. Irene vive a Roma insieme al marito Riccardo e ama osservare le vite che scorrono davanti alla sua finestra. In particolare decide di prendersi cura di Shadon, un indiano che lava i vetri delle auto al semaforo, uno straniero che però viene accolto dalla gentilezza di Irene.
La giovane donna lavora come segretaria dal dietologo e psicologo Silenti, che ha aggiunto una singolare clausola nel suo contratto di lavoro: un’ora di seduta alla settimana con il dottore. In quei momenti di riflessione, Irene si libera dei proprio dubbi, dà voce alle proprie domande e inquietudini, ripensa a sé stessa, al suo percorso e al suo futuro, soprattutto quando scopre di essere incinta.
Con una scrittura delicata e un punto di vista al femminile, Annalisa Margarino scrive un romanzo di formazione introspettivo, rovesciando all’esterno i pensieri, le paure, le emozioni della sua protagonista Irene.

SinossiIrene, dalla finestra del suo appartamento, osserva le vite che scorrono nel palazzo di fronte: si interroga, muove pensieri verso esistenze sconosciute, in attesa di comprendere la propria. È sposata con Riccardo e insieme a lui decide di prendersi cura di Shadon, un indiano che lava i vetri delle auto al semaforo e che si è rotto la tibia. Lavora come segretaria per Silenti, dietologo e psicologo. Nel contratto è prevista una singolare clausola: un’ora di seduta settimanale con il dottore. In quei momenti Irene ferma l’anima, confessa inquietudini e vuoti non ancora colmati. Fino al giorno in cui percepisce di avere una finestra in pancia: non è più tempo per cercare luoghi, ma finalmente per essere luogo.
Lo scrigno di Irene è disponibile in tutte le librerie, anche in digitale in formato ebook, sul sito di bookabook e su Amazon.
Annalisa Margarino (Torino 1978) è cresciuta e ha studiato Filosofia a Genova. Dopo una lunga permanenza a Roma per gli studi teologici presso la Pontificia Università Gregoriana e gli impegni lavorativi, oggi vive e insegna religione a Genova. Non ha mai abbandonato la passione per la scrittura che considera laboratorio per l’anima e cantiere di idee, grande sfida di incontro e dialogo con il mondo. Scrive storie per adulti e per bambini, collabora con riviste e realtà culturali. È autrice del blog finoaquando.com.