Riceviamo e pubblichiamo
Raffaello Sanzio, il principe del Rinascimento, il primo passo verso la modernità. Claudio Strinati ospite alla Fondazione Ferrero converserà con Piero Bianucci. Venerdì 27 novembre 2020, ore 18 online sulla pagina Facebook e sul sito della Fondazione Ferrero.

Venerdì 27 novembre alle ore 18, il professor  Claudio Strinati converserà online con Piero Bianucci su Raffaello Sanzio. Nel 2020 cade il cinquecentesimo anniversario della morte di Raffaello (Urbino 1483-Roma 1520), genio indiscusso dell’arte rinascimentale, tra i massimi artisti italiani, attivo nelle Marche, in Toscana e alla corte papale, modello di bellezza, eleganza, cultura capace di rimanere un riferimento leggendario per secoli.
Il professor Claudio Strinati è stato membro del Comitato istituito dal Ministero dei Beni culturali per le celebrazioni del cinquecentesimo anniversario della morte di Raffaello. Lo scorso marzo ha pubblicato Il giardino dell’arte (Salani), una sorta di invito al “viaggio tra le meraviglie d’Italia” rivolto alle giovani generazioni sotto forma di romanzo e saggio critico tendente a mettere in luce le grandi tematiche e grandi personaggi della storia dell’arte italiana.
Sarà possibile seguire la conferenza in diretta sulla pagina Facebook della Fondazione Ferrero e sul canale di streaming accessibile dal sito  www.fondazioneferrero.it.
Per informazioni: tel. 0173295259
www.fondazioneferrero.it – info@fondazioneferrero.it

Nato nel 1948 a Roma, Claudio Strinati si è laureato in Lettere con specializzazione in Storia dell’arte. Ha percorso tutti i gradi della carriera di funzionario e dirigente nel Ministero dei Beni e delle Attività Culturali dove è stato tra il 2001 e il 2009 Soprintendente speciale per il Polo Museale Romano e poi Direttore Generale fino al 2013. Organizzatore e curatore di innumerevoli mostre di grande rilievo nazionale ed internazionale, è tra i maggiori conoscitori al Mondo dell’arte del Cinquecento e del Seicento italiano. Tra le tante, ha ideato nel 2010 la mostra sul Caravaggio alle Scuderie del Quirinale, nel quarto centenario della morte del maestro. Con oltre 600.000 visitatori, è stata la mostra più visitata di sempre nel nostro Paese dal dopoguerra. Strinati è Direttore Scientifico della Fondazione Sorgente Group per l’arte e la cultura, collaboratore del Teatro di Roma nelle attività culturali dedicate all’arte, collaboratore dell’Auditorium-Parco della Musica di Roma, collaboratore di Radio Rai3 e di Rai5 nell’ambito dei programmi inerenti alle arti figurative. È giornalista per i quotidiani “La Repubblica” e “Il Messaggero”. È consigliere di amministrazione delle Gallerie nazionali d’Arte Antica in Roma. Per la sua attività di organizzatore di importanti mostre in Francia (la più recente è Les Borgia et leur temps al Museo Maillol di Parigi 2014-15) ha ottenuto la Legion d’Onore dal Governo francese. È Accademico Cultore dell’Accademia Nazionale di San Luca e membro del Gruppo dei Romanisti e dell’Istituto Nazionale di Studi Romani. È tra i più accreditati specialisti al mondo nel settore del restauro delle opere d’arte e degli strumenti musicali antichi. In questa veste, ha diretto centinaia di interventi nel territorio romano e laziale. Fonda nel 2015 con Federico Strinati a Roma la Società Dialogues, dedicata alla divulgazione culturale di alto livello, alla produzione e alla curatela di Mostre Nazionali ed Internazionali, alla progettazione e realizzazione di audiovisivi, opere editoriali ed allestimenti museali permanenti e temporanei.