Riceviamo e pubblichiamo
Domani, giovedì 5 novembre, nuova serie di “a.C.d.C.” dedicata ai Vichinghi con il professor Alessandro Barbero. Per la serie “Città segrete” si parla di Barcellona.

“a.C.d.C.” e il grande viaggio dei Vichinghi con il professor Barbero
Il professor Alessandro Barbero torna sul piccolo schermo con una nuova serie dedicata ai Vichinghi, per il ciclo “a.C.d.C.”. Il primo appuntamento, in onda in prima visione giovedì 5 novembre alle 21.10 su Rai Storia torna ai secoli “bui”, tra il VI e il VII secolo, quando una serie di eventi climatici colpisce la Scandinavia, provocando carestie e riducendo la produzione agricola e la popolazione. Ed è nel periodo immediatamente successivo che si afferma in Europa l’immagine dei Vichinghi come barbari massacratori di monaci inermi, perché dalla Scandinavia sono in molti ad avventurarsi sul mare alla ricerca di una vita migliore, sviluppando un nuovo, caratteristico tipo di nave a vele con le quali cominciano a seminare il terrore. E Le prime incursioni vichinghe di cui si hanno notizia sono gli assalti e le razzie ai monasteri e alle zone costiere delle isole britanniche.

Città segrete: Barcellona
Una guida turistica per amanti di rarità artistiche fuori dal comune: è la serie “Città segrete“, in onda da giovedì 5 novembre alle 20.30 su Rai5. In tre episodi, i giovani e appassionati storici dell’arte Janina Ramirez e Alastair Sooke vanno alla scoperta di segreti e angoli nascosti di tre capitali della cultura europea – Barcellona, Amsterdam, San Pietroburgo – per dimostrare come queste città non siano solo destinazioni molto popolari tra i giovani, meta di vacanzieri a caccia di spiagge, divertimento e shopping, ma anche scrigni colmi di meraviglie sconosciute. Protagonista del primo episodio è la città di Barcellona. Sebbene sia famosa per i suoi esuberanti edifici modernisti, il quartiere gotico e superstar come Picasso, Janina e Alastair sono determinati a svelare le rarità meno note della città, sfuggendo alla folla sulle Ramblas. Scovano così i disegni di un ingegnere che forse ha lasciato il segno ancor più di Antoni Gaudí; Alastair si meraviglia degli affreschi romanici che hanno ispirato un giovane Miró, mentre Janina scopre le sorprendenti collezioni di uno dei musei più notevoli ma poco visitati della città: il Museo Frederic Marès. Un tour frenetico e colorato intorno all’arte e agli artisti che animano questa città.