di Alessia Panati

Eccomi qui a scrivere i buoni propositi e le speranze che ripongo per il 2021 che sta per arrivare.
Non è una cosa così semplice come sembra perché ho come la sensazione che questo 2020 che ci prepariamo a lasciarci alle spalle, ci darà modo di voltarci indietro ogni tanto…
I miei buoni propositi? Sicuramente devo imparare a dire NO quando serve, a pensare un pochino più a me stessa senza ovviamente togliere nulla alla mia famiglia.
Può sembrare un discorso da egoisti, ma chi mi conosce bene, so che starà esclamando due cose: “Oh era ora” oppure “Ogni anno dice cosi poi…”
Speranze?
Beh, che questo anno abbia fatto riflettere tanto le persone su quanto sia importante lasciare perdere le frivolezze, la superficialità e la presunzione di essere e sapere.
Capiscano che è importante confrontarsi perché non tutti siamo uguali e viviamo allo stesso modo ma non per questo bisogna puntare il dito.
Che bisogna dire grazie quando si ha la salute e il bene dei propri cari.
Che torni il lavoro per tutti.
Che i nostri bambini e ragazzi conoscano un mondo diverso,pulito.
Non per ultimo, la speranza più forte è che questo virus non faccia più vittime.
Sinceri auguri.