Riceviamo e pubblichiamo
Domani, venerdì 13 novembre, tra i vari programmi del palinsesto Rai vi segnaliamo: un ritratto di Cavour per “Passato e Presente” e un documentario su Saint-Exupéry e il mito del Piccolo Principe.

“Passato e Presente” racconta Cavour, il ritratto dell’uomo e del politico
Politico di genio, giornalista, statista, Camillo Benso conte di Cavour è un uomo dallo spirito curioso e appassionato. Un personaggio raccontato dal professor Lucio Villari e da Paolo Mieli a “Passato e Presente”, il programma di Rai Cultura in onda venerdì 13 novembre alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Prima di diventare l’uomo politico lungimirante che invia le truppe piemontesi in Crimea per sedere al tavolo dei vincitori e tessere così il complesso disegno diplomatico che porterà all’unità d’Italia, Cavour è un brillante uomo d’affari, che gestisce con profitto le tenute di famiglia, sperimentando metodi di gestione e strumenti di lavoro sempre all’avanguardia. Liberale curioso, viaggia alla ricerca di nuove idee e delle ultime novità in campo economico e tecnologico. Lontano dall’essere soltanto il freddo stratega che i manuali di storia hanno dipinto, la sua vita è attraversata anche da grandi amori: donne alle quali ha lasciato lettere cariche di passione.

Saint-Exupéry, aviatore e scrittore: il mito del “Piccolo Principe”
La vita avventurosa e la prodigiosa produzione letteraria di Antoine de Saint-Exupéry, il bambino che voleva imparare a volare e che poi diventerà un pilota protagonista di mille avventure e uno scrittore di fama mondiale. La racconta il documentario “Saint Exupery, aviatore e scrittore” in onda venerdì 13 novembre alle 19.30 su Rai5. Attraverso la testimonianza di amici e colleghi aviatori civili e militari, questo documentario racconta le peripezie, dalla Francia all’Argentina e dagli Stati Uniti ai cieli dell’Europa in guerra, di “Saint-Ex”, il grande sognatore che era riuscito a coronare il sogno di infanzia e diventare davvero un pilota. Anche se la sua carriera di aviatore è costellata di disavventure, fallimenti e delusioni, la misteriosa scomparsa, nel luglio 1944, ha definitivamente proiettato Antoine de Saint-Exupéry nel mito. A tutt’oggi, il suo racconto “Il Piccolo Principe” è il libro più tradotto dopo la Bibbia.