Riceviamo e pubblichiamo
L'appello dell'abruzzese Roberta Di Luca, tetraplegica in “Due Secondi”, diventa un libro ed un disco!

Come può accadere che la vita ti cambi in Due Secondi, lo sa bene Roberta Di Luca, di Alba Adriatica, in provincia di Teramo, che ha così visto stravolgere la sua vita, diventando, d’un tratto, tetraplegica.

Si dipinge come una farfalla, e, quando non ci sperava più,  da una disavventura,  è nata, inaspettatamente, un’opportunità, quella che la lega a doppio filo, agli artisti conterranei Osvaldo Di Domenico e Nancy Fazzini, che, tra scrittura e musica, hanno realizzato il sogno di Roberta.
«Raccolgo il mio coraggio e mi affaccio al mondo trasformando la mia esperienza dolorosa in un piccolo spiraglio di speranza e voglia di combattere nonostante tutto e tutti. È faticoso ma la mia umanità, che cerco negli altri non a senso unico, provo a manifestarla come posso. Così, ho reso disponibile la mia esperienza di vita per la scrittura di un libro: un viaggio nelle emozioni, nelle consapevolezze, nella ribellione, nell’accettazione, nella metamorfosi. Mi piace l’idea di essere una farfalla….nonostante io non possa volare fisicamente, posso farlo con la mente, con la fantasia, con la creatività….e ringrazio chiunque voglia contribuire a tale desiderio, possibile solo con il calore e la fiducia altrui» afferma Roberta Di Luca.

«Per un disabile, sentirsi utile è motivo di vita, sentirsi partecipe di un progetto comune costruttivo, riempie i polmoni di quell’ ossigeno che a volte manca per davvero!!! E proprio quando senti di svenire dallo sconforto, il pensiero che qualcuno abbia bisogno di te nonostante tu sia disabile, riaccende quella fiamma vitale che tutto scalda» conclude Roberta.
Un libro intenso, avvolgente, soprattutto per le storie di vita che ha intrecciato. Da non perdere.
Ovaldo Di Domenico
Due Secondi
Artemia Nova Editrice