Riceviamo e pubblichiamo
Patrizia Fiandrini è una delle pochissime stiliste che cura dal disegno all’esecuzione le proprie creazioni e per il 2021 si affida alla Daily Collection.

La Daily Collection assurge ad ariete in un periodo tra i più complessi e difficili degli ultimi 50 anni e racconta ancora una volta la determinazione, coraggio e visione di una tra le poche stiliste che oltre al disegno è personalmente esecutiva del manufatto.
Grande professionalità e straordinaria esperienza sartoriale sono la radice del brand che, nella circostanza pandemica, ha lavorato con la consapevolezza di un perimetro commerciale che pretende capacità di rivisitazione che solo i grandi maestri possono affrontare.

Probabilmente la seconda linea di Patrizia Fiandrini avrebbe mantenuto la sua “discrezionalità” se non fossimo incappati nell’allerta pandemica. Le collezioni proposte dal brand fin dagli inizi del suo percorso hanno abituato gli estimatori  alla lettura del bello e del garbo oltre che della sostanza su cui la stilista fonda il proprio lavoro ed il ricorrente progetto creativo. Gran sera, cocktail, dopo teatro… capi di assoluto valore sartoriale hanno sfilato in Italia ed oltre oceano, riempito editoriali, vestito noti testimonial, ottenuto apprezzamento nella scorsa fashion week statunitense e tra un outfit e l’altro la stilista, puntualmente,  ha inserito  un abito più “easy”,  adatto ad un utilizzo più “improvvisato” spezzando, volutamente, l’imponenza delle collezioni.
Quest’anno così complicato, di fronte ad un mercato necessariamente attendista e soprattutto alle tante incognite per il futuro la stilista, già façon ultratrentennale tra le più apprezzate nel panorama internazionale, ha sdoganato la Daily affidandogli un compito assai arduo. La seconda linea del brand ha elaborato una capsule collection agganciata a pochi e chiari concetti commerciali che sono il prezzo, il manufatto  e lo stile. L’alchimia attraverso la quale i tre valori sono stati messi in reciproca armonia non ci è dato conoscere ma certo è che la proposta raccontata nella cilp promozionale riflette a tutto tondo lo spessore del brand riconfermando ai capi la valenza sartoriale con una estrema attenzione alla sostenibilità nell’acquisto e non trascurando minimamente la scelta dei tessuti oltre allo sforzo stilistico che mai come in questa occasione risponde alla necessità di soddisfare età ed utilizzi trasversali dei capi da parte della propria clientela. Anche quest’anno ha visto lo Studio Del Vecchio impegnato nella produzione degli strumenti promozionali riconfermando Federico Mancuso per foto, riprese e montaggio, Tony Prosia per il trucco e parrucco ed Aldo Azzaro quale Sound Designer. La modella scelta per video e catalogo è la splendida Helma Nocera. Villa Giulia, località Marcellina (provincia di Roma), una struttura architettonica che ricorda le atmosfere di un cinema mai dimenticato, ha ospitato la maison quale location per foto e riprese.