Riceviamo e pubblichiamo
Le migliori promesse dell’Accademia di Belle Arti di Brera espongono da Bottegantica per un progetto a sostegno dei giovani pittori. Cinquq pittori: due italiani, un iraniano, un albanese, una giapponese. Mostra a cura di Valerio Mazzetti Rossi e Enzo Savoia. Consulenza scientifica di Ignazio Gadaleta.

Dal 20 novembre, la Galleria Bottegantica accoglierà nei suoi spazi espositivi di via Manzoni 45, a Milano, la mostra “Luci da Brera”.
L’esposizione, voluta dal critico Valerio Mazzetti Rossi e dal pittore Ignazio Gadaleta – figura di rilievo all’interno del panorama artistico italiano – si svolgerà negli spazi occupati in passato dalla memorabile Galleria del Naviglio, che nella seconda metà del Novecento ha sostenuto e promosso artisti entrati nella storia dell’Arte: Lucio Fontana, Enrico Burri, Massimo Campigli, Capogrossi e molti altri, e dove nel 2005 anche Ignazio Gadaleta ha esposto in mostra personale con opere ambientali (in contemporanea alla sua partecipazione alla XIV Quadriennale di Roma nella Galleria Nazionale d’Arte Moderna).

Memore di questo esempio Bottegantica ha deciso di selezionare cinque promettenti allievi della cattedra di Pittura tenuta da Ignazio Gadaleta presso l’Accademia di Belle Arti di Brera – da oltre due secoli fucina di straordinari artisti, come Francesco Hayez, Giovanni Segantini, Lucio Fontana, Marino Marini, Vanessa Beecroft –, e di raggrupparli all’interno di una mostra/manifesto allo scopo di farli conoscere al grande pubblico.
I cinque artisti sono Yuki Aoki (1974, Giappone); Erika Bellanca (1992, Italia); Elias Bertoldo (1994, Italia); Saeed Naderi (1981, Iran) e Arjan Shehaj (1989, Albania).

Le opere esposte contemplano diverse forme di espressione che attivano la persistenza della pittura, come linguaggio inesaurito e inesauribile. Lo spettatore è così messo nella condizione di riflettere sul concetto di ‘continuità’ dell’arte, e di contemplarne la storia nel suo divenire.
Con tale evento, Bottegantica porta avanti il laboratorio moderno e contemporaneo (Lab contemporary) nato nel 2018 con la mostra Ottocento Contemporaneo. Due generazioni a confronto e proseguito con la mostra Fresh Kiss. Pascale Marthine Tayou in collaborazione con la Galleria Continua (aprile 2018).  

I cinque artisti, provenienti da diversi Paesi del mondo, dialogheranno insieme attraverso un linguaggio universale, dettato dall’assenza di parole e dalla comprensione emotiva e sensibile. La luce e le sue innumerevoli derivazioni cromatiche saranno al centro di questa mostra.
Bottegantica crede fortemente nella promozione di nuovi artisti – spiega Enzo Savoia fondatore di Bottegantica – Attraverso questa mostra ci auguriamo da una parte di lanciare e sostenere l’arte, la formazione e la ricerca e dall’altra di valorizzare la creatività e il genio individuale”.
Essere autentici e interrogare il presente – dichiara Ignazio Gadaletasono queste le azioni che attualizzano la pittura e che caratterizzano gli esercizi lucidamente auto-disciplinari di questi artisti giovani”.
Per tale evento, il nuovo sito internet di Bottegantica inaugurerà online la mostra: LUCI DA BRERA, con speciali interviste video dei cinque artisti.

LUCI DA BRERA
Milano, Galleria Bottegantica (via A. Manzoni, 45)
20-28 NOVEMBRE 2020
Orari: da martedì al sabato 10-13; 15-19
Vernissage: giovedì 19 NOVEMBRE
Ingresso libero
Catalogo ONLINE – sezione VIEWING
Info: (+39) 0235953308 – (+39) 0262695489
milano@bottegantica.com  - info@bottegantica.com - www.bottegantica.com