Riceviamo e pubblichiamo
La campagna viene realizzata attraverso una serie di ritratti raffiguranti abbracci, immagini intime ed emotive immortalate dalla fotografa ritrattista e documentaristaSarah Blais. Inoltre è stato realizzato un film toccante intitolato '100 Years of Hugs', supervisionato e diretto daVincent Haycock, visual storyteller di fama mondiale, e accompagnato dal brano 'Godspeed' del leggendario cantautoreFrank Ocean.  La semplicità e l'impatto emotivo dell'abbraccio possono essere...

La campagna “Will We Hug Again” di Zalando viene realizzata attraverso una serie di ritratti raffiguranti abbracci, immagini intime ed emotive immortalate dalla fotografa ritrattista e documentarista Sarah Blais. Inoltre è stato realizzato un film toccante intitolato ‘100 Years of Hugs’, supervisionato e diretto da Vincent Haycock, visual storyteller di fama mondiale, e accompagnato dal brano ‘Godspeed‘ del leggendario cantautore Frank Ocean
La semplicità e l’impatto emotivo dell’abbraccio possono essere percepiti in tutta la campagna. Che si tratti di amici che camminano a braccetto, di una figlia che abbraccia l’anziano padre, o dell’abbraccio tra coppie qualsiasi età, genere e orientamento, i protagonisti sono persone reali in cui ci si può identificare, che allontanano l’attenzione dalla rappresentazione scenica, dai modelli e dalla moda per portarla su un messaggio di speranza per il futuro, quando riusciremo nuovamente ad abbracciare i nostri cari. 

I rapporti umani sono il concetto di fondo della nostra campagna per le festività, che riecheggia nel nostro modo di interagire con i clienti. La nostra strategia sta nell’essere innanzitutto affabili, il che ci consente di entrare in contatto e interagire con i consumatori attraverso storie pertinenti in cui ci si può identificare – Barbara Daliri, Senior Vice President Sales & Marketing di Zalando, ha commentato – Ci tenevamo ad affrontare le circostanze eccezionali e l’incertezza di questa stagione festiva e, allo stesso tempo, a condividere con la nostra comunità la speranza di riuscire un giorno a ricongiungerci con i nostri cari“. 
La campagna è stata lanciata il 1° novembre e si svolge in due mesi. Ha preso il via con un teaser pensato per destare curiosità e stimolare la conversazione. In questa prima fase, i ritratti raffiguranti gli abbracci sono apparsi come enormi murales senza alcun logo in posizioni ben visibili nelle città di tutta Europa. Delle due figure che si abbracciano, se ne vede una sola, con l’interrogativo ‘Will We Hug Again?’ 
Dall’8 novembre, Zalando rivendica la paternità di questa campagna e ne divulga il messaggio ottimista: ‘We Will Hug Again’. Questo messaggio di speranza verrà diffuso in vari formati, con l’inserimento della figura mancante nei murales, su tutti i canali social, digitali e pubblicitari, e con il commovente film ‘100 Years of Hugs’ diretto da Haycock, con le foto still-life scattate da Blais, con la pubblicità esterna, la pubblicità digitale esterna e i canali sociali di proprietà, grazie all’ampio ed eterogeneo cast di questa campagna.

La campagna a 360° è stata creata in collaborazione con l’agenzia creativa Anomaly Berlin e sarà lanciata in tutta Europa, in tutti i 17 mercati di Zalando. Veit Moeller, Creative Executive Director di Anomaly Berlin, ha aggiunto: “Questa campagna semplice ma potente è una promessa per il nostro futuro. L’obiettivo era quello di eliminare tutti gli strati esterni associati alla stagione festiva e identificare il simbolo più puro e più iconico dei rapporti umani: l’abbraccio. Realizzare un servizio fotografico per la campagna in diversi Paesi, assolutamente da remoto e durante una pandemia globale, è stata una bella sfida e siamo entusiasti di portare il messaggio di Zalando al mondo.
Il film è stato girato in Nigeria, Vietnam, Italia, Messico, Svezia e Germania da quattro registi, sotto la magistrale supervisione di Haycock. Ogni singolo filmato racconta la storia di un abbraccio, ma è accomunato agli altri dallo stesso look and feel, pertanto è possibile fruire di ogni filmato individualmente o come un unico film. Al toccante messaggio del film contribuisce il brano ‘Godspeed’ di Frank Ocean, incentrato sui rapporti umani e sulla solidarietà