Riceviamo e pubblichiamo
Riapre fino al 30 marzo 2021 il bando di concorso per partecipare alla XVI edizione del Festival delle Lettere, dedicata al tema della scuola. “Lettera alla scuola”, non soltanto un luogo, ma anche e soprattutto un insieme di persone, storie, sogni e idee che da sempre diventano punto di incontro e di scambio tra i grandi di oggi e quelli di domani. Altre categorie in concorso e categorie fuori concorso.

Riapre fino al 30 marzo il bando di concorso per partecipare alla XVI edizione del Festival delle Lettere, dedicata al tema della scuola. Quando, nel settembre 2019, è stato presentato il tema “Lettera alla Scuola” non si poteva immaginare quanto attuale sarebbe stato ancora un anno dopo. Lo scoppio della pandemia e tutti i provvedimenti che ne sono seguiti hanno tuttavia impedito di programmare come di consueto tra fine settembre ed inizio ottobre gli eventi conclusivi del Festival e la premiazione delle lettere vincitrici.

Per questo motivo, in questi mesi difficili il Festival delle lettere ha invitato – e vuole continuare a farlo tuttora – tutti gli amanti della scrittura epistolare, e non solo, a impugnare carta e penna per dare voce a emozioni, paure, ricordi, esperienze e speranze da mettere nero su bianco per condividere una pagina importante della propria vita.
La scuola è dunque al centro della nuova edizione del Festival: non un semplice luogo o un insieme di banchi, sedie e corridoi, ma anche e soprattutto, un crocevia importante di relazioni, sogni e idee che nascono e si perfezionano nell’incontro tra i grandi di oggi e quelli di domani.
Stravolta da quanto sta accadendo in questi mesi, ma capace, nonostante le tante difficoltà, di rimanere un punto di riferimento per alunni, insegnanti e famiglie, la scuola è infatti da sempre il luogo d’incontro – e a volte di scontro – fra vite, menti, cuori e caratteri. È la culla di relazioni più o meno durature e segnanti e una palestra di crescita, in cui ognuno a suo modo interagisce con regole da rispettare, aspettative da soddisfare, giudizi da confermare o smentire e ostacoli da superare nel presente, per raggiungere il proprio futuro imparando dal passato.

Adesso ancora di più si tratta di un tema in grado di risvegliare la voglia di scrivere di grandi e piccoli: quelli a cui la scuola è mancata e quelli che invece hanno apprezzato le lezioni da casa; quelli che tra una call di lavoro e l’altra hanno ripassato le tabelline, l’analisi logica, la struttura del sistema solare o i pittori impressionisti; chi si è scoperto abile con le nuove tecnologie e chi ha dovuto affidarsi ai tutorial; o chi, infine, all’improvviso si è trovato spaesato nel silenzio totale dato dall’assenza degli studenti nei corridoi degli istituti scolastici.
Con “Lettera alla scuola” il Festival delle lettere si rivolge quindi a studenti, docenti, genitori, personale scolastico che potranno raccontare esperienze ed emozioni vissute tra i banchi di scuola o a casa davanti allo schermo di un computer o di un tablet, ma anche a tutti coloro che vorranno condividere un ricordo vissuto durante il proprio percorso scolastico o quello dei propri bambini e ragazzi, senza il timore di prendere un brutto voto, ma solo con il desiderio di raccontare una storia importante della propria vita.
Come per le scorse edizioni, oltre al tema dell’anno, ci sarà la possibilità di partecipare anche ad altre categorie in concorso: “LETTERA A TEMA LIBERO”“LETTERA UNDER 14” (per i nati dal 1° gennaio 2006 in poi), “LETTERA DAL CASSETTO” (possibilità di iscrivere una lettera di proprietà del partecipante al concorso risalente ad almeno vent’anni fa, cioè antecedente al 1° gennaio 2000). Fino al 30 marzo 2021 viene riaperto anche il bando di partecipazione alle categorie fuori concorso “LETTERA DI UN’ADOZIONE”, proposta dal Festival delle lettere in collaborazione con Italiaadozioni, e “LETTERA DAL CARCERE”.

Anche chi ha inviato una lettera prima dell’iniziale chiusura del bando, avvenuta nel mese di luglio, potrà partecipare con un nuovo scritto: sarà compito della giuria includere tra le finaliste una sola lettera per autore, indipendentemente dall’ordine di invio.
Obiettivo del Festival, che nei suoi quindici anni di attività ha raccolto ad oggi quasi venticinquemila lettere scritte rigorosamente a mano, è infatti quello di colmare ogni tipo di distanza – fisica, culturale, temporale e sociale – tra le persone, attraverso la scrittura epistolare.
Scrivere una lettera oggi – e in questo momento più che mai – è un gesto importante, ricco di un senso profondo, in grado di unire passato e futuro, adulti e bambini, vicini e lontani, uguali e diversi. Il tempo e la cura che si dedicano alla composizione rendono il messaggio contenuto nella lettera, in particolare se redatta a mano, ancora più prezioso, potente e indelebile.

Festival delle lettere – XVI edizione - www.festivaldellelettere.it
BANDO DI CONCORSO APERTO FINO AL 30 MARZO 2021 
Bando e regolamento completo disponibili al seguente link:  https://festivaldellelettere.it/wp-content/uploads/2019/10/bando_concorso_2020_PROROGA_EXP.pdf
COME INVIARE LA PROPRIA LETTERA
1. Inviare la propria lettera insieme alla scheda di partecipazione compilata,
contenuta nel bando di concorso, a:
FESTIVAL DELLE LETTERE - Via Feltre 28/6, 20132 Milano
Si richiede gentilmente di NON spedire il proprio scritto a mezzo raccomandata postale,
ma tramite posta ordinaria.
2. Inviare una copia dattiloscritta tramite il sito ufficiale del Festival delle lettere, sezione INVIA LA TUA LETTERA:  https://festivaldellelettere.it/invia-la-tua-lettera/